CR
Il treno della Furka Bergstrecke.
ULTIME NOTIZIE Viaggi & Turismo
SVIZZERA
1 gior
Svizzera Turismo lancia le colorate novità autunnali
Novità: dalla mappatura dei colori dei boschi al Bed’n’Bureau
SVIZZERA
1 sett
Sciaffusa, città rinascimentale bagnata dal Reno
"Suisse Parc": fine settimana alla scoperta del centro storico, dei bovindi e delle cascate monumentali
ITALIA
2 sett
Navigare attraverso il Parco del Delta del Po
Patrimonio UNESCO: tappa della “Locarno-Milano-Venezia”
ITALIA
2 sett
Panperduto, museo italo-svizzero delle acque
La diga è diventata un nodo importante del turismo fluviale e della bicicletta
TICINO
3 sett
Robiei ai piedi del ghiacciaio del Basodino
“Suisse Parc”: alla scoperta di una vera mecca dell’escursionismo
ITALIA
1 mese
Venezia: missione compiuta!
I gommoni del trekking 2020 hanno raggiunto la Serenissima
ITALIA
1 mese
In viaggio verso Venezia: da Don Camillo!
Fermata a Brescello per far visita ai set cinematografici e gustare le specialità emiliane
CANTONE / ITALIA
1 mese
Ascona, si salpa sabato per Venezia
Quindicesima edizione del trekking culturale sulla storica idrovia
URI
1 mese
Andermatt, un villaggio baciato dalla fortuna!
“Suisse Parc”: crocevia storico con ben otto passi alpini, sorgente dei grandi fiumi europei e luogo di leggende
GRIGIONI
1 mese
A spasso nel Parco Nazionale Svizzero
“Suisse Parc”: l’ultima tappa del giro nel Grigioni si svolge nei boschi a “caccia” di stambecchi, cervi e marmotte
POSCHIAVO
1 mese
Poschiavo, la bella mediterranea
“Suisse Parc”: al confine tra le Alpi e il primo sud allo scoperta di un vero patrimonio culturale
ALTDORF
1 mese
Benvenuti nella galleria di base del Gottardo
“Suisse Parc”: guide esperte e un'emozionante mostra vi forniscono interessanti informazioni sul progetto Alptransit
CAVAGLIA
2 mesi
Le marmitte dei giganti a Cavaglia
“Suisse Parc”: fermata nel piccolo villaggio per scoprire il “Parco dei ghiacciai”
CANTONE
2 mesi
Venezia, si salpa da Tenero
Pomeriggio informativo al Centro sportivo nazionale
URI
27.08.2020 - 18:340

Furka, viaggio nel passato a tutto vapore!

“Suisse Parc”: godetevi un bel viaggio con il treno della nostalgia restaurato e rimesso in servizio

REALP - Prosegue il mio giro nel canton Uri, questa volta a bordo di uno storico trenino. La ferrovia a vapore del Furka vi offre un'indimenticabile avventura ferroviaria attraverso un magnifico paesaggio montano. La ferrovia a vapore Furka-Bergstrecke (DFB) è la ferrovia a vapore più alta d'Europa. Si snoda tra Realp e Oberwald. Attraversa poi il Passo del Furka (2160 m s.l.m.). Circa 30 mila passeggeri entusiasti salgono a bordo del treno a vapore Furka ogni estate e in autunno. Il viaggio da Realp a Oberwald dura circa due ore in treni storici splendidamente restaurati. Questo percorso mozzafiato con una lunghezza di 17,8 km è uno dei più spettacolari percorsi ferroviari della Svizzera.

