Linkfloyd
ULTIME NOTIZIE Target
TARGET
1 gior
3 consigli per fare video perfetti con il tuo smartphone
A volte, un’attività può realizzare da sé filmati di qualità per promuoversi sui social. Bastano un natel e qualche app
TARGET
3 gior
3 consigli per realizzare fotografie super con il tuo smartphone
Luce, composizione, prospettiva, ritocco: come trarre il massimo da strumenti e app alla portata di tutti
TARGET
6 gior
3 suggerimenti per avere successo online nel settore della moda
Così chi crea capi, accessori, calzature, occhiali e gioielli può differenziarsi e far crescere le vendite sul web
TARGET
1 sett
6 strumenti gratuiti per avere immagini di qualità e creare grafiche accattivanti
Per ottenere contenuti visivi d’impatto in modo semplice, basta usare alcuni tool presenti su internet: ecco quali
TARGET
1 sett
3 spunti per promuovere meglio la tua attività immobiliare
Il residenziale è di nuovo in crescita, ma la domanda è cambiata: ecco come intercettarla con il digital marketing
TARGET
1 sett
Sfida tra piattaforme: qual è la migliore per creare un e-commerce?
Da Woocommerce a Shopify, una breve guida ai pro e ai contro dei sistemi più popolari, alla ricerca del CMS perfetto
TARGET
2 sett
Non solo traduzioni: come promuoversi all’Estero e in Svizzera interna
Quando comunichiamo in un’area che conosciamo meno, i fattori di cui tener conto per avere successo si moltiplicano
TARGET
2 sett
Fake news: chi ci guadagna e come?
Alcuni meccanismi che motivano e promuovono la diffusione di notizie false, spesso causando ingenti danni alla società
TARGET
3 sett
3 suggerimenti per avere successo online nel settore beauty
Così un centro estetico, una linea o uno shop di cosmetici o make-up possono migliorare il proprio business con il web
TARGET
3 sett
Ottenere vendite, preventivi e riservazioni online? Senza fare A/B testing è impossibile
Scopriamo uno dei metodi che guida le campagne pubblicitarie, i siti web e gli e-commerce che hanno risultati
TARGET
3 sett
Mini-guida alla trasformazione digitale per professionisti e aziende locali
Quali sono i primi step da seguire per cogliere le opportunità e i vantaggi che ci riserva il futuro
TARGET
1 mese
Aprire un e-commerce risparmiando: come funziona il dropshipping
Adatto a chi vuol vendere online con meno costi d’avvio, ma pieno di insidie. Che cos’è e i consigli per evitarle
TARGET
1 mese
Come conservare accessi e password in modo professionale: i suggerimenti dei social media manager
Strumenti e segreti per mettere ordine tra le credenziali e rendere sicuri i dati professionali e quelli privati
TARGET
1 mese
Posti di lavoro? Ecco i 4 nuovi settori su cui puntare
Il digitale tira la volata alle industrie che prosperano e potranno offrire occupazione
TARGET
1 mese
I 3 segreti del successo di un’attività locale su internet
Vendi in un raggio ristretto? Ecco come gli strumenti online avviati per sopravvivere ti daranno un vantaggio permanente
TARGET
1 mese
Il Coronavirus ha salvato l’ambiente? No, lo ha distrutto
Le analisi svolte su Google e i principali social non lasciano dubbi: l’interesse nell’ecologia è praticamente svanito
TARGET
1 mese
Pagare contactless e online: agli svizzeri piace sempre di più
Igienici, veloci e sicuri, aumentano i consumatori che li scelgono per le proprie transazioni, in seguito alla pandemia
TARGET
1 mese
Vendere su internet velocemente, tanto e gratis
I 5 errori che l’imprenditore medio fa online, nella storia semiseria di Marco, aspirante magnate dell’idraulica
TARGET
1 mese
Noi non aggiustiamo computer
Cosa fa e come può aiutarti chi si occupa di web marketing, mestiere che pochi conoscono e troppi credono di saper fare
TARGET
1 mese
Lotta contro le fake news, ma i social network fanno davvero abbastanza?
Ecco come Facebook, Instagram, Twitter, TikTok stanno combattendo contro la diffusione di notizie false e fuorvianti
TARGET
1 mese
5 opportunità per promuovere la propria attività con TikTok
Ecco come aziende e professionisti possono sfruttare i suoi numeri, cresciuti esponenzialmente durante la quarantena
TARGET
1 mese
Filtri nelle Instagram Stories: cosa sono, come crearli, come usarli per farsi conoscere
La realtà aumentata apre strade per promuoversi a ogni attività: centri estetici, arredamenti, istituzioni… e non solo
TARGET
1 mese
I nostri acquisti sono influenzati dai colori: ecco come succede
Le ricerche di neuromarketing dimostrano che ogni tonalità incide in modo determinante sulle scelte dei consumatori
TARGET
1 mese
5 idee per promuovere un hotel oggi
Quello alberghiero è tra i settori più in crisi, anche in Svizzera. Ecco alcune idee per favorirne la ripresa
TARGET
2 mesi
Come reinventare la propria attività: 6 esempi da cui trarre spunto
Che cos’è la “mentalità startup” e perché adottarla aiuta aziende e professionisti a sopravvivere ai periodi di crisi
TARGET
2 mesi
Così le palestre ripartiranno più forti di prima
Ecco come trainer e centri di allenamento locali possono approfittare del boom dell’home fitness iniziato in quarantena
TARGET
19.06.2020 - 09:000

