ULTIME NOTIZIE Economia
Cina
5 ore
L'armata dei 50 centesimi, o come la Cina cerca d'influenzare se stessa
Propaganda, disinformazione e manipolazione. Così in 13 anni la Cina ha investito 16,9 miliardi
MONDO
15 ore
Gli spettri Evergrande e Fed affondano i mercati
Tutte in rosso le borse europee, male anche Wall Street
MONDO
17 ore
Meno sussidi (ma anche dazi) per una transizione verde efficace
È quanto sostiene uno studio pubblicato oggi dal World Economic Forum
CINA
19 ore
In Cina TikTok limitato per i preadolescenti a 40 minuti al giorno
La decisione del social cinese per «tutelare i giovani» e prevenire possibili strette governative
CANTONE
1 gior
Manor: «I nostri vestiti saranno social»
Una moda diversa tra una regione linguistica e l'altra. Ecco quali sono i gusti dei ticinesi
CINA
1 gior
Il collasso di Evergrande avrà ripercussioni globali?
Alcuni analisti dicono di no, ma intanto sui mercati asiatici (e non solo) è già visibile un netto effetto domino
GERMANIA
1 gior
Lufthansa, aumento di capitale da 2,14 miliardi
Operazione decisa per poter restituire gli aiuti statali, come annunciato dal gruppo
MONDO
2 gior
La città più sicura al mondo è Copenhagen
Zurigo, la prima città svizzera citata dallo studio, si posiziona al 19esimo posto
STATI UNITI
2 gior
Addio alle password, svolta per Microsoft
Sarà necessario installare l'app Authenticator, e collegare il proprio account
PAESI BASSI
3 gior
Fare una transazione in Bitcoin? «È come buttare nel cestino due iPhone»
Una nuova analisi mette in evidenza il problema dei rifiuti tecnologici generati dalla criptovaluta
SVIZZERA
3 gior
Dentro Logitech, fuori Swatch: come cambia l'SMI
La Borsa di Zurigo segue le evoluzioni provocate dalla pandemia
STATI UNITI
3 gior
Dati manipolati per favorire la Cina? Bufera su Georgieva
Il caso riguarda i rapporti 2018 e 2020 di "Doing Business", realizzati dalla Banca Mondiale
SVIZZERA
3 gior
Nuove case da gioco, decisione non prima di un anno
Quelle in essere scadranno il 31 dicembre 2024
SVIZZERA
3 gior
«Oggi non siamo d'accordo su cosa significhi sostenibilità»
Servono regole globali così da evitare le accuse di 'greenwashing', secondo la responsabile UBS per l'Europa
SVIZZERA
4 gior
Il Covid fa trasformare Ricola, «in arrivo nuovi prodotti»
Il celebre marchio elvetico sta per lanciare una nuova linea di caramelle
CINA
4 gior
Evergrande, un altro pesante tonfo in Borsa: -13%
L'azienda è ancora in bilico tra un disastroso tracollo, un collasso gestito, o un salvataggio del Governo
Stati Uniti
4 gior
Le Pagine Gialle sbarcano su WhatsApp, in arrivo pubblicità e Marketplace
L'azienda di messaggistica vuole sfruttare la crescita dei negozi nell'online, esplosa durante la pandemia
Irlanda
4 gior
Ryanair apre 5'000 nuove posizioni per il personale di bordo
La compagnia torna alla carica a discapito di chi non ce l'ha fatta o ha ridotto l'offerta
SVIZZERA
20.06.2012 - 16:030
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:04

UBS festeggia 150 anni di storia

Il compleanno del colosso del credito cade il prossimo lunedì

ZURIGO - Protagonista nel bene e nel male della storia svizzera l'UBS, maggiore banca elvetica risultata dalla fusione con la Società di Banca Svizzera (SBS) nel 1998 e ora tra i principali istituti mondiali, festeggia lunedì prossimo i 150 anni di esistenza.

Per uno studio sull'origine della banca, è necessario risalire fino alla seconda metà dell'800. Il 25 giugno 1862, tredici personalità agiate fondano la Bank von Winterthur con un capitale iniziale di 5 milioni di franchi allo scopo di sostenere lo sviluppo economico della regione.

Tra i promotori figurano alcuni tra i maggiori protagonisti dello sviluppo industriale dell'epoca come i Sulzer, i Rieter, i Reinhart, famiglie che hanno scritto un pezzo di storia economica elvetica. Lo scopo dell'operazione è sostenere l'industria tessile in espansione e finanziare a suon di milioni l'estensione della rete ferroviaria allora in fieri. UBS sosterrà per esempio il finanziamento delle locomotive utilizzate lungo l'asse del San Gottardo.

Nel 1912, la Bank of Winterthur si fonde con la Banca del Toggenburgo attiva nell'ambito del risparmio e del credito ipotecario, per dare luogo all'Unione di banche svizzere con un capitale azionario di 35 milioni.

