Saletomic
Laghi romantici per l’Expo 2021.
ULTIME NOTIZIE Viaggi & Turismo
SAN GALLO
3 gior
RagARTz: 83 artisti, 16 paesi e 400 opere d’arte
La grande mostra di sculture resta ancora aperta fino al 31 ottobre
Viaggi & Turismo
1 sett
Navigare attraverso il Parco del delta del Po
Patrimonio UNESCO: tappe finali della “Locarno-Milano-Venezia”
CANTONE / ITALIA
1 sett
Locarno-Venezia: sul Naviglio Grande
In viaggio sulle vie navigabili che portano alla Serenissima
Viaggi & Turismo
2 sett
Quinten, la riviera della Svizzera orientale
Ultima tappa del reportage alla scoperta dell’Heidiland, tra Bad Ragaz e il Walensee
NEWSBLOG VIAGGI
3 sett
“Senda dil Dragun”: il sentiero più lungo del mondo
A colloquio con Reto Poltéra, promotore di un progetto turistico sostenibile
ITALIA
3 sett
Macugnaga: museo della montagna e del contrabbando
Reportage su una regione ricca di storia, montagne e natura incontaminata.
SAN GALLO
1 mese
Il magico eremo dei Walser nella Valle di Calfeisen
Reportage alla scoperta dell’Heidiland, tra Bad Ragaz e il Walensee
BOSCO GURIN
1 mese
I Guriner al lavoro per il futuro di Bosco Gurin
“Tavola rotonda” promossa dalla comunità culturale e politica per dare una nuova identità al comune Walser
GRIGIONI
1 mese
Arosa Bärenland: la nuova casa degli orsi bruni
Reportage alla scoperta dei Grigioni: le perle di Coira, Arosa e Laax.
ASCONA
1 mese
Ascona, si salpa per Venezia
Nuova edizione del trekking culturale sulla storica idrovia
Viaggi & Turismo
1 mese
C’era una volta una bambina chiamata Heidi
Reportage alla scoperta dell’Heidiland, tra Bad Ragaz e il Walensee
ITALIA
1 mese
Grado, storica gemella di Venezia
Reportage alla scoperta dell’idrovia che dalla città lagunare porta a Trieste.
GRIGIONI
2 mesi
Coira, la città più antica della Svizzera
Reportage alla scoperta dei Grigioni: le perle di Coira, Arosa e Laax
Viaggi & Turismo
2 mesi
Grimsel, sorgente d’Europa e fonte d’energia
Finesettimana all’ospizio del Grimel, albergo datato 1932
CANTONE
2 mesi
Venezia, si salpa da Tenero
Pomeriggio informativo al Centro sportivo nazionale
VALLESE
2 mesi
Macugnaga: alla scoperta del Dorf e dei Walser
Reportage su una regione ricca di storia, montagne e natura incontaminata.
BERNA
07.03.2021 - 14:300

Expo 2021: “Collegare le menti, creare il futuro”

La prossima esposizione universale aprirà in ottobre a Dubai. Presente anche la Svizzera

BERNA - Sarà la prima volta che un’esposizione universale avrà luogo nella regione che include Medio Oriente, Nord Africa, e Sud Asia. Il tema scelto per quest’edizione è “Collegare le menti, creare il futuro”, che fa riecheggiare uno spirito (nuovo) di collaborazione e cooperazione. Attraverso questo tema, l’Expo 2021 di Dubai farà da catalizzatore, collegando menti di tutto il mondo e ispirando i partecipanti a mobilizzarsi su sfide condivise in un’esposizione mondiale di portata globale senza precedenti.

Sarà la prima esposizione universale ospitata da un Paese arabo e musulmano. Oltre 190 Paesi si sono già impegnati a partecipare all’Expo, il cui tema è «Unire le menti, creare il futuro». Sono attesi circa 25 milioni di visitatori, il 30% dei quali provenienti dagli Emirati arabi uniti (EAU) e il restante 70% dall’estero. Sarà quindi il primo evento di questo tipo ad attrarre più visitatori internazionali che locali.

