Immobili
Veicoli

Viaggi & TurismoGewürztraminer, oro e munizioni!

15.06.22 - 12:15
In visita a Novacella e Fortezza alla scoperta di importanti istituzioni culturali della regione di Bressanone
Claudio Rossetti
Viaggi & Turismo
15.06.22 - 12:15
Gewürztraminer, oro e munizioni!
In visita a Novacella e Fortezza alla scoperta di importanti istituzioni culturali della regione di Bressanone

BRESSANONE - Oggi vi parlo di due perle dell’offerta culturale della regione di Bressanone: un monastero ed una fortezza. Il monastero agostiniano di Novacella, vicino a Bressanone, fu fondato già nel 1142 dall'allora vescovo Hartmann di Bressanone. Il complesso monastico, che si trova tra i vigneti, è considerato il più grande di tutto il Tirolo e può essere visitato tutto l'anno.

L'Abbazia di Novacella è ancora oggi un monastero attivo. I canonici presenti si occupano di più di 20 parrocchie e svolgono attività pastorale. Inoltre, il complesso monastico ospita un dormitorio e una scuola pubblica, oltre a una casa di formazione per adulti. Il monastero di Novacella è noto anche per la sua eccellente cantina. In particolare, i vini bianchi della Valle dell'Isarco del monastero, come il Gewürztraminer, il Sylvaner, il Müller Thurgau e il Veltliner, sono sempre in grado di ottenere buoni voti alle degustazioni nazionali e internazionali.

All'ingresso del complesso monastico, nel cortile esterno del monastero, la prima cosa che vedi è la Cappella di Michele. Si tratta di una rotonda romanica merlata, modellata su Castel Sant'Angelo a Roma. Oggi la cappella, costruita intorno al 1200, viene utilizzata per le mostre. La Cantina dell'Abbazia si trova anche vicino alla Cappella di San Michele. Qui si può non solo degustare uno degli eccellenti vini del monastero, ma anche mangiare un boccone.

Dal cortile esterno del monastero si accede al cortile vero e proprio del monastero attraverso un portale, il cui gioiello è la fontana ottagonale rinascimentale con una tettoia affrescata. Gli affreschi furono realizzati da Nikolaus Schiel nel 1670. Raffigurano le sette meraviglie del mondo e il monastero di Novacella come l'ottava meraviglia del mondo. Le visite guidate al monastero iniziano anche all'interno.

Uno dei punti di forza di questa abbazia è la chiesa collegiale di Nostra Signora a tre navate, elevata a basilica minore nel 1956. Una chiesa in stile romanico fu costruita in questo sito già nel 1190. La torre e la navata centrale risalgono ancora a quest'epoca. Nel XV secolo fu aggiunto il coro in stile gotico e il tetto fu ricoperto con le colorate tegole smaltate tipiche dell'Alto Adige. Tra l'altro, il tetto è notevolmente più alto della navata e raggiunge quasi l'altezza della torre. Un'altra importante ristrutturazione ebbe luogo tra il 1734 e il 1737. Sotto la guida di Giuseppe Delai di Bolzano, l'interno della chiesa fu decorato in stile barocco. Particolarmente suggestivi sono gli stucchi rocaille (ornamenti a forma di conchiglia) e gli affreschi del soffitto di Matthäus Günther. Nella sacrestia si trovano anche affreschi di Michael Pacher, risalenti al 1470. Direttamente sul lato nord della navata si trova la Cappella della Signora, costruita dai fratelli Delai intorno al 1655.

A sud della chiesa si trova il chiostro, costruito intorno al 1200, al quale è stata aggiunta la volta a crociera gotica nel XIV secolo. In particolare, vale la pena di vedere gli affreschi di Michael Pacher, alcuni dei quali sono ancora ben conservati. Nel chiostro si trovano anche numerose lapidi, tra cui quella di Oswald von Säben († 1465). Questo è visibile proprio accanto all'ingresso della chiesa. Si dice che anche il famoso menestrello Oswald von Wolkenstein abbia trovato qui la sua ultima dimora. Purtroppo la lapide è scomparsa.