Frattanto, nel 1854 a Basilea sei banche private uniscono i rispettivi destini con l'obiettivo di finanziare progetti industriali e ferroviari. Di fusione in fusione, nel 1897 vede la luce la Società di Banca svizzera (SBS), che aprirà la prima filiale a Londra nel 1898 - allora centro della finanza mondiale - denotando già una forte propensione internazionale. Il polo bancario basilese svolgerà un ruolo determinante nel finanziamento del tunnel ferroviario del San Gottardo e nello sviluppo dell'industria chimica.

Dal 1914 al 1945 - I trent'anni che intercorrono tra lo scoppio della prima guerra mondiale e la fine della seconda guerra mondiale sono contraddistinti da alti e bassi. L'istituzione della Banca nazionale svizzera nel 1907 e la decisione di agganciare il franco svizzero al gold standard trasformano la valuta elvetica in un bene rifugio apprezzato soprattutto in caso di conflitto. La Grande guerra - e gli anni successivi il 1918 - sono un periodo di prosperità per le banche elvetiche, che vedono affluire capitali in fuga dai paesi vicini, come la Francia e la Germania, paesi schiacciati dall'enorme debito contratto per far fronte alle ostilità.

Dopo la prima guerra mondiale l'UBS si espande in tutta la Svizzera tramite numerose acquisizioni e aperture di filiali. Parallelamente, anche le operazioni di credito all'estero (soprattutto Germania ed Europa orientale) e la partecipazione all'emissione di prestiti obbligazionari esteri ne favoriscono lo sviluppo.

La crisi degli anni '30 investe anche la Svizzera. Diverse banche falliscono. Gli affari languono anche per UBS e SBS che devono ridurre il personale. La codificazione del segreto bancario nel 1934 rafforza il ruolo della Svizzera quale paese rifugio in caso di crisi grave politica ed economica e pone la basi per il futuro sviluppo del settore della gestione patrimoniale. La sconfitta della Francia nel 1940 rafforza il ruolo della Germania nazista quale partner economico. L'intensità di tali relazioni e l'afflusso di fondi di ebrei perseguitati sono aspetti le cui ripercussioni si faranno sentire nei decenni a venire.

Dal 1945 al 1980 - Dopo un breve periodo di "purgatorio" dovuto alle accuse di collaborazionismo con le potenze dell'Asse, la Svizzera viene rapidamente riaccolta in seno alla comunità internazionale. Risparmiata dai conflitti, la Confederazione può offrire all'Europa uscita distrutta dalla guerra un sistema industriale intatto e bancario efficiente da utilizzare anche in funzione anticomunista.

Saldamente ancorata all'Occidente, la Svizzera approfitta appieno del boom economico dei trent'anni seguenti. L'UBS accresce la sua presenza sul mercato nazionale aprendo nuove filiali e rilevando, tra l'altro, la Banca federale (1945), fino a diventare il maggiore istituto di credito del paese agli inizi degli anni '60. La piazza finanziaria elvetica diventa la terza per importanza al mondo.

In questo periodo, UBS e SBS sono ancora banche puramente commerciali: non propongono ipoteche, né conti risparmio o salario. SBS apre il primo bancomat in Europa nel 1967.

Dal 1980 al 1998 - Negli anni '80 e '90 UBS e SBS si aprono al mercato internazionale. Le due banche s'impongono a poco a poco quali istituti di credito globale, potenziando l'investment banking, la gestione patrimoniale internazionale e il private banking offshore.

Gli anni '80 e '90 sono anche contraddistinti dalla bolla immobiliare, che causa perdite importanti ai due istituti, come anche dalla questione dei fondi ebraici in giacenza nelle banche elvetiche, vertenza risolta col versamento di 1,25 miliardi di dollari. Il segreto bancario è sempre più sotto pressione. A metà 1998 il colpo di scena: UBS e SBS si fondono.

Dal 1998 ad oggi - L'accorpamento è giustificato con la globalizzazione e la deregolamentazione dei mercati finanziari. La forza finanziaria della vecchia UBS e la struttura organizzativa e l'esperienza internazionale di SBS, trasformano la nuova UBS in un istituto di rilevanza mondiale. Nel 2000, UBS rileva la banca americana PaineWebber attiva nella gestione patrimoniale, rafforzando così la propria posizione in questo settore e in quello dell'investment banking.

L'ondata espansionista non è esente da rischi. La forte presenza nel portafoglio titoli di crediti ipotecari ad alto rischio - mutui subprime - porta UBS sull'orlo del fallimento nel 2008. A ciò si aggiungono le pressioni americane sul segreto bancario in seguito alla scoperta di pratiche illegali di UBS volte a eludere gli obblighi fiscali di clienti statunitensi. Il tracollo è scongiurato grazie all'intervento dello Stato. Il salvataggio della banca è accompagnato da un ammorbidimento del segreto bancario. Attualmente, UBS è diretta dal ticinese Sergio Ermotti. L'istituto si concentra maggiormente sulla gestione patrimoniale e il mercato elvetico.

Ats


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 11:48:22 | 91.208.130.87