Immobili
Veicoli
Marinha
PORTOGALLO
24.01.2022 - 08:330
Aggiornamento : 09:54

Jean-Jacques Savin: dichiarato morto, ma manca il corpo

La Marina Militare portoghese rettifica: «La barca era ribaltata, abbiamo trovato solo i suoi documenti in una sacca»

MADERA - Versioni che si incrociano e fatti non riportati nella loro integrità. La Marina Militare portoghese ha ritrattato sul ritrovamento del corpo di Jean-Jacques Savin. Ora, viene precisato in una nota, a bordo dell'imbarcazione su cui il 75enne era in viaggio attraverso l'Atlantico sono stati ritrovati solo i suoi documenti.

Ieri veniva annunciata la morte dell'avventuriero francese Jean-Jacques Savin. Lo aveva comunicato la famiglia su Facebook, la squadra di volontari che segue il francese nelle sue avventure e la Marina Militare portoghese lo avevano confermato ai media. Ma nessuno ha ritrovato il corpo e Savin è quindi ancora portato disperso. Le autorità locali hanno scritto in una smentita che «le ricerche si sono terminate ieri notte (sabato, ndr) senza alcun esito».

Il fatto che Savin non si trovasse più sulla barca dopo l'interruzione delle comunicazioni con la sua famiglia alle 00:34 di venerdì è stato ora ulteriormente confermato da dei marinai che si trovavano su delle navi mercantili e che hanno incrociato l'imbarcazione senza vedere nessuno a bordo. La marina intanto precisa che la barca a remi su cui viaggiava l'avventuriero è stata trovata ribaltata e che i soccorritori avevano in realtà «forte motivo di credere che all'interno di questa avrebbero ritrovato il corpo». Nella smentita viene aggiunto che «è stata ritrovata una sacca impermeabile che conteneva i documenti di Savin».

Il 75enne era partito dal Portogallo il primo gennaio alla volta della Martinica su una barca a remi. Il suo obiettivo, oltre che traversare l'Oceano con la forza delle sue braccia e del vento, era diventare «il nonno dell'Atlantico». La sua famiglia, riporta LeParisien, e il team di volontari che segue da vicino le avventure di Jean-Jacques Savin, diventato noto nel 2019 per aver compiuto una traversata in un barile, non riescono a spiegarsi l'errore fatto dalle autorità portoghesi nelle comunicazioni.

Afp
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-28 00:09:18 | 91.208.130.89