Immobili
Veicoli

BAHAMASIl DNA svela la storia dei Caraibi prima dell'arrivo degli europei

23.12.20 - 17:00
La popolazione nel 1500 era di appena 50'000 persone, e non un milione come riportato da Colombo
Deposit
Fonte ats ans
Il DNA svela la storia dei Caraibi prima dell'arrivo degli europei
La popolazione nel 1500 era di appena 50'000 persone, e non un milione come riportato da Colombo
La prima grande ondata migratoria è avvenuta 6'000 anni fa.

NASSAU - Il Dna antico rivela la storia dei Caraibi prima dell'arrivo degli europei e mostra che l'area è stata colonizzata grazie a due grandi ondate migratorie: la prima risale a circa 6'000 anni fa e la seconda a circa 3'000 anni fa. Il risultato mostra inoltre che i discendenti di questi abitanti indigeni vivono ancora oggi nei Caraibi.

La ricerca, pubblicata su "Nature", si deve al gruppo internazionale di genetisti, archeologi e antropologi coordinati da David Reich dell'università americana di Harvard.

Si sa poco sulla storia della popolazione dei Caraibi prima dell'arrivo degli europei circa 500 anni fa. Per ricostruirla, lo studio ha analizzato i genomi di 174 persone vissute 2'000 anni fa in quelle che oggi sono le Bahamas, Cuba, Repubblica Dominicana, Haiti, Puerto Rico, Guadeloupe, Santa Lucia, Curaçao e Venezuela.

«I risultati genetici - spiega Alfredo Coppa dell'università Sapienza di Roma, che ha partecipato allo studio - si allineano con il riscontro fatto nelle popolazioni dell'epoca arcaica che si differenziavano significativamente da quelle dell'epoca della ceramica».

L'elevato numero di campioni esaminati ha infine permesso una stima della dimensione dell'antica popolazione caraibica, mostrando che nei Caraibi quando arrivarono gli europei vi erano al massimo 50'000 persone e non un milione, come riportato da Cristoforo Colombo.

NOTIZIE PIÙ LETTE