Le prime richieste per la costruzione della ferrovia tra Briga e Disentis risalgono agli inizi del ventesimo secolo. Lo scopo era quello di collegare, con una trasversale, le direttrici ferroviarie occidentali della Svizzera con i cantoni orientali del territorio attraversando i Grigioni, Uri e Vallese. Le prime concessioni per la costruzione di una ferrovia, attraverso le alte zone del passo del Furka e dell'Oberalp, vennero rilasciate qualche anno dopo: il 21 luglio 1907, per la tratta Briga-Gletsch. L'elettrificazione della linea venne realizzata durante il periodo bellico. La difficoltà dei collegamenti permaneva tuttavia nel periodo invernale a causa dell'ascesa fino ai 2000 metri dei valichi dell'Oberalp e della Furka e imponeva la chiusura stagionale del tratto intermedio con lo smontaggio del ponte Steffenbach e la chiusura dei portali di alcune gallerie per proteggerli dalle frequenti valanghe. Venne studiata la possibilità di una variante di base di 15,4 km in galleria che venne infine realizzata in 9 anni e inaugurata nel 1982 abbandonando così la difficile tratta intermedia a cremagliera tra Realp e Oberwald e attivando anche un servizio di treni navetta per le autovetture. Originariamente fu costruito come parte del percorso del Glacier Express sul Passo del Furka. È stato poi sostituito da un tunnel aperto nel 1982. Attraverso questo tunnel, il Glacier Express può ora circolare tutto l'anno. Questa tratta non è più necessaria perché tutti i treni del Glacier Express utilizzano la nuova galleria. Era previsto di chiudere questa sezione della linea. Tuttavia, grazie al fantastico supporto in loco, è possibile godersi di nuovo il Furka Pass e il treno a vapore a cremagliera.

Questo storico treno a vapore circola oggi da Oberwald a Realp e passa davanti all'imponente ghiacciaio del Rodano, che ha dato il nome alla linea ferroviaria originale "Glacier Express". Il treno a vapore parte dal Cantone Vallese di Oberwald (1'366 m) e sale alla stazione di Gletsch. Prima di superare il panorama, ci si trova sul maestoso ghiacciaio del Rodano e la stazione successiva è Muttbach-Belvédère. Da qui si entra nella galleria lunga 1.874 m fino alla stazione più alta di Furka 2.160 m.

Il fantastico paesaggio impressiona anche l'industria cinematografica. Una serie di scene del film di James Bond "Goldfinger" è stata girata sul Passo del Furka nel 1964. Queste scene sono oggi considerate dei classici della storia del cinema di James Bond. La locomotiva a vapore si erge sulla collina accanto al furioso Furkareuss. L'audace Wiler Bridge, i tre tunnel stretti e tortuosi dell'Alt-Senntumstafel e il famoso ponte di Steffenbach sono attraversati con calma.

Il ponte di Steffenbach è conosciuto in tutto il mondo per il suo unico meccanismo di piegatura. Il ponte in acciaio, costruito nel 1925, ha una campata di circa 36 metri e un'altezza massima di circa 17 metri. Il ponte è composto da tre parti e può essere smontato durante i mesi invernali e ricostruito in primavera. In questo modo si evita che venga distrutta da una valanga. Una prima stazione a Tiefenbach viene utilizzata per l'approvvigionamento idrico. Ora che i serbatoi sono di nuovo pieni, il viaggio continua su prati alpini fioriti.

Una pausa più lunga è prevista al passo del Furka a 2’160 metri sul livello del mare. Nel treno a vapore Furka, le bevande non vengono vendute a causa di vincoli di spazio e di tempo. Tuttavia, i treni si fermano a questa stazione per 20 minuti ed è possibile acquistare una bibita, caffè o un panino.

In seguito, il treno viaggia attraverso il tunnel sotto la vetta, lungo quasi due chilometri, in direzione del Vallese. Dalla stazione di Muttbach-Belvédère, l'insieme inizia la discesa vera e propria con il supporto di pignoni e cremagliere su una pendenza fino all'11,8%. Particolarmente spettacolare è la vista sul ghiacciaio del Rodano, che si staglia tra le cime innevate. Potete ancora salire a bordo fino al 27 settembre, da venerdì a domenica con diverse corse giornaliere nelle due direzione. Riservate per tempo.

 (Le prime due parti di questo reportage sono state pubblicate il 30 luglio e 12 agosto 2020)

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch

Link utile: www.viaggirossetti.ch

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-27 16:44:21 | 91.208.130.85