Immobili
Veicoli

STATI UNITI / CINAFalsi certificati Covid, il traffico internazionale sta vivendo un vero e proprio boom

17.09.21 - 17:30
Le dogane Usa intercettano migliaia di pacchi provenienti dalla Cina
KEYSTONE
Falsi certificati Covid, il traffico internazionale sta vivendo un vero e proprio boom
Le dogane Usa intercettano migliaia di pacchi provenienti dalla Cina

WASHINGTON - I funzionari doganali statunitensi sono alle prese con un vero e proprio boom di sequestri di falsi certificati Covid-19. Sono migliaia i pacchi intercettati di provenienza cinese, ha dichiarato un portavoce della U.S. Customs and Border Protection alla Nbc. È un flusso ininterrotto, assicura: «In pratica abbiamo smesso di tenerne traccia, perché ce ne sono così tanti».

Il prezzo? In ascesa - Sono migliaia i venditori che offrono online copie quasi perfette di certificati Covid. Il canale privilegiato per queste richieste è Telegram, dopo che quasi tutti i social e i siti di e-commerce (da Amazon a Facebook, passando per Etsy e Twitter) hanno vietato la commercializzazione di questi documenti contraffatti. Il loro prezzo è salito notevolmente nelle ultime settimane e ora si possono raggiungere le centinaia di dollari. Quasi tutti i pacchi vengono spediti da Shenzhen, hanno osservato le dogane statunitensi.

Possibile uso fraudolento dei dati personali - Sono circa 10mila gli utenti di Telegram che mettono in vendita i falsi certificati, secondo una rilevazione della società di sicurezza informatica Check Point. Viene quasi sempre richiesto il pagamento in bitcoin e talvolta si chiede di fornire informazioni personali che non sarebbero necessarie per ricevere un documento in bianco e da compilare successivamente, ha messo in guardia l'esperto Brian Linder. «Quello di cui la gente non si rende conto, ovviamente, è che Dio solo sa dove finiscono la loro identità e le loro informazioni finanziarie».

«Un crimine federale» - Non essendo stato stabilito un criterio federale su come controllare l'avvenuta vaccinazione degli individui, i certificati Covid sono diventati particolarmente "ambiti" tra coloro che, non essendo immunizzati, vogliono far credere di esserlo. «Gli individui non vaccinati che utilizzano tessere vaccinali fraudolente mettono se stessi, i loro cari e i loro concittadini americani a rischio di contrarre il Covid-19», ammonisce lo U.S. Customs and Border Protection. «Inoltre, l'uso non autorizzato del timbro di un'agenzia governativa ufficiale (come quello del Dipartimento della salute e dei servizi umani o dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie) è un crimine federale» che può essere punito severamente.

I certificati Covid in questione vengono rilasciati all'atto della vaccinazione e, ovviamente, sono gratuiti.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO