Deposit
TI.MAMME
02.01.2021 - 07:000

I bambini ed il trauma dell'abbandono

Come aiutare la guarigione di una ferita sempre aperta nell'animo dei piccoli adottati

La storia di ogni creatura inizia nel momento del suo concepimento, quindi ognuno è formato da un patrimonio genetico e da una personale esperienza di tipo ambientale che inizia con il feto e prosegue, ininterrottamente, per tutta la vita. Questa specifica torna molto utile anche nel campo delle adozioni. La convinzione che adottare un neonato permetta di creare la sua memoria, riducendo al minimo la sua storia precedente, risulta quindi infondata. Già i bambini più piccoli dimostrano di avere una propria memoria alla quale attingono con consapevolezza e che si arricchisce di continuo. Quindi il bagaglio di un bambino adottato conterrà, inevitabilmente, i ricordi relativi al distacco dalla mamma biologica, e potrà essere arricchito con nuove importanti immagini, in grado di attivare il suo processo di crescita nel modo più sano. 

La separazione forzata dal proprio nucleo familiare sperimentata da un bambino, per qualunque motivo accada, è traumatica. Una mamma, infatti, durante la gestazione trasmette alla sua creatura informazioni sul suo stato mentale ed emotivo, oltre che nutrimento, ed il feto comincia ad immagazzinare informazioni creando un legame comunicativo unico e particolare con la mamma. Nulla può cambiare questa realtà che crea sicurezza e fiducia nel piccolo, sensazioni che sono alla base del trauma di un eventuale abbandono che costringe il piccolo a portare con sé la sensazione di una mancanza che si rivela fondamento di molte sue scelte ed altrettanti comportamenti in età via via adulta. 

Da questa sofferenza del bambino, scaturita dalla perdita delle persone di riferimento primarie, potranno derivare una profonda mancanza di fiducia nel prossimo, ma anche in se stesso, oltre ad una ambivalenza dimostrata nel sentimento nutrito verso qualcuno che non si apprezza totalmente, come il genitore dal quale il piccolo è stato abbandonato. La paura della perdita è un'altra conseguenza vissuta da un bambino adottato che si ritrova a vivere ogni separazione, anche momentanea, come un ulteriore trauma. Il sostegno di cui hanno principalmente bisogno i bambini adottati, così come tutti i bambini in genere, è quello di poter avere un controllo almeno parziale sulle situazioni e poter esprimere desideri ed emozioni certi di essere ascoltati e compresi. Un impegno indispensabile per assicurare una crescita serena dei piccoli.

TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-23 13:11:52 | 91.208.130.85