Freepik
ULTIME NOTIZIE Target
TARGET
23 ore
Pregi e difetti della nuova versione di Facebook
Grafica semplificata, sfondo scuro, riorganizzazione del feed: come stanno reagendo utenti e addetti ai lavori?
TARGET
3 gior
Google Shopping: che cos’è e come possiamo usarlo per aumentare le vendite
Dal noto motore di ricerca, un tool intuitivo e gratuito per far trovare prodotti e servizi dove la gente li cerca
TARGET
5 gior
Fare pubblicità su Spotify: un modo creativo ed efficace per far crescere il proprio business
Ecco possibilità e vantaggi offerti dalle inserzioni sul servizio di streaming musicale più popolare e diffuso al Mondo
TARGET
1 sett
È boom dei social media tra gli over 55 svizzeri. Tutti i numeri del digitale nel 2020
Crescono Facebook e Instagram e impennano TikTok, i laptop e lo streaming, ma non a scapito dei media tradizionali
TARGET
1 sett
Perché devi assolutamente usare Pinterest per promuovere la tua attività
Numeri, strumenti e potenzialità di un social sottovalutato, ma efficacissimo per la crescita di molti business
TARGET
1 sett
A scuola di marketing dal porno, tra dati, ironia e impegno sociale
Anticonvenzionale e di successo: cosa può insegnare PornHub, penalizzato da Google e dai social, a ogni altro business
TARGET
2 sett
E se arrivasse una seconda ondata? Così le attività locali possono farsi trovare preparate
3 consigli pratici per i business più legati all’andamento dei contagi, e per chi ha necessità di cashflow costante
TARGET
2 sett
I tuoi clienti sono aziende e professionisti? Ecco come trovarne di nuovi con il web
Questi sono i canali e i contenuti migliori per promuoversi in ogni fase del processo d’acquisto, se lavori nel B2B
TARGET
2 sett
Le tendenze social dell’Estate 2020: quali sfruttare per promuovere al meglio il proprio business
Non basta usare l’ultima app o formato, per avere successo. Ciò che serve ha due parole d’ordine: coinvolgimento, numeri
CANTONE
3 sett
Sui social… le dimensioni contano! Guida 2020 all’ottimizzazione di immagini e testi
Le info aggiornate per evitare tagli antiestetici ai visual e limitazioni espressive su Facebook, Instagram e LinkedIn
TARGET
4 sett
Cibo, vini e altre bontà del territorio: 3 step per vendere online i prodotti enogastronomici
Non di solo e-commerce vive il food in rete: ecco i passi fondamentali per creare o ampliare il proprio mercato
LUGANO
1 mese
Airbnb, Blablacar e gli altri: la sharing economy può ancora funzionare, ai tempi del Covid-19?
Le piattaforme per condividere beni e servizi hanno patito l'impatto della pandemia, ma per loro non è ancora finita
LUGANO
1 mese
Interpreti, autori, produttori, etichette: 3 step fondamentali per promuovere la musica online
Creare un brand, radunare fan, distribuire e finanziare i propri brani: ecco i passi da fare per avere successo sul web
TARGET
1 mese
Quali sono i social più usati al mondo, chi li utilizza e per quanto tempo?
Da Facebook a VK e QZone, alla presenza di giovani e meno: uno sguardo ampio sull’umanità che vive e comunica online
TARGET
1 mese
Consigli di digital marketing per avvocati, notai, contabili e fiduciari
Ecco come i consulenti per eccellenza possono acquisire nuovi clienti utilizzando al meglio gli strumenti del web
TARGET
1 mese
Facebook e Instagram Shops: perché dovresti usarli per promuoverti e vendere online
Scopriamo le funzionalità social nate per aiutare i piccoli business a monetizzare la loro presenza in rete.
TARGET
1 mese
Questa campagna marketing sta funzionando o no? Alla scoperta di ROAS e ROI
Come vanno le nostre inserzioni? Ci guadagniamo o spendiamo e basta? Ecco due formule semplici e importanti per capirlo
TARGET
1 mese
Librerie, case editrici, scrittori: cosa fare per avere successo online
Ecco come chi fa delle parole una ragione di vita (e business) può emergere in rete, ottenendo più vendite e visibilità
TARGET
1 mese
Facebook e Instagram off-limits: 3 errori da non commettere mai quando sponsorizzi un contenuto
Dalle normative al buon senso, cos’è importante sapere per non far bloccare le tue inserzioni e trarne il massimo
TARGET
1 mese
Co-marketing: che cos’è e perché può determinare il successo di professionisti e aziende
Ecco come i brand - anche locali - possono collaborare con successo e acquisire nuovi clienti nei rispettivi mercati
TARGET
1 mese
Scuole, corsi, università: come promuovere il sapere sul web
Chi fa formazione ha bisogno del marketing online per avere iscritti: cosa non può mancare in una strategia di successo
TARGET
2 mesi
5 consigli per promuovere online le farmacie
Far emergere (e vendere) sul web attività legate alla salute è possibile, ma molto delicato: ecco come farlo al meglio
TARGET
2 mesi
L'e-learning è davvero il futuro della formazione?
Luci e ombre degli strumenti che hanno permesso a scuole, università e corsi professionali di resistere al Coronavirus
TARGET
2 mesi
Turismo in Svizzera e Ticino: un successo da non sprecare
Le iniziative create per intercettare i nuovi trend turistici tramite il web stanno producendo risultati incoraggianti
TARGET
2 mesi
Così il digitale salverà il mondo dell’arte
Il web può rendere accessibili - e far monetizzare, anche da remoto - musei, gallerie, esperienze ed opere di artisti
TARGET
2 mesi
3 consigli per fare video perfetti con il tuo smartphone
A volte, un’attività può realizzare da sé filmati di qualità per promuoversi sui social. Bastano un natel e qualche app
TARGET
03.06.2020 - 10:410