In programma dal 1. ottobre 2021 al 31 marzo 2022, l’Expo funzionerà da trampolino di lancio per inaugurare una visione sostenibile e progressista del turismo per i prossimi decenni. L’esposizione universale ha identificato tre sotto-temi intorno a cui la comunità globale si raccoglierà per siglare nuove collaborazioni con lo scopo di trovare soluzioni a questioni fondamentali, ed infine lasciare il segno di una forte trasformazione sociale ed economica in tutta la nostra regione e nel mondo: sostenibilità - progresso e prosperità senza compromettere i bisogni delle generazioni future; mobilità - sbloccare nuove possibilità per persone e comunità, contribuendo con successo al futuro; opportunità - Creare collegamenti più intelligenti e produttivi.

L’Expo coprirà bel 438 ettari situati nel quartiere Dubai-South, a metà strada tra Abu Dhabi e Dubai, l’area sarà servita da tre aeroporti internazionali, da un’importante rete stradale e da un’estensione della metropolitana di Dubai. Grazie a queste infrastrutture saranno assicurate facilità di accesso all’evento e massimizzazione dei benefici ai partecipanti. La struttura sarà coperta da un tessuto fotovoltaico che oltre a generare ombra potrà generare energia e sarà illuminato durante le ore notturne. Verranno utilizzati anche materiali e acque riciclati.

L’eredità consisterà nel sito stesso con le sue strutture e infrastrutture sulle quali si baserà lo sviluppo dell’intero quartiere Dubai-South. Tale area includerà un centro espositivo all’avanguardia, istituzioni accademiche e di ricerca e anche un polo tecnologico.

La Svizzera è stata la prima a confermare la propria adesione all’Expo Dubai. I padiglioni svizzeri delle precedenti esposizioni si sono fatti notare per i loro contenuti interattivi. I contatti tra le visitatrici e i visitatori e lo staff del padiglione assicurano che la comunicazione sul nostro Paese passi direttamente per le persone. Il padiglione prevede uno spazio riservato a workshop ed eventi che permettono di confrontarsi con i vari argomenti trattati e fare nuove scoperte. Siamo certi che a Dubai il padiglione svizzero diventerà una delle principali attrazioni dell’Expo 2020 e per quanto riguarda il numero delle visite ci aspettiamo che tocchi il 10% del totale.

Il padiglione svizzero “Reflections” ruota intorno ad aspetti chiave della cultura, della bellezza naturale e delle innovazioni svizzere trasmessi attraverso una serie di elementi interattivi e di immagini. I paesaggi mozzafiato del nostro Paese faranno da sfondo alle soluzioni proposte per un futuro sostenibile mostrando tecnologie innovative e conquiste scientifiche.

Il nostro paese si presenterà attraverso un’iconica struttura temporanea ispirata alle tende beduine. La costruzione, il funzionamento e la manutenzione del padiglione riflettono il tema dell’Expo, «Unire le menti, creare il futuro». Il padiglione stesso è costruito con elementi prodotti in modo sostenibile, sia per quanto riguarda la struttura che le parti costituite da tessuti, facili da installare e da smontare.

Il progetto svizzero selezionato – ideato dagli architetti dello studio OOS di Zurigo in collaborazione con gli studi Bellprat Partner e Lorenz Eugster – si distingue, dall’esterno, per la sua architettura audace. E anche all’interno offrirà un’esperienza unica: mentre attraverseranno il padiglione, visitatrici e visitatori non solo potranno ammirare i meravigliosi panorami svizzeri ma anche conoscere più a fondo un Paese fiero delle proprie tradizioni e insieme dotato di un’elevata capacità innovativa. Come in viaggio, il padiglione permetterà a chiunque lo attraversi di scoprire specifici valori svizzeri. Lo spazio sarà suddiviso in tre «atti», ognuno dei quali rifletterà uno dei temi centrali: «tipicamente svizzero», «scoprire opportunità e possibilità» e «unire le menti, creare il futuro».

La Viaggi Rossetti sta valutando, sempre in considerazione delle libertà di movimento, di organizzare la visita dell’esposizione universale. Nel 2015 l’offerta “Navigando all’Expo”, presentata in occasione dell’esposizione a Milano, aveva riscontrato un grande successo. Questo viaggio-studio, esclusivo per la Svizzera italiana, potrebbe rappresentare un’idea interessante. Voi, cari lettori, cosa ne pensate?

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch

Link utile: http://www.viaggirossetti.ch/


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 11:42:54 | 91.208.130.85