CR
Arte: vera e falsa!
ULTIME NOTIZIE Viaggi & Turismo
BERNA
2 gior
Campeggio e caravaning danno appuntamento a Berna
Suisse Caravan Salon avrà luogo dal 28 ottobre al 1. novembre
BUONCONVENTO
6 gior
A spasso con Magnum sulle Crete Senesi
Prosegue in Toscana il cammino sulla Via Francigena verso Roma
SAN GALLO
1 sett
Toggenburgo: dal sentiero sugli alberi a Zwingli
Reportage alla scoperta di una regione vicina e sconosciuta
POSCHIAVO
2 sett
Le streghe al Museo poschiavino
Ultima occasione per visitare la mostra “Streghe: storie di persecuzione”.
SAN GALLO
2 sett
Tamina, sorgente creativa di luce e musica
Il percorso-spettacolo “Light Ragaz” resta aperto fino al 15 ottobre.
POSCHIAVO (GR)
3 sett
Pizzoccheri 100 percento Valposchiavo
Nell’orto e ai fornelli con Ornella Isepponi Gugiatti del Ristorante Motrice
UNTERWASSER
1 mese
Sulla schiena dell’imperatore, tra natura e architettura
Reportage alla scoperta del Toggenburgo, tra Neckertal e Chäserrugg
Viaggi & Turismo
1 mese
Navigare attraverso il Parco del delta del Po
Patrimonio UNESCO: tappe finali della “Locarno-Milano-Venezia”
CANTONE / ITALIA
1 mese
Locarno-Venezia: sul Naviglio Grande
In viaggio sulle vie navigabili che portano alla Serenissima
Viaggi & Turismo
1 mese
Quinten, la riviera della Svizzera orientale
Ultima tappa del reportage alla scoperta dell’Heidiland, tra Bad Ragaz e il Walensee
NEWSBLOG VIAGGI
1 mese
“Senda dil Dragun”: il sentiero più lungo del mondo
A colloquio con Reto Poltéra, promotore di un progetto turistico sostenibile
ITALIA
1 mese
Macugnaga: museo della montagna e del contrabbando
Reportage su una regione ricca di storia, montagne e natura incontaminata.
SAN GALLO
2 mesi
Il magico eremo dei Walser nella Valle di Calfeisen
Reportage alla scoperta dell’Heidiland, tra Bad Ragaz e il Walensee
BOSCO GURIN
2 mesi
I Guriner al lavoro per il futuro di Bosco Gurin
“Tavola rotonda” promossa dalla comunità culturale e politica per dare una nuova identità al comune Walser
SAN GALLO
22.09.2021 - 11:560

RagARTz: 83 artisti, 16 paesi e 400 opere d’arte

La grande mostra di sculture resta ancora aperta fino al 31 ottobre

BAD RAGAZ - Bad RagARTz, così s’intitola questo innovativo progetto culturale, si è sviluppato da una piccola mostra privata nel 2000 a una mostra di scultura di fama internazionale. Quest'anno, la Triennale svizzera di scultura si svolge per l'ottava volta. Circa 80 artisti di quasi 20 paesi espongono più di 400 opere d'arte - un totale di 2’500 tonnellate d'arte. Circa 500’000 visitatori sono attesi durante i cinque mesi dell'esposizione.  

La mostra di sculture, era sia un regalo alla popolazione che una protesta contro le autorità. Un sacco di gente parlava, ma nessuno faceva nulla per dare nuova vita all'obsoleta città termale di Bad Ragaz. Ecco perché il progetto è nato e ha trovato l’appoggio di privati, aziende e istituzioni. Tutti indistintamente interessati all’arte quale strumento per insegnare alla gente la cultura. La svolta è giunta in occasione della terza edizione quando il Grand Resort si è impegnato a sostenere l’iniziativa. Da allora, sempre più organizzazioni sono saliti sul carro.