Come usare Google My Business per far crescere la tua attività locale

Tutto quello che puoi fare per sfruttare al meglio la scheda di presentazione che appare tra i risultati di ricerca

Google My Business è uno strumento creato per permettere a imprenditori e professionisti locali di essere trovati dai propri potenziali clienti.

Si tratta di una “vetrina virtuale” messa a disposizione dal noto motore di ricerca, che aumenta la visibilità delle attività che operano sul territorio, mettendo a disposizione di chiunque le ricerchi le informazioni più importanti su di esse: posizione, orari, contatti, immagini, eventuali offerte, eventi e aggiornamenti. Grazie a Google My Business, gli stessi titolari delle attività possono consultare con rapidità le statistiche relative alle visite e alle queries che li riguardano, oltre a pubblicare post che segnalino agli utenti cambiamenti di orario e generiche novità. Il tutto in via completamente gratuita.

Uno strumento, quindi, troppo utile e funzionale per rimanere trascurato. Proprio per questo motivo, specialmente per chi coltiva il proprio giro d’affari nel quartiere, nella città, nel distretto o nel Cantone di appartenenza, è importante inserirlo nella propria strategia di marketing online e utilizzarlo al meglio. Secondo gli ultimi dati raccolti da HubSpot, nell’arco degli scorsi due anni le ricerche mobile di attività “vicino a me” è aumentata del 900%, mentre il 60% degli utenti su smartphone ha chiamato un’attività direttamente dalle opzioni di contatto su Google. L’esigenza di ricerche veloci e agili, trend già presente sulla piattaforma, insomma, aumenta esponenzialmente.

Per questo, è bene rendersi reperibili e pronti ad accogliere al meglio le search degli utenti. Come fare? Ecco alcuni accorgimenti che è importante adottare, per trarre il meglio da Google My Business.

 

Curare la propria scheda

Partiamo, come è giusto, dall’inizio: la compilazione della scheda aziendale relativa all’attività. Più essa sarà curata e dettagliata, più avremo visibilità sul motore di ricerca. L’obiettivo di Google, infatti, è mettere a disposizione dei propri utenti le risposte più precise e accurate: se saremo noi stessi ad aiutarlo a trovarle, non potremo che esserne premiati.

Attenzione, in particolare, a specificare e aggiornare posizione, orari e contatti correttamente: essi sono, infatti, tra i dettagli più ricercati su Google, da parte di chi vorrà trovarci. A questo proposito, è bene inserire la posizione verificando anche che corrisponda al punto giusto sulla mappa. All’occorrenza, potrete correggerla manualmente per essere opportunamente precisi.

Essendo uno strumento piuttosto dinamico, non stupirà scoprire che nuove funzioni e nuovi dettagli vengono periodicamente aggiunti su Google My Business, sulla base delle esigenze previste degli utenti. A questo proposito, per supportare le attività particolarmente colpite dalla crisi e volendo offrire loro un mezzo in più per risollevarsi, sono stati da poco aggiunti i pulsanti “Vendi carte regalo” e “Accetta donazioni”. Ogni amministratore, di conseguenza, potrà valutare se integrare queste opzioni alla propria scheda: scegliendo di farlo, si potrà aggiungere un link specifico ad ognuna di esse, incrementando le entrate proponendo voucher o promuovendo una raccolta fondi. Avremo modo di cogliere la palla al balzo e far sapere che siamo aperti – se lo siamo – al loro libero contributo in queste due diverse e sostenibili modalità: i nostri clienti potrebbero essere più generosi di quanto ci aspettiamo.

 

Scegliere le foto giuste

Le immagini, quando si tratta di curare la nostra presenza su internet, sono il più importante e immediato biglietto da visita. L’impatto visivo del nostro luogo di lavoro è in buona parte ciò che, alla prima impressione, comunica accuratezza e cura dei dettagli ai nostri potenziali clienti.

