REUTERS
I militari hanno iniziato a consegnare il carburante nelle stazioni di servizio in Inghilterra.
REGNO UNITO
04.10.2021 - 15:150

Sono iniziate le consegne del carburante da parte dei militari britannici

La loro attività sarà concentrata su Londra e il sud-est dell'Inghilterra. E migliaia di albanesi si offrono

LONDRA - In queste ore i militari britannici hanno iniziato a rendersi utili per rifornire le stazioni di servizio britanniche, a secco o a corto di carburante da giorni.

È entrato quindi in azione il piano previsto dal governo Johnson nei giorni scorsi: circa 200 tra donne e uomini di esercito e aviazione sono stati assegnati ai terminal, dove molti di essi saliranno nelle cabine delle autobotti e le condurranno laddove c'è urgente richiesta. L'attività dei primi 65 militi sarà concentrata su Londra e nella parte sud-orientale dell'Inghilterra, spiega la Bbc.

«Più della metà di coloro che hanno completato la formazione per effettuare consegne di carburante vengono schierati nei terminal che servono Londra e il sud-est dell'Inghilterra, a dimostrazione che il settore sta assegnando i conducenti alle aree più colpite in questa prima fase da lunedì» ha dichiarato un portavoce governativo. L'esecutivo nazionale è stato fortemente criticato per non aver agito in maniera più rapida e per aver permesso che serpeggiasse il panico tra la popolazione, con i distributori presi d'assalto e con lunghissime code - che hanno paralizzato la circolazione in molte aree - in quelli che sono rimasti aperti. Com'è noto, il problema non riguarda la produzione di carburante ma la consegna nelle aree di servizio, a causa della mancanza di molte migliaia di conducenti di mezzi pesanti per un mix di fattori - su tutti gli effetti della Brexit e della pandemia.

Domenica la Petrol Retailers Association, l'associazione di categoria britannica, ha dichiarato che la crisi è virtualmente finita in Galles, Scozia, e nelle aree centrali e settentrionali dell'Inghilterra. Eppure oltre il 20% delle stazioni di servizio è al momento senza una goccia di benzina o diesel.

L'offerta dei lavoratori albanesi - (Ats Ans) Migliaia di lavoratori albanesi che vivono nel Regno Unito sono pronti a offrirsi come trasportatori, anche gratis, per aiutare il Paese a risolvere la crisi dei carburanti post-Brexit: lo ha dichiarato l'ambasciatore d'Albania a Londra, Qirjako Qirko, citato dal Guardian.

Secondo l'ambasciatore, almeno 5'000 dei 150'000 albanesi censiti nel Paese sono pronti anche subito. «Se il vostro governo accetta, possiamo offrire trasportatori affidabili, forse 5'000 immediatamente», ha detto Qirko, dicendo di non sapere se la loro patente sia quella giusta.

L'ambasciatore ha parlato di «atto di gratitudine» nei confronti del Regno Unito, citando l'intervento della Nato del 1999 in Kosovo, che fermò il genocidio degli albanesi.

«Gli albanesi nel Regno Unito lavorerebbero anche senza paga per via di quello che questo Paese ha fatto per loro. Siamo per sempre grati al governo e all'esercito di questo Paese per quello che hanno fatto per i nostri fratelli nel Kosovo», ha detto Qirko.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-29 04:29:08 | 91.208.130.87