Immobili
Veicoli
Keystone
REGNO UNITO
20.01.2022 - 22:000

Per un giurato “disonesto” il processo a Maxwell è da rifare?

Era stato vittima di abusi da bambino e non l'aveva detto, secondo i legali della difesa questo inficia il procedimento

NEW YORK - Un cavillo, se così si può chiamare, per riaprire il processo a Ghislaine Maxwell vice ed ex-compagna del miliardario pedofilo Jeffrey Epstein.  Come riporta il Guardian, lo vorrebbero sfruttare i legali della donna - condannata a fine dicembre - perché si faccia tabula rasa.

Tutto ruota attorno al giurato numero 50 che si è rivelato essere una vittima di abusi sessuali, subiti durante l'infanzia. La sua storia e le sue esperienze - ha spiegato lo stesso interessato in un'intervista data al Daily Mail - avrebbero poi aiutato gli altri giurati a farsi un'idea sul caso, giungendo poi al verdetto di colpevolezza.

Per il team difensivo questo è un problema, perché sui questionari di selezione della giuria fra le domande poste c'era anche «Sei stato vittima di abusi sessuali o hai famigliari che lo sono stati?». Il numero 50 avrebbe quindi risposto in maniera disonesta, inficiando così tutto il procedimento.

Negli Stati Uniti la selezione delle giurie è un processo molto importante e laborioso perché può avere un peso capitale sulla sentenza. Entrambe le parti fanno il possibile per includere giurati che ritengono possano empatizzare/simpatizzare con la causa o l'imputato.

In questo senso, per il team di Maxwell, la risposta omessa da parte del giurato 50 è uno svantaggio non trascurabile e, se avesse detto di essere stato vittima di abusi, sarebbe stato assai verosimilmente escluso dal processo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-26 01:13:14 | 91.208.130.89