Un altro aspetto eccezionale dell'Abbazia di Novacella è la biblioteca. La sala della biblioteca fu costruita tra il 1771 e il 1778 in stile rococò. Il pavimento in parquet multicolore, i numerosi ornamenti rocaille e la galleria circostante sono particolarmente impressionanti. Nella biblioteca dell'abbazia sono conservati circa 92’000 libri, manoscritti e mappe. L'abbazia si trova al centro di un magnifico giardino abbaziale, che può essere visitato. Il giardino è stato riaperto solo nel 2004 dopo un intenso lavoro di restauro. Qui si possono ammirare, tra l'altro, alberi di ginkgo secolari e una sequoia.

Il monastero è aperto tutto l'anno dal lunedì al sabato. Le visite guidate si svolgono dal lunedì al sabato alle 11, alle 14 e alle 15. Nei mesi di luglio e agosto, vengono offerte visite guidate aggiuntive, mentre il monastero è chiuso la domenica e le festività religiose.

Ora mi sposto lungo la valle dell’Isarco, per circa 10 chilometri, con destinazione il comune Fortezza dove si trova uno storico complesso militare. La fortezza sorge lungo la strada del Brennero, sulle rive del lago artificiale di Franzensfester. Fa parte degli 11 musei regionali dell'Alto Adige, un'associazione indipendente che comprende anche il Museo del Vino di Caldaro e il Museo archeologico dell'Alto Adige di Bolzano. Il complesso con il suo gigantesco labirinto di stanze, corridoi e scale fu costruito su 20 ettari sotto l'imperatore Ferdinando I dal 1833 al 1838. Deve il suo nome all'imperatore Francesco I d'Austria, che era al potere quando la fortezza fu progettata. Il compito della fortezza era quello di assicurare il collegamento del traffico attraverso la regione dell’alta valle Wipptal, passando per il Brennero. A volte, 3’000 – 4’000 uomini erano impegnati a costruirlo contemporaneamente. Le munizioni erano conservate nella zona alta con le caverne, mentre le caserme erano ospitate nella zona bassa. Le due parti della struttura erano collegate da una scala di 433 gradini costruita nella roccia. La costruzione era destinata a eventi bellici, ma non vi fu mai coinvolta: Ancora oggi nell'area sono presenti alcuni piccoli bunker più recenti, costruiti dall'esercito italiano dopo il 1930 per la regione da attacchi ed invasioni.

La fortezza può essere visitata nell'ambito di un tour storico guidato e oggi ha la funzione di museo. La mostra permanente racconta le storie della fortezza e dei suoi dintorni - tra cui l'ipotesi che il tesoro d'oro della Banca Nazionale Italiana sia stato nascosto qui durante la Seconda Guerra Mondiale - e percorre un interessante arco fino al presente e al futuro. La Fortezza di Franzensfeste è anche sede di vari eventi. Tra questi, la Biennale Europea di Arte Contemporanea Manifesta7 e vari eventi culturali.

Cercate un albergo nella zona e un panorama montano mozzafiato, una deliziosa cucina altoatesina, suite in stile tirolese e un intero mondo di benessere? Allora non posso che consigliare il Panoramahotel Taljörgele. Ad un'altitudine di 1’400 metri, il Panoramahotel Taljörgele offre un regno di relax. Immerso nei dolci prati della valle di Ridanna, circondato da una maestosa cornice di montagne, il resort sorge su una piccola collina soleggiata. La famiglia Haller gestisce il rinomato hotel in stile tirolese classico-moderno con professionalità e autenticità. Autenticità, stile e perfezione renderanno le vacanze perfette, mentre l'ospitalità familiare creerà quella particolare atmosfera casalinga. In estate e in inverno, il Panoramahotel è il punto di partenza ideale per molte escursioni nei dintorni, esplorare la zona in sella ad una bicicletta o semplicemente a piedi.

Il mio reportage da Bressanone finisce qui, ma tornerò presto nell’Alto Adige, una regione che ha tanto da offrire. Seguitemi!

I precedenti articoli di questo reportage sono stati pubblicati il 17, 25 e 30 maggio.

Testo a cura di Claudio Rossetti
Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch
Link utile: www.viaggirossetti.ch
www.instagram.com/viaggirossetti
Foto: Monastero e fortezza (di CR)

 

ULTIME NOTIZIE VIAGGI & TURISMO