Dreamstime
I giardini dedicati a Sissi
ULTIME NOTIZIE Viaggi & Turismo
SAN GALLO
2 gior
RagARTz: 83 artisti, 16 paesi e 400 opere d’arte
La grande mostra di sculture resta ancora aperta fino al 31 ottobre
Viaggi & Turismo
6 gior
Navigare attraverso il Parco del delta del Po
Patrimonio UNESCO: tappe finali della “Locarno-Milano-Venezia”
CANTONE / ITALIA
1 sett
Locarno-Venezia: sul Naviglio Grande
In viaggio sulle vie navigabili che portano alla Serenissima
Viaggi & Turismo
2 sett
Quinten, la riviera della Svizzera orientale
Ultima tappa del reportage alla scoperta dell’Heidiland, tra Bad Ragaz e il Walensee
NEWSBLOG VIAGGI
3 sett
“Senda dil Dragun”: il sentiero più lungo del mondo
A colloquio con Reto Poltéra, promotore di un progetto turistico sostenibile
ITALIA
3 sett
Macugnaga: museo della montagna e del contrabbando
Reportage su una regione ricca di storia, montagne e natura incontaminata.
SAN GALLO
1 mese
Il magico eremo dei Walser nella Valle di Calfeisen
Reportage alla scoperta dell’Heidiland, tra Bad Ragaz e il Walensee
BOSCO GURIN
1 mese
I Guriner al lavoro per il futuro di Bosco Gurin
“Tavola rotonda” promossa dalla comunità culturale e politica per dare una nuova identità al comune Walser
GRIGIONI
1 mese
Arosa Bärenland: la nuova casa degli orsi bruni
Reportage alla scoperta dei Grigioni: le perle di Coira, Arosa e Laax.
ASCONA
1 mese
Ascona, si salpa per Venezia
Nuova edizione del trekking culturale sulla storica idrovia
Viaggi & Turismo
1 mese
C’era una volta una bambina chiamata Heidi
Reportage alla scoperta dell’Heidiland, tra Bad Ragaz e il Walensee
ITALIA
1 mese
Grado, storica gemella di Venezia
Reportage alla scoperta dell’idrovia che dalla città lagunare porta a Trieste.
GRIGIONI
2 mesi
Coira, la città più antica della Svizzera
Reportage alla scoperta dei Grigioni: le perle di Coira, Arosa e Laax
Viaggi & Turismo
2 mesi
Grimsel, sorgente d’Europa e fonte d’energia
Finesettimana all’ospizio del Grimel, albergo datato 1932
CANTONE
2 mesi
Venezia, si salpa da Tenero
Pomeriggio informativo al Centro sportivo nazionale
VALLESE
2 mesi
Macugnaga: alla scoperta del Dorf e dei Walser
Reportage su una regione ricca di storia, montagne e natura incontaminata.
ITALIA
2 mesi
Litoranea Veneta, una storica via d’acqua
Reportage alla scoperta dell’idrovia che da Venezia porta a Trieste
MERANO
26.04.2021 - 10:480
Aggiornamento : 30.04.2021 - 09:39

Merano, 300 giorni di sole, cultura e relax

Da oggi l’Alto Adige apre le sue porte al turismo: seguitemi nel mio tour di 4 giorni

MERANO - Vi ricordate forse, a metà gennaio, la mia intervista a Erwin Hinteregger, CEO dell’organizzazione turistica altoatesina? In quell’occasione avevo preannunciato che avrei visitato questa regione, destinazione del “DopoCovid”, non appena le condizioni sanitarie l’avrebbero permesso. Eccomi, nel primo giorno di apertura, a spasso tra Merano e Bolzano alla scoperta di città, castelli, vigneti, parchi e terme. Prima fermata di questo tour di quattro giorni è Merano.

Merano è una piccola ma molto bella città termale nel cuore dell'Alto Adige. 40 mila abitanti di madrelingua tedesca e italiana convivono senza problemi, fornendo un mix unico di cucina, cultura, lingue e costumi. Il centro storico medievale e i vari quartieri sono circondati da medie e alte montagne e da valli caratteristiche. Da 200 anni Merano è una destinazione nota per i vacanzieri e per chi cerca il relax, nota soprattutto per il suo bel tempo (300 giorni di sole all'anno!) la sua cucina e la vasta gamma di attività offerte.

La città si estende in un'ampia conca soleggiata ai piedi di tre grandi montagne che raggiungono un'altitudine di 3 mila metri. La città è attraversata dal fiume Passirio, che separa il centro storico dalle altre parti della città. Il clima è molto mediterraneo grazie alle molte ore di sole e grazie alla catena montana del Texel, situata a nord di Merano, la città è protetta dal vento e dal freddo provenienti dal nord.