Quest'anno, le sculture a Bad Ragaz e Valens hanno il motto "La distanza affina l'occhio". L'idea è stata fornita dal "Weltanschauungsmodell" dell'artista Ottmar Hörl, che ha allestito 50 figure a Graz nel 2016 e ha continuato a cambiare la loro posizione nella città. Pensatori famosi come Friedrich Hebbel, Goethe o Sigmund Freud hanno già trattato la visione del mondo. Erano interessati alla questione di come una persona comprende la sua esistenza nel mondo. Una domanda che molti di noi si sono posti sempre più spesso negli ultimi mesi.

La distanza gioca un ruolo importante all'ottava Triennale svizzera di scultura a Bad Ragaz. La pandemia ha ispirato gli organizzatori a scegliere questo motto, chiedo a Manuela Wieland, la mia guida alla mostra. «No, anche se è difficile da credere: i promotori, Esther e Rolf Hohmeister avevano già deciso il motto nel 2019 prima di Corona». Ma quanto sia davvero appropriato il motto si è rivelato durante la pandemia. Un indubbio vantaggio è il fatto che le opere siano all'aperto. Ma a parte questo fatto, gli organizzatori avrebbero fatto uno sforzo per essere in grado di tenere l'evento, se non altro per i molti artisti che hanno subito così tante perdite a causa di Corona.

Bad RagARTz si tiene ogni tre anni dal 2000. I costi per ogni edizione ammontano a circa 2,5 milioni di franchi svizzeri, che i promotori finanziano in gran parte da soli, tra l'altro attraverso la vendita di opere d'arte, cataloghi e prodotti di merchandising. La mostra d'arte è anche sostenuta finanziariamente da organizzazioni culturali, sponsor e mecenati. Anche la comunità imprenditoriale regionale e il comune contribuiscono. L'ingresso stesso è gratuito. L'arte è liberamente accessibile a tutti. Un'analisi dell'Università di Scienze Applicate dei Grigioni mostra che l'ultima messa in scena di Bad RagARTZ nel 2018 ha generato più di 8 milioni di franchi in valore aggiunto a Bad Ragaz e nella regione del Sarganserland. La maggior parte di questo è rappresentato dalla spesa dei visitatori della mostra d'arte: Durante il loro soggiorno a Bad Ragaz, alloggiano in alberghi, mangiano in ristoranti e fanno acquisti nei negozi locali. Anche altre industrie beneficiano di Bad RagARTz, per esempio per il trasporto degli oggetti culturali.

Oltre a questo valore aggiunto, Bad RagARTz ha anche altri effetti importanti sull'economia della regione Sarganserland-Werdenberg. Questi includono effetti turistici, socio-culturali, politici ed educativi, come scrive "Die Volkswirtschaft", la rivista della Segreteria di Stato dell'economia SECO e del Dipartimento federale dell'economia, dell'educazione e della ricerca. Prima e durante la mostra, i media regionali, nazionali e internazionali parlano della Triennale svizzera di scultura, che promuove la conoscenza di Bad Ragaz e di tutta la regione. Tuttavia, la mostra non attira solo i turisti, ma crea anche un'ulteriore offerta di svago ed esperienza per tutti i locali. Le offerte speciali per bambini e giovani promuovono anche la comprensione dell'arte, della cultura e dei problemi sociali attuali. Per riassumere brevemente con le parole della "Volkswirtschaft": "Bad RagARTz è un progetto faro di successo".

"Vi aspettavate che un giorno la vostra mostra d'arte suscitasse tanto scalpore? "Quando abbiamo organizzato la mostra, da soli, 20 anni fa, eravamo considerati due strambi amanti del rischio!” affermano, senza celare la propria soddisfazione, i fondatori.

Dall'8 maggio al 31 ottobre 2021, la città termale di Bad Ragaz e l'idilliaco villaggio di montagna di Valens si trasformano in una grande mostra di sculture. La mostra all'aperto "Bad RagARTz", che si svolge ogni tre anni, è conosciuta in tutto il mondo.

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch
Link utile: www.viaggirossetti.ch
www.instagram.com/viaggirossetti


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 14:43:02 | 91.208.130.89