AvanTi
+1
ULTIME NOTIZIE AvanTI
ITALIA
1 gior
Scienziati decodificano il modo in cui il cervello distingue gli odori
Uno studio ha permesso di decodificare il linguaggio neurale degli odori riuscendo ad ingannare il cervello dei topi
FINLANDIA
4 gior
Idrogeno a basso costo grazie a un nuovo catalizzatore in nanotubi di grafene
Sviluppato un catalizzatore che consente le reazioni chimiche alla base della produzione dell’idrogeno a prezzi ridotti
STATI UNITI
6 gior
Elon Musk ha presentato i progressi di Neuralink
Mostrato su un maiale il funzionamento dell’impianto cerebrale in grado di connettere il cervello ad un computer
STATI UNITI
1 sett
Micrashell, la tuta tecnologica per proteggerci dai virus
Dagli Stati Uniti un progetto futuristico per tornare a socializzare senza distanziamento e al sicuro dal coronavirus
SINGAPORE
1 sett
Le batterie al litio-zolfo ora sono più stabili e performanti
Un team di ricercatori ha creato un elettrolita semisolido per batterie litio-zolfo più sicure e ad alte prestazioni
REPUBBLICA CECA
2 sett
Ecco la prima casa galleggiante stampata in 3D
Si chiama Prvok, si realizza in 48 ore, ha una superficie di 43 mq, è parzialmente autosufficiente e durerà 100 anni
STATI UNITI
2 sett
Impianto cerebrale all’avanguardia permette ad un uomo paralizzato di muovere di nuovo le braccia
Grazie a un chip impiantato nel cervello un uomo affetto da paralisi riesce a usare le mani e percepire gli oggetti
STATI UNITI
2 sett
L’occhio artificiale del MIT riconosce le immagini in pochissimi nanosecondi
Questo nuovo tipo di occhio artificiale sarà molto utile per i robot industriali e per le auto a guida autonoma
AvanTi
3 sett
Ecco il supercomputer più veloce al mondo
Si chiama Fugaku, è giapponese e ha una potenza e una velocità di calcolo inimmaginabili
STATI UNITI
12.08.2020 - 06:000

L’Intelligenza Artificiale scopre un potente antibiotico contro i superbatteri

I ricercatori del MIT grazie all’AI individuano un farmaco capace di uccidere anche i batteri antibiotico-resistenti

Negli ultimi anni gli scienziati di tutto il mondo si sono affidati alle capacità dell’Intelligenza Artificiale per riconoscere, isolare e sperimentare nuove molecole che possano risultare utili a risolvere determinati problemi di salute. Oggi, grazie proprio a una rete neurale, è stato compiuto un importante passo in avanti per quanto riguarda la lotta contro i batteri.

Uno studio condotto dai ricercatori del Massachusetts Institute of Technology e pubblicato sulla rivista Cell rivela la scoperta di una formula farmacologica in grado di uccidere molti ceppi di batteri, compresi quelli già divenuti resistenti agli antibiotici tradizionali. Ad individuare il potente antibiotico è stato proprio un algoritmo, che ha sancito ufficialmente l’ingresso su scala globale del machine learning nell’ambito scientifico destinato alla ricerca di nuovi farmaci.

L’antibiotico è stato chiamato Halicin, in onore di HAL 9000, l’AI del celebre film di Stanley Kubrik “2001 Odissea nello Spazio”. Secondo Regina Barzilay, professore di Computer Science al MIT, “in termini di scoperta di antibiotici inediti, quanto accaduto rappresenta una novità assoluta”.

L’Halicin, infatti, inibisce la capacità dei batteri di mantenere il gradiente elettrochimico necessario per produrre molecole che immagazzinano energia, portandoli così alla morte.

Tale approccio risulta anche difficilmente contrastabile. Non a caso, il temibile batterio Escherichia Coli non è riuscito a sviluppare alcuna resistenza all’Halicin dopo 30 giorni, mentre ce ne sono voluti soltanto tre per contrastare la ciprofloxacina, base di molti antibiotici comuni. “Penso si tratti di uno dei più potenti antibiotici mai scoperti nella storia, perché mostra una notevole attività di contrasto a una serie molto ampia di agenti patogeni antibiotico-resistenti”, ha dichiarato James Collins, docente di Bioingegneria presso il MIT.

L’AI che ha scoperto l’antibiotico Halicin è stata “addestrata” a riconoscere la struttura molecolare di circa 2500 formule, di cui sia 1700 farmaci ben noti che 800 prodotti naturali. Gli scienziati hanno programmato la rete neurale in modo che rintracciasse non soltanto le molecole con proprietà antibiotiche, ma si concentrasse soprattutto su quelle che mostravano strutture differenti rispetto a quelle tipiche degli antibiotici esistenti. Adoperando un secondo programma di machine learning, poi, i ricercatori hanno esaminato i risultati individuando i composti più sicuri per l’uomo.

La sperimentazione dell’Halicin è appena agli inizi e per ora è stato utilizzato con successo soltanto in vitro e nei topi. Il team di ricerca prevede di continuare i propri studi con la collaborazione di un’azienda farmacologica o di un’organizzazione no-profit, allo scopo di dare vita a un farmaco realmente sicuro per l’utilizzo sull’uomo. La speranza è che in futuro, con soluzioni simili, si possano trovare altri antibiotici innovativi, oppure riuscire a modificare quelli attuali per renderli ancora più efficaci contro i batteri resistenti.

AvanTi
Guarda le 4 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-18 16:14:52 | 91.208.130.86