keystone-sda.ch (ABIR SULTAN)
Migliaia di persone sono scese in piazza ieri a Tel Aviv.
+3
ISRAELE
07.06.2020 - 10:500

Manifestazione anti-annessione, 12 arresti

Un fotografo ha riferito di essere stato percosso dalla polizia.

L'esercito si attende una reazione violenta da parte di Hamas.

TEL AVIV - Migliaia di israeliani, ebrei e arabi, hanno partecipato ieri nella Piazza Rabin di Tel Aviv a un raduno, indetto da varie organizzazioni, contro l'occupazione israeliana nei Territori e contro l'annessione di parti della Cisgiordania che il governo Netanyahu intende intraprendere da luglio.

La polizia ha arrestato 12 persone che, secondo la versione ufficiale, avevano «intralciato il traffico». Fra gli arrestati anche Tomer Appelbaum, un fotografo di Haaretz che stava riprendendo il comportamento degli agenti. Su Twitter Appelbaum ha poi scritto di essere stato percosso durante l'arresto malgrado - ha assicurato - egli non avesse opposto alcuna resistenza perché impegnato a proteggere i propri apparecchi fotografici.

«È stata una serata emozionante», ha osservato la cantante Noa che si è esibita di fronte al pubblico. «In migliaia, ebrei e arabi, sono venuti per parlare di pace, di eguaglianza, di due Stati indipendenti. L'annessione - ha aggiunto - è pericolosa e rischia di rivelarsi disastrosa per noi come società, come popolo, come Stato».

Rischio di una reazione violenta di Hamas - L'estensione della sovranità israeliana a parti della Cisgiordania rischia di provocare una reazione violenta di Hamas fra cui nutriti lanci di razzi da Gaza verso importanti città israeliane, Tel Aviv inclusa. Questo è uno degli scenari prefigurati dai vertici militari, secondo quanto ha riferito oggi l'emittente delle forze armate.

Hamas inoltre potrebbe cercare di rafforzare la propria posizione in Cisgiordania come alternativa della Autorità nazionale palestinese. Gli islamici potrebbero anche cercare di sfruttare una situazione di confusione sul terreno per tentare di lanciare razzi verso Israele anche dalla Cisgiordania.

L'emittente ha confermato che finora i vertici dell'esercito non hanno ricevuto da Netanyahu alcuna carta geografica che illustri le aree su cui da luglio intende estendere la sovranità israeliana. Di conseguenza, ha precisato, l'esercito si vede costretto a elaborare numerosi piani di contingenza.

keystone-sda.ch (ABIR SULTAN)
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-03 22:55:23 | 91.208.130.86