La città vecchia forma il centro della città di Merano. Da 700 anni la vita urbana si svolge qui intorno al Meraner Lauben e al quartiere Steinach. Queste si trovano dietro le vecchie mura della città, di cui oggi si conservano solo pochissimi resti, al contrario delle porte della città: tre di esse sono ancora oggi molto ben conservate, la porta Bolzano, la porta Passiria e la porta Venosta funzionano ancora come ingressi principali se si vuole entrare nella città vecchia di Merano. Intorno al centro della città ci sono diversi quartieri, tra cui il quartiere Obermais. Il quartiere delle ville verdi si raggiunge meglio a piedi attraverso le passeggiate del Passirio e il Sissiweg, che passa davanti a vecchie residenze, castelli signorili e ville moderne, tutte con in parte grandi parchi, fino al castello di Trauttmansdorff.

Le passeggiate furono allestite già nel XIX secolo per gli ospiti internazionali e molto spesso nobili e illustri che soggiornavano a Merano per le cure termali. Ancora oggi, le passeggiate non hanno perso nulla del loro fascino e del loro fattore ricreativo. Partendo dal Kurhaus, le passeggiate si estendono con poca salita fino alla selvaggia gola Gilfschlucht su entrambi i lati del Passirio. Il loro percorso è accompagnato da aiuole ben curate, arbusti ornamentali, sculture vegetali e molte panchine per riposare.
Percorribile in qualsiasi momento dell'anno, si possono fare brevi escursioni rilassanti e varie nel verde con molti approfondimenti su questi sofisticati sentieri!

I famosi giardini botanici di Merano, i Giardini di Castel Trauttmansdorff, si trovano dove l'imperatrice Sissi risiedeva durante i suoi numerosi soggiorni a Merano. Ottanta ‘mondi’, divisi in diverse aree tematiche, si allineano intorno al castello, che funziona anche come museo e ospita il Touriseum (molto interessante per scoprire lo sviluppo turistico di questa regione). Oltre a una miriade di piante diverse di origine locale e internazionale, vi aspettano una voliera, un giardino per gli innamorati, vari punti panoramici, una grotta nella roccia, ma anche una spiaggia di palme bianche, per citare solo alcuni punti salienti. Pianificate almeno mezza giornata se volete visitare i giardini, o visitate i giardini nei venerdì d'estate, quando sono spesso aperti più a lungo, e vengono serviti aperitivi con musica intorno al laghetto delle ninfee come parte della serie di eventi "Trauttmansdorff after work".

Naturalmente ci si può aspettare molto da una tradizione di 200 anni nel turismo - e vi sarà offerto molto! A Merano ho scelto di fermarmi allo storico indirizzo del Meranerhof. Una storia lunga oltre 120 anni, quando Merano si stava creando una fama di città di cura. Da pensioncina a Continental durante la belle époque a Meranerhof con la famiglia Eisenkeil quarant’anni fa. L’accoglienza in questa struttura a quattrostelle è davvero familiare e questo dalla direzione al servizio. L’hotel dispone di una bella piscina e di un parco. Un particolare avvincente sono anche gli ospiti famosi che hanno soggiornato in queste eleganti camere: da Michael Jackson a Luis Trenker.

Per molte persone questa è certamente l'attrazione principale di Merano: le terme con le sue 25 piscine. Nell'elegante cubo di vetro di design, che è aperto tutto l'anno, ce ne sono ben 15 nel mondo dei bagni interni. Nella stagione calda, c'è anche il grande parco termale con 10 piscine esterne e molte aree per prendere il sole e le nuove zone di riposo. Dopo un'ampia riprogettazione dell'area sauna, è possibile scegliere tra sei diverse esperienze di sauna con aree interne ed esterne e rilassarsi nelle nuove, ampie sale relax.

Il mio viaggio alla scoperta di questa regione, a cavallo delle Alpi, non finisce qui. Dopo aver scoperto la città di Merano andrò a Castel Tirolo, maniero che dette il nome al territorio, e a Bolzano, facendo tappa anche in un’azienda vinicola. Spero che la mia esperienza possa dare spunto a qualcuno per partire prossimamente, ora che la pandemia sta sfumando, nel Südtirol.

Le regole attuali per accedere alle zone altoatesine sono: vaccinazione, esito di test negativo (molecolare o antigene), effettuato entro 48 ore prima dell'ingresso, ma valido per 72 ore a partire dalla mezzanotte dello stesso giorno o immunizzazione attraverso malattia Covid già riscontrata.

Nota del redattore: in base alle nuove direttive italiane, entrate in vigore il 29 aprile, fino a metà maggio al turista è richiesta una quarantena di cinque giorni.

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch 
Link utile: www.viaggirossetti.ch 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 08:57:31 | 91.208.130.87