Per quanto riguarda la vetrina di Google My Business, possiamo sceglierne alcune – senza esagerare in quantità – luminose e ben fatte, che diano un’idea dello spazio in cui svolgiamo la nostra attività, sia internamente che esternamente. Oltre ad anticipare all’utente l’aspetto del negozio o dell’ufficio, serviranno a ispirare fiducia e a colpire chi le osserva, portandolo a favorirci nella sua scelta, ad esempio, in un eventuale confronto con un competitor presente nella nostra stessa zona.

 

Curare i feedback e gestire le domande

Oltre alle immagini, le recensioni sono ciò che maggiormente salta all’occhio dell’utente che entra in contatto con noi mediante Google. Chiunque usi gli strumenti digitali che il web mette a disposizione, infatti, ha imparato a fare affidamento non soltanto sulle proprie impressioni, ma anche ad approfondirle attraverso quelle di clienti che ci hanno preceduto.
I feedback positivi, è ovvio, aumentano le nostre possibilità di attirare gli utenti e farci telefonare o scrivere. È consigliabile, quindi, curare molto il servizio clienti, per incentivarli, e rispondere ai commenti e alle valutazioni di ogni tipo: trattandosi di conversazioni pubbliche, è bene utilizzarle per mettere in risalto la nostra cortesia, la nostra memoria per chi si rapporta con noi (far sentire i clienti parte di una relazione, più che di una transazione), la nostra versione dei fatti (in caso di feedback negativo) e il fatto che non diamo nulla per scontato (ringraziando calorosamente chi ci elogia).

Tra le funzionalità di Google My Business che si presentano al nostro potenziale cliente, c’è anche una sezione in cui può porre le proprie domande in pubblico ai titolari dell’attività. Anche in questo caso, naturalmente, è d’obbligo rispondere con quanta più celerità possibile, con chiarezza e con cortesia. Anche l’azienda/negozio può scegliere di inserire delle domande con relativa risposta: una sorta di piccola appendice FAQ che potrà servire a completare le informazioni a disposizione.

 

Personalizzare la scheda pubblicando dei post

Questa funzione di Google My Business permette di aggiornare gli utenti su ciò che si fa e aggiungere un po’ di colore a quello che sarebbe altrimenti uno spazio interessante, ma poco dinamico. I post, una volta strutturati e pubblicati, contribuiranno a dare ulteriori sfumature alla presenza dell’attività sui motori di ricerca.

Ci sono forme predefinite a cui dovremo attenerci, che permettono comunque di operare con un discreto raggio d’azione: “offerta”, “novità”, “evento”, “prodotto” e, introdotto in questo periodo, “aggiornamento per Covid-19”, per consentire alle attività di mettere in evidenza cambiamenti straordinari di orari o giorni di apertura. Ogni opzione, con qualche variante, permette di scrivere un breve testo, aggiungere foto o video, indicare delle date di utilizzo/scadenza (nel caso delle offerte e dei prodotti) e inserire un pulsante con diverse call-to-action tra cui scegliere, che potremo collegare a un link specifico.

Tutti i formati, a eccezione di quello dedicato agli eventi, restano esposti sulla scheda aziendale solo per sette giorni: è bene tenerlo presente quando si elabora il calendario delle pubblicazioni destinate a Google My Business.

 

Ottimizzare la strategia consultando le statistiche

Tra i tanti pregi di Google My Business, questo è sicuramente uno dei più interessanti: attraverso il servizio, infatti, si ha accesso a molti dati statistici, utilissimi a capire come gli utenti si comportano nelle ricerche che ci riguardano.

Attraverso queste analisi, potremo scoprire se i visitatori ci hanno individuato su Google direttamente, digitando il nome della nostra attività, oppure indirettamente, scoprendo i nostri riferimenti attraverso una ricerca per categorie o specifici prodotti. Ancora, capiremo se siano arrivati a noi tramite motore di ricerca o Google Maps. Potremo, ancora, monitorare la loro attività sulla nostra scheda: dalle visite al sito web ai click sui pulsanti di contatto, fino agli approfondimenti sulle indicazioni stradali e le visualizzazioni delle foto.

Gli stessi post avranno una sezione analytics specifica, attraverso cui potremo verificare quali abbiano avuto più successo, quanto siano stati cliccati e visualizzati.

Gli strumenti web messi a disposizione delle attività locali sono molti, ma non sempre immediati da comprendere e far propri. Per non rinunciare a cogliere l’occasione di promuoverti, puoi utilizzare Google My Business e altri canali da solo, o trovare dei professionisti che possano darti una mano: se vuoi ottenere più visibilità online e aumentare le vendite del tuo negozio, contattaci per una consulenza gratuita. Il nostro team ti aiuterà a definire i tuoi obiettivi, a creare e gestire una strategia promozionale per raggiungerli.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-10 02:12:45 | 91.208.130.89