Posti di lavoro? Ecco i 4 nuovi settori su cui puntare

Il digitale tira la volata alle industrie che prosperano e potranno offrire occupazione

Quasi ovunque, la fase di shock da Covid-19 è terminata: le attività riaprono, con normative per la sicurezza in continuo aggiornamento, e uscire a fare spese e incontrare amici curandosi di avere i propri dispositivi di sicurezza è (quasi sempre) quotidianità.

Ora che la vita sta ripartendo, alcuni settori economici riconfermano il proprio primato, mentre altri stanno riuscendo a emergere nelle ultime settimane, e rappresentano quindi non soltanto un grande esempio di versatilità, ma anche un’ottima opportunità per una ripresa generalizzata nel futuro.

Ciò significa che da essi possiamo aspettarci più fatturato, più assunzioni e, quindi, più vantaggi per tutta la comunità. Soltanto in Ticino, il tasso di disoccupazione ad aprile 2020 ha toccato il 4%, +1,3%, quindi, rispetto ai dati rilevati nello stesso mese del 2019. La situazione nel Cantone è uno dei tanti riflessi di una tendenza su scala nazionale: in tutta la Svizzera, infatti, la percentuale di disoccupati è pari al 3,3%, con 153.413 persone iscritte agli URC, un dato che non raggiungevamo dal marzo 2017. Nel nostro Paese e non solo, c’è bisogno di nuovi input, nuove idee e nuovi inizi per tante persone.

Quali sono, quindi, le industrie che possono farci risollevare?

 

  • 1) E-commerce

Il primo caso non riguarda per forza un’industria specifica, quanto una modalità di accesso a qualunque prodotto o servizio. Gli acquisti online godevano di una crescente popolarità già prima di questa crisi: la versatilità, la velocità, l’immensa disponibilità di prodotti hanno reso l’e-commerce un’arma vincente per chiunque sia in grado di usarla anche e soprattutto durante la quarantena, poiché ha consentito di mantenere almeno una parte di flusso di cassa in entrata.

Secondo il consorzio Netcomm, gli e-commerce godranno della crescita maggiore in questo periodo, con un +55% a livello globale. Con l’isolamento forzato, tanti hanno scoperto questo metodo di approccio ai consumi e ne sono rimasti tanto soddisfatti da continuare a utilizzarlo anche al termine della pandemia.

Nuovi posti di lavoro possono essere creati in settori correlati, come i servizi di spedizione, con la costituzione di nuove iniziative imprenditoriali in ambito e-commerce, mediante la crescente professionalizzazione di quelle già esistenti, o ancora proponendo ad aziende in crisi il prestito di una parte della loro workforce, così come ha fatto l’e-shop di elettronica Galaxus, soggetto a un rilevantissimo aumento della domanda.

 

  • 2) Spesa online e home delivery

Tutte le farmacie e i supermercati hanno affrontato mesi di incredibile crescita e acquisito nuovo staff. E anche tra gli e-commerce, quelli che hanno goduto il maggior successo sono stati legati al medical e al food. A metà marzo, in piena emergenza, ad esempio, il portale di Migros LeShop.ch è stato preso d’assalto da tantissimi nuovi utenti che desideravano fare la propria spesa online. Un volume di accessi in crescita, che ha comportato non poche difficoltà tecniche, tanto da dover costringerne i visitatori, talvolta, a un’attesa fino a venti minuti, prima di poter procedere con la transazione d’acquisto di generi alimentari. Migros ha quindi assunto personale supplementare, al fine di gestire il portale e occuparsi delle consegne, riducendo così i tempi di attesa e migliorando la qualità del servizio.

