Keystone (archivio)
SVIZZERA
16.09.2019 - 12:520

Più soldi per promuovere lo sport

La consigliera federale Viola Amherd ha deciso di versare maggiori contributi alle settimane bianche delle scuole e di raddoppiare i posti nelle scuole reclute per gli sportivi di punta

BERNA - Maggiori contributi alle settimane bianche delle scuole e raddoppiamento dei posti nelle scuole reclute, entro il 2033, per gli sportivi di punta. Lo ha annunciato la consigliera federale Viola Amherd, che vuole così rafforzare la promozione dello sport di massa e di competizione.

Il sostegno dell'esercito è un pilastro importante della promozione dello sport di punta della Confederazione, indica in una nota odierna il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS), precisando che al momento la Svizzera non si situa in buona posizione nell'aiuto diretto per gli atleti di punta.

Circa il 70% degli sportivi deve svolgere, oltre allo sport, anche un'attività professionale. Per questo motivo, Amherd intende sviluppare la promozione dello sport di punta nell'esercito: entro il 2033 potranno essere ammessi fino a 70 atleti in ognuna delle due scuole reclute annuali. Attualmente i posti disponibili sono 35.

In totale, l'esercito attualmente sostiene 600 sportivi di élite, spiega il DDPS, aggiungendo che entro 14 anni l'effettivo dovrebbe stabilirsi a circa 1400 atleti. La ministra dello sport ha informato il Consiglio federale in merito a questo sviluppo, che dovrà avvenire entro i limiti stabiliti dalla legislazione in vigore.

Più denaro per i campi invernali - A partire dal prossimo primo dicembre, le settimane invernali scolastiche che si svolgono secondo le regole di Gioventù+Sport (G+S) riceveranno maggiore sostegno finanziario. Gli organizzatori avranno a disposizione 12 franchi al giorno per ogni partecipante, invece degli attuali 7,60 franchi. I contributi possono essere aumentati nelle discipline sportive invernali - ad esempio sci, snowboard, sci di fondo e salto con gli sci - a condizione che «le organizzazioni dei settori turistico ed economico prendano misure per la promozione delle stesse», sottolinea il DDPS.

A smuovere tutto ciò è stata una sentenza del Tribunale federale (TF), il quale ha stabilito che per le settimane sportive obbligatorie le scuole possono fatturare ai genitori solo un contributo alle spese per il vitto dei bambini. Per questo motivo, il Consiglio federale ha ritenuto opportuno sostenere queste attività sportive con contributi più elevati, dal momento che per i bambini tali esperienze risultano positive per il loro sviluppo e la loro socializzazione. Il DDPS prevede di aumentare i contributi per gli altri campi G+S a partire dall'estate 2020.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-07 09:31:22 | 91.208.130.87