ITALIALa gip del caso Charlotte Angie: «Voleva trasferirsi, per questo lui l'ha uccisa»

31.03.22 - 18:52
Le novità del caso, direttamente dal fascicolo d'inchiesta. La 26enne stava pensando di cambiare casa
IMAGO / Gribaudi/ImagePhoto
La gip del caso Charlotte Angie: «Voleva trasferirsi, per questo lui l'ha uccisa»
Le novità del caso, direttamente dal fascicolo d'inchiesta. La 26enne stava pensando di cambiare casa

BRESCIAA - Il bancario 43enne reo confesso dell'omicidio e dello smembramento della 26enne varesina attiva nel mondo dell'hard con lo pseudonimo di Charlotte Angie, lo avrebbe fatto per paura di essere abbandonato e non per un gioco erotico finito male.

Lo sostiene la gip di Brescia nell'ordinanza che convalida il fermo del primo e unico sospettato del truce delitto. Il motivo, riporta il documento ripreso dal Corriere della Sera, avrebbe a che fare con l'intenzione di lei di lasciare Rescaldina (MI) - dove viveva, come dirimpettaia dell'uomo che era stato anche una sua frequentazione - per il Veronese e per la città di Praga.

D.F. pur acconsentendo che la ragazza «di cui si è rappresentato follemente innamorato» frequentasse altri uomini, «non poteva assolutamente accettare che se ne andasse lontano, abbandonandolo». In passato la gelosia era stata ritenuta un movente possibile

Il delitto, consumato durante «un gioco erotico che avevano concordato, approffittando della evidentemente incondizionata fiducia che la giovane riponeva in lui». Il movente «è di evidente natura passionale». Il 43enne, lo ricordiamo, era spesso dietro la videocamera dei film a luci rosse che la vedevano protagonista.

Segno di efferatezza - l'uomo è accusato di omicidio volontario aggravato - l'aver «vissuto accanto al cadavere per 69 giorni» in quella che la procuratrice ha definito «una folle dinamica omicida» e «una complessa strategia per occultare l'orrendo delitto commesso». Arrivando anche ad affittare una casa su AirBnB per occultare il corpo.

Il cadavere della ragazza, tagliato in 15 pezzi e insacchettato, era stato poi gettato da un dirupo in Val Camonica, dove era stato poi rinvenuto da un passante. Il riconoscimento è stato possibile grazie ai numerosi tatuaggi sul suo corpo e al lavoro di ricerca del portale locale BresciaNews (BSnews.it).

 

NOTIZIE PIÙ LETTE