Cerca e trova immobili

SVIZZERARadiazioni, svizzeri ben protetti

08.09.23 - 15:21
L'UFAM (Ufficio federale dell'ambiente): «Valori al di sotto dei limiti»
Foto Deposit
Fonte ATS
Radiazioni, svizzeri ben protetti
L'UFAM (Ufficio federale dell'ambiente): «Valori al di sotto dei limiti»

BERNA - L'esposizione della popolazione svizzera alle radiazioni non ionizzanti (RNI) è globalmente moderata, secondo l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM). I valori più elevati, misurati nelle stazioni e nelle fermate dei tram dove sono concentrati numerosi cellulari, rimangono al di sotto dei valori limite.

La salute della popolazione è garantita, afferma l'UFAM in una nota odierna, precisando che ha pubblicato oggi il secondo rapporto sul monitoraggio dell'esposizione alle RNI.

Le radiazioni sono state misurate lo scorso anno lungo 150 percorsi in ambienti di tipo diverso, in luoghi pubblici e abitazioni sul territorio elvetico. Esempi di emettitori di radiazioni sono le antenne di telefonia mobile, i telefoni cellulari, i trasmettitori radio o TV, le linee elettriche ad alta tensione e le linee ferroviarie.

Le emissioni da un cellulare portato su di sé non sono state considerate perché «l'esposizione personale è superiore ai valori documentati» nello studio, rilevano gli autori.

Città più interessate da RNI

I valori misurati aumentano generalmente con l'urbanizzazione. Di conseguenza, le radiazioni sono più elevate nelle zone industriali e nelle città. I valori registrati all'esterno, come alle fermate dei bus, sono generalmente superiori che all'interno, dove una parte delle emissioni delle antenne di telefonia mobile vengono assorbite dai muri.

I ricercatori del Consorzio di progetto SwissNIS, che raggruppano tre imprese private e un istituito di ricerca, hanno effettuato rilievi anche nelle scuole. L'esposizione misurata nei cinque stabilimenti scolari scelti è «chiaramente inferiore ai valori limite», hanno concluso.

Nei cortili esterni delle scuole, la gran parte delle radiazioni misurate proviene dai cellulari, a basso livello. All'interno invece, l'esposizione è più debole e proviene principalmente dalla rete senza fili (WLAN).

Consultazioni per elettrosensibili

Questo rapporto si iscrive nelle misure di accompagnamento definite dal Consiglio federale ad aprile 2020 e legate in particolare alla quinta generazione della telefonia mobile (5G). Il prossimo rapporto verrà pubblicato nel 2024.

La seconda priorità definita dal governo è la creazione di un servizio di consulenza medica sulle RNI. A questo proposito, l'università di Friburgo ha lanciato una rete svizzera di consulenza medica perché le persone elettrosensibili possano essere seguite da uno specialista, ha indicato l'UFAM nella nota.

L'obiettivo è di permettere una migliore presa a carico delle persone che riconducono i loro mali alle RNI quotidiane delle applicazioni elettriche e delle tecnologie di telecomunicazione. Stando all'UFAM, fra il 5% e il 10% della popolazione svizzera si dichiara elettrosensibile.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE