GIAPPONE
08.05.2015 - 10:180
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Porno attore, specie in via d'estinzione

In Giappone, l'attore hard è come i panda, sempre più raro. Come spiega Shimiken l'ultima stella del settore

TOKYO - A 35 anni, Shimiken, il cui vero nome è Ken Shimizu, ha recitato in 7500 "video per adulti" e finora ha avuto più di 8.000 partner. Ma nonostante le sue qualità straordinarie l'attore si dice stanco e cerca rinforzi.

Da qui la "chiamata alle armi" su Twitter, dove ha lamentato come i colleghi siano più rari delle tigri del Bengala. Il suo tweet sta facendo il giro della rete, condiviso soprattutto dai fan preoccupati per il futuro di un'industria che in Giappone pesa ancora 20 miliardi di dollari.

"Siamo una specie in pericolo. Solo 70 attori per 10.000 porno star", spiega Shimiken in un'intervista con l'AFP. "Stiamo diventando rari come dei panda", ironizza l'appassionato di bodybuilding che, con i suoi capelli arancioni e un po' punk sembra la versione giapponese di Johnny Rotten, l'ex cantante dei Sex Pistols.

"Gli addetti ai lavori sono stanchi di vedere sempre gli stessi attori. Questa è la più grande preoccupazione nel mio settore", aggiunge.

Ken Shimizu continua comunque a lavorare sodo al ritmo di due o tre film al giorno (in media). "In generale, dormo con due o tre ragazze al giorno, il che equivale a fare l'amore per circa due ore al giorno", secondo i suoi calcoli. "E' un duro lavoro, ma qualcuno deve pur farlo", prosegue l'attore che distribuisce "meishis",(l'onnipresente biglietto da visita giapponese) a forma di fallo.

Palestrato, con una maglietta con su scritto "Sex Instructor", Shimiken adora mostrare i suoi bicipiti. Lui segue una dieta rigorosa. La sua borsa da palestra nasconde barrette di cioccolato proteiche, filetti di pollo, uova sode e, per preservare la sua virilità, corna di renna e bevande toniche a base di serpente, dalle presunte qualità afrodisiache.

"Non prendo il Viagra. Non c'è n'è bisogno", aggiunge lo stacanovista del sesso che protegge i suoi genitali con una lussuosa crema per il viso. E si rammarica solo di un incidente, nel quale un collega fu ferito con un tacco a spillo. "Questo lavoro, però, è molto meglio che un impiego in un ufficio. Lo faccio da 17 anni e non ne ho mai abbastanza. Vorrei tenere duro fino a 100 anni ", si è ventato.

Anri Okita, porno star, ha solo buone parole per Shimiken. "Alcuni stalloni come lui, meraviglie della natura, sono una razza in via di estinzione. Si tratta di fisiologia. Solo Superman può fare quello che fanno loro, con grande tecnica e resistenza. Il Giappone può ritenersi orgoglioso".

Per gli esperti dell'industria del porno la penuria di attori sarebbe da attribuire alle nuove tendenze sociali e la nascita, a metà degli anni 2000 in Giappone, degli "uomini erbivori" (i "soshoku Danshi"), che avrebbero sostituito il maschio virile. Il concetto è stato lanciato nel 2006 da un giornalista, Maki Fukasawa, specialista della cultura popolare, che parlava di giovani poco o per niente interessati al sesso e che rifiutano il valore del successo e della carriera, contro la tradizione giapponese.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 12:03:56 | 91.208.130.87