Unsplash / Markus Winkler
+1
ULTIME NOTIZIE Target
Target
1 gior
Digital Marketing, i trend del 2022 / 1 – L’implacabile ascesa dei Creator
Chi crea contenuti e influenza comunità di consumatori piccole, solide e specifiche avrà sempre più potere. Ecco perché
Target
5 gior
La corsa di Instagram contro TikTok: ufficiale l’estensione delle Stories a 1 minuto
Un’ottima notizia per chi le utilizza e vuole evitare la frammentazione dovuta alla durata massima di 15 secondi
Target
1 sett
Travel blogger e influencer: che cosa fanno e quanto sono efficaci nel promuovere il territorio
«Non vendiamo: raccontiamo e siamo credibili. Così influenziamo gli utenti». Ne abbiamo parlato con Veronica Crocitti
Target
2 sett
Come sfruttare il principio di scarsità, una delle leve di marketing più potenti
Paura di perdere un’occasione: perché disponibilità e tempo limitati ci fanno ritenere indispensabili prodotti e servizi
Target
2 sett
8 errori che ostacolano il posizionamento del vostro sito su Google
Sottovalutare alcune regole SEO incide sul valore attribuito alle pagine come risposta alle ricerche degli utenti
Target
3 sett
Più lavoro per gli indipendenti: LinkedIn lancia Service Marketplace
Pensato per professionisti e aziende di consulenza B2B, permetterà di trovare opportunità professionali a breve termine
Target
4 sett
Marketing per il turismo e gli alberghi: errori, opportunità, scenari futuri
«Gli ospiti sono al centro. Ma non tutti lo hanno ancora capito». Stefano Mazzamuto ci svela i nuovi trend del settore
Target
1 mese
La svolta di Instagram: ora chiunque potrà inserire i link nelle Stories
Finisce l’era dell’esclusività, dello “Swipe Up” e dei 10mila follower necessari a collegarle con un contenuto esterno
Target
1 mese
Postare su Instagram da pc: ora (finalmente) sarà possibile per tutti
Dopo Creator Studio per pