mobile report Segnala alla redazione
Dice/EA
GAMES
05.12.2018 - 07:000
Aggiornamento 11:36

Battlefield V: un (quasi) capolavoro che sa di incompletezza

Il colosso del multiplayer di Electronic Arts e Dice è arrivato finalmente sugli scaffali ed è una bomba, ma buttata fuori un po' di fretta

 

STOCCOLMA - Ah, cara Seconda guerra mondiale - Alleati contro Asse, caschi verdi contro caschi neri - quante storie e quanti giochi hanno fatto su di te. Come si fa a far sì che il solo sentirti nominare non salti fuori uno sbadiglio?


Dice/EA

A scuola dal cinema - Tutto sta nel focus (più umano e meno supereroistico), nelle scelte dell'ambientazione (in posti e momenti poco noti) e nella direzione. Ne sa qualcosa Cristopher Nolan che con l'epocale film "Dunkirk" (2017) ha cambiato tutto, e pure Dice che con questo "Battlefield V" ci ha messo del suo. Dopo aver rinfrescato il primo grande conflitto con "Battlefield I" gli assi svedesi dello sparatutto hanno deciso di ritornare là dove tutto era iniziato: il conflitto del '39-45.

Reinventare un conflitto - La chiave è quella umanizzante e fresca, e splendidamente inscenata, che già ci era piaciuta un sacco nell'ultimo episodio: protagonisti insoliti e scontri inediti, gran cura nel dettaglio e soprattutto un multiplayer - in terra e cielo - di quelli a prova di bomba. Bastano pochi minuti con il joypad in mano per farsi catturare dagli orrori e le grandezze della guerra. E questo anche grazie a un impianto audiovisuale di prima categoria.


Dice/EA

Cartoline dal fronte - Partigiane norvegesi all'assalto di un impianto nucleare, fucilieri senegalesi impegnati nel Sud della Francia, ex-galeotti esperti di esplosivo e il kommandant di una divisioni di carriarmati in Nordafrica. Sono questi i protagonisti delle avventure single-player che, più che una campagna vera e propria, sono delle istantanee all'interno del grande conflitto. Realizzate con cura, divertono abbastanza e possono essere un buon modo per familiarizzare con le meccaniche prima di gettarsi nella mischia vera.

La guerra cambia (poco) ma in meglio - Per quanto riguarda il multiplayer - che resta LA modalità di "Battlefield" - le innovazioni rispetto a "I" non sono poi tantissimissime. Risulta però evidente la cura riposta per smussare là dove il predecessore non era esattamente al top. Ci riferiamo soprattutto ai veicoli (ribilanciati) e all'aviazione (che a questo giro ci è piaciuta molto), così come alle colossali Operazioni su Vasta Scala che sono state riorganizzate a favore del realismo e dell'epica.


Dice/EA

Uno per tutti... - Vero e proprio punto centrale della modalità multi è la squadra, che qui dovrà essere ancora più coesa per portare a casa la pellaccia e la missione. Per conquistare il campo di battaglia sarà fondamentale l'interazione (meglio se vocale) e lo sfruttare al massimo tutte le caratteristiche e le abilità di classi come il Medico, il Supporto ma anche del Ricognitore. 

Quella sensazione da work in progress - Malgrado tutti i pregi del gioco di Dice forse il suo più grande problema è che sembra un titolo buttato fuori per il Natale incombente quando non era ancora al 100% maturo. Le mappe non sono tantissime, manca una modalità promessa alla vigilia del lancio (quella Royale che ormai è un must) e pure l'offerta single player non è completa. 


Dice/EA

Insomma, a decretare il trionfo (o la sconfitta) di "Battlefield V" sarà il supporto costante (e nel tempo) da parte degli sviluppatori. Se questo verrà garantito ci troviamo davanti a forse il miglior esponente di sempre della serie. Altrimenti sarà davvero un gran peccato.

VOTO: 9

“Battlefield V” è disponibile per Playstation 4 (versione provata), Xbox One e Pc Windows. Lo abbiamo recensito grazie a una copia gentilmente messa a disposizione da Electronic Arts.

ZAF

2 anni fa Battlefield 1: questa sporca guerra
Commenti
 
KilBill65 6 gior fa su tio
Lo ho acquistato ed e' vero quello che dite, e' un bel gioco strutturato bene sia nella campagna che nel multiplayer ma e' incompleto questo si....Spero che nelle prossime settimane o mesi lo assestano un attimo perche' come gioco merita...Vedremo!!....
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-12 07:08:10 | 91.208.130.86