© Ascot Elite Entertainment Group. All Rights Reserved.
Luna Mwezi nel ruolo di Mia in una scena di "Platzspitzbaby"
+2
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
37 min
Gregoraci-Briatore, botta e risposta al veleno
I due ex si beccano parlando del loro passato insieme
STATI UNITI
4 ore
Un titolo chilometrico per il sequel di "Borat"
Tra i bersagli di Sacha Baron Cohen ci sono Donald Trump, Rudy Giuliani ma non solo
STATI UNITI
6 ore
Salt Bae costretto a chiudere a Boston, non rispettava le norme anti-Covid
E non per l'iconico sale grosso "smoccolato" sulla carne, piuttosto perché di mascherine proprio non ce n'erano
STATI UNITI
9 ore
Chadwick Boseman si tagliò il salario per avere Sienna Miller in un film
È stata l'attrice a raccontarlo
VIDEO
CANTONE
13 ore
Sisma ruggisce (e mette "i puntini sulle i")
Il singolo del rapper è solo l'antipasto, tra meno di un mese arriverà il nuovo album
VIDEO
ITALIA
20 ore
Il segreto di Verdone: «Non potevo più camminare»
Il racconto del regista e attore in un video pubblicato sui social
REGNO UNITO
22 ore
Keira Knightley non si ricorda che ruolo ha interpretato in Star Wars
L'attrice credeva di essere stata Padme. Invece era Sabe. La gaffe in un'intervista
REGNO UNITO
1 gior
Malta (ri)vuole il dente di squalo donato al principino
È stato Sir David Attenborough a regalarlo al principe George. Ma per la Valletta deve essere restituito
REGNO UNITO
1 gior
Harry e Meghan, il reality show? Niente da fare
Un portavoce ha negato il gossip pubblicato in giornata dal Sun
ITALIA
1 gior
Barbara D’Urso ammette: «Sono drogata di lavoro»
La conduttrice ha parlato del rapporto con la sua professione: «Ormai abito nel mio camerino»
STATI UNITI
1 gior
Fred, Wilma e Barney compiono 60 anni
"The Flintstones" raccontava l'America degli anni Sessanta con un'ambientazione preistorica
SVIZZERA
20.01.2020 - 06:000

La star bambina di "Platzspitzbaby": «Sul set fumavamo spinelli finti»

Arriva nelle sale il film di Pierre Monnard sulla scena aperta della droga a Zurigo negli Anni '90. Abbiamo incontrato la sua piccola protagonista

di Redazione
Mim/Do

ZURIGO - Giovedì 23 gennaio arriverà nelle sale ticinesi il film svizzero "Platzspitzbaby", di Pierre Monnard. Racconta la storia dell'11enne Mia (Luna Mwezi) e della madre tossicodipendente Sandrine (Sarah Spale) dopo che le due si trasferiscono fuori Zurigo in seguito alla dissoluzione, nel 1995, del giro di droga che ruotava attorno al Platzspitz, parco cittadino divenuto tristemente noto a livello internazionale in quel decennio per la scena aperta dello spaccio e del consumo di stupefacenti. Abbiamo intervistato la giovane protagonista. 

Luna, cos’hai pensato quando hai saputo di essere stata scelta per il ruolo di Mia in “Platzspitzbaby”?
Ho pianto di gioia! Allo stesso tempo, però, ho avuto anche paura che la mia scuola non mi sostenesse. E ovviamente mi incutevano un certo timore le riprese.

Era la prima volta che stavi davanti a una macchina da presa?
Avevo già avuto una piccola parte in precedenza, ma quello di Mia in “Platzspitzbaby” è il mio ruolo più importante.

Come sei arrivata a interpretare Mia in questo film?
Nel 2015 ho visto “Una campana per Ursli” al cinema con mio papà e mi ha ispirato. In quel momento, per me è stato chiaro che anch’io avrei dovuto recitare in un film un giorno.

E poi? Cos’è successo?
I miei genitori mi hanno iscritta a un’agenzia. Dopo un paio d’anni mi è stato proposto di partecipare al casting di “Platzspitzbaby”.

Qual è stata la difficoltà più grande durante le riprese?
Le prime scene cariche di emotività, nelle quali dovevo per esempio piangere. È stato piuttosto faticoso. Anche le scene più difficili, però, alla fine sono state divertenti.

Qual è l’emozione più difficile da interpretare davanti alla telecamera?
Ridere intenzionalmente. È davvero strano. La sfida è riuscire a farlo sembrare naturale.

Come ti sei preparata alle scene talvolta estreme?
Mi sono semplicemente immedesimata in Mia chiedendomi come potesse sentirsi in quel momento.

Riuscivi, finite le riprese, a uscire di nuovo dal tuo personaggio?
Durante le riprese tutti gli attori erano truccati e avevano indosso i costumi di scena. Non appena mi toglievo la maschera tornavo alla realtà. Per Sarah (Sarah Spale, ndr), però, è stato particolare impersonare Sandrine.

Perché?
Delle volte, quando eravamo completamente immerse in alcune scene, avevo davvero un po’ paura di lei. Era piuttosto inquietante.

Nel film fumi sigarette e spinelli. Come avete girato quelle scene?
Ovviamente noi bambini non fumavamo tabacco o cannabis veri. Nel finto spinello c’erano erbe comuni, come erba, appunto, o foglie di papaya. E nemmeno le sigarette contenevano vero tabacco. Era tutto innocuo.

Che cosa pensano i tuoi genitori del tuo ruolo?
Entrambi lo trovano molto bello e sono ovviamente molto orgogliosi di tutto quello che io e la troupe abbiamo fatto.

E i tuoi amici?
Ne ho parlato solo alle mie due migliori amiche. Pensano che sia molto figo e sono orgogliose di me.

Hai imparato qualcosa da Mia?
Nella canzone alla fine del film lei canta «Non mi arrendo». È davvero rimarchevole da parte sua: non ha mai smesso di credere in sua madre. Questo è quello che ho imparato da lei: che bisogna insistere e non darsi per vinti.

Durante le riprese hai perso molta scuola?
Sono riuscita a recuperare tutto. Non è che sono tornata e non capivo più niente. Le mie insegnanti, i miei insegnanti e il direttore, inoltre, mi hanno sostenuta molto.

Ora vuoi diventare un’attrice?
Sì, assolutamente, ma prima voglio finire le medie. Poi farò il liceo artistico.

© Ascot Elite Entertainment Group. All Rights Reserved.
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Emanuele Renato Stanganello 8 mesi fa su fb
Quanti ragazzi sono morti Col benestare della Polizia/politica. Una macchia indelebile della nostra perfetta Svizzera.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-29 19:37:59 | 91.208.130.85