In Italia, mentre i portali web della grande distribuzione faticavano a gestire le proprie richieste, la start-up Supermercato24 ha raddoppiato la schiera dei personal shopper assunti. Per questa piattaforma, che propone la spesa online con consegna in giornata, il nuovo interesse verso il grocery shopping unito alla consegna a casa ha rappresentato un’occasione di espansione e un’accelerazione della propria crescita, finora costante, ma mai soggetta a picchi così netti.

Adesso, è il momento di prepararsi alle prossime fasi: molti utenti continueranno a usare questo genere di piattaforme, e dunque urgerà organizzare le risorse e il personale per gestire al meglio le richieste presenti e future.

 

  • 3) Sistemi e corsi per lo smart working, piattaforme di social network, e-training e streaming

Le nuove necessità dei professionisti hanno visto, per ovvie ragioni, un enorme ricorso alle piattaforme di videoconferenza e condivisione di file su internet, nonché delle altre piattaforme utili a svolgere il proprio lavoro a distanza: una scoperta che, abbiamo ragione di credere, non dimenticheranno nel proprio futuro.

Caso eclatante di crescita smisurata è la piattaforma Zoom, azienda californiana, che in questo periodo ha registrato 300 milioni di partecipanti a conference calls avviate tramite il proprio sistema: nel mese di dicembre 2019, erano stati appena 10 milioni. Grazie a questa impennata nel proprio volume di utenti, l’azienda di San José ha deciso di avviare l’assunzione di 500 nuovi ingegneri nei prossimi due anni, affinché si occupino di manutenere e migliorare le proprie strutture e il software.

Perfino la formazione relativa allo smart working ha riscosso parecchio interesse: dal nostro webinar, svolto in collaborazione con Empatik, ne sono seguiti altri con centinaia di iscritti, e a breve nascerà un’academy dedicata a perfezionare tecniche e strumenti di chi vuol svolgere la propria professione da casa o da remoto, ovunque si trovi nel Mondo.

E poi TikTok, ma anche Facebook, Instagram, Messenger, WhatsApp: sulle piattaforme social di Mark Zuckerberg, durante l’emergenza, gli utenti hanno trascorso il 70% di tempo in più, e i messaggi inviati sono cresciuti del 50%. Dati significativi non solo per i dipendenti dell’azienda madre, ma anche per gli esperti di marketing digitale, che possono rintracciarvi nuove opportunità per i loro clienti.

Anche le palestre e gli istruttori di fitness hanno avuto modo di scoprire, insieme ai propri iscritti, le enormi possibilità che il web può offrire loro. Tutto è cominciato, naturalmente, con l’impossibilità di recarsi fisicamente in un luogo di allenamento: è stato a quel punto che l’e-training è emerso, attraverso sessioni in diretta internet o video-lezioni proposte dagli operatori del settore. Queste novità comporteranno sicuramente un cambiamento: molte palestre, a oggi, stanno già valutando di rendere permanente una combinazione di attività online e offline.

Che quarantena avremmo avuto, senza Netflix? Nelle passate settimane, chi non era ancora iscritto a un servizio di streaming ha finalmente scelto di abbonarsi. Con un bilancio già positivo prima della quarantena globale, l’azienda americana ha visto una crescita più che considerevole dei suoi clienti: ben 16 milioni di persone in più, che l’hanno portata a raggiungere un totale di 183 milioni di subscribers in tutto il mondo.

 

  • 4) Virtualizzazione degli eventi

Il settore dei grandi eventi di ogni tipo, dallo sport, ai concerti alle fiere, ha subito un drastico colpo allo scoppio dell’emergenza.

Come ormai abbiamo visto più volte, a partire dal nostro articolo sugli eSports, il digitale è accorso per trarre in salvo anche questa industria. È così che sono fioriti ovunque gli eventi virtuali: si tratta, nella pratica, di affidare l’organizzazione di una manifestazione alle tecnologie di virtualizzazione, forti dei nuovissimi fenomeni della gamification, dello sviluppo del 3D e della realtà aumentata.

Un esempio per tutti, oltre a quelli citati in ambito videogames, è Virtway, che fino a pochissimo tempo fa era un’azienda “di nicchia”. Virtway, infatti, ha sviluppato una piattaforma per la creazione di scenari tridimensionali, all’interno dei quali gli utenti, attraverso i propri avatar, possono interagire in tempo reale. Durante e dopo la fase di quarantena, Virtway ha registrato il 575% di richieste in più da parte di imprese che non vogliono rinunciare a organizzare i propri grandi eventi.

 

L’innovazione digitale, insomma, non ha tradito le aspettative dei propri investitori, e farà da volano per la ripresa globale: grazie alle innumerevoli opportunità che offre, praticamente ogni servizio può essere riformulato, proposto e promosso online. Sei un imprenditore o un professionista?
Contattaci per una consulenza gratuita: ascolteremo le tue esigenze, individueremo i tuoi obiettivi, creeremo ed eseguiremo la strategia migliore per far crescere il tuo business.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-18 09:54:33 | 91.208.130.85