Imago
SVIZZERA
02.08.2021 - 12:000

Sistema Schengen, la fedpol deve riesaminare la richiesta di un giornalista

Lo ha deciso il Tribunale federale, che ha parzialmente accolto un ricorso

LOSANNA - L'Ufficio federale di polizia (fedpol) deve riconsiderare la richiesta di un giornalista che voleva sapere se è stato incluso nel Sistema d'Informazione Schengen. Secondo il Tribunale Federale (TF), l'ufficio non può basarsi unicamente sul parere dello Stato che ha richiesto la registrazione.

Nel 2019, il giornalista svizzero-tedesco, che possiede anche un passaporto bulgaro, ha chiesto a fedpol se era registrato nel Sistema d'informazione Schengen (SIS). Per quasi due anni, è stato fermato e interrogato ogni volta che entrava nell'area Schengen. Dopo aver consultato lo Stato che ha richiesto la registrazione, fedpol ha negato le informazioni. La decisione è stata confermata nel 2020 dal Tribunale amministrativo federale.

In una sentenza pubblicata oggi, il TF ha parzialmente accolto il ricorso del giornalista. Il caso è stato quindi rinviato alla fedpol, che deve approfondire le indagini e prendere una nuova decisione.

I giudici di Mon Repos hanno sottolineato che la comunicazione di informazioni su una segnalazione SIS è regolata dalla legge del paese in cui è richiesta. Una restrizione del diritto all'informazione della persona interessata può essere prevista solo se lo svolgimento di un'indagine risulta seriamente ostacolato.

I giudici sottolineano che una segnalazione SIS costituisce una grave violazione del diritto all'autodeterminazione in materia di informazione. In questo caso particolare si aggiunge anche una violazione della libertà di stampa. Tali violazioni sono ammissibili solo se necessarie e proporzionate per proteggere interessi superiori.

Abusi del sistema Schengen - Non si sa quale procedimento sia in corso contro il giornalista. Fedpol non sembra avere informazioni sullo scopo dell'indagine, la sua durata e la necessità di proseguirla. La prima Corte di diritto pubblico ritiene inoltre che l'Ufficio debba approfondire le investigazioni quando sono presi di mira professionisti dei media.

Non è impossibile che il sistema di Schengen sia usato impropriamente per scopi di sorveglianza. Ci sono numerose segnalazioni di un deterioramento della libertà di stampa nel paese che ha lanciato l'allarme. In queste circostanze, fedpol non poteva decidere basandosi unicamente sul parere sfavorevole di quello Stato.

Nel suo ricorso, il giornalista sostiene che le autorità bulgare hanno presentato una richiesta di registrazione nel SIS abusiva a scopo di intimidazione poiché gestisce un sito web di notizie critiche nei confronti del governo. La Corte federale non ha confermato l'identità dello Stato richiedente.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-19 06:02:27 | 91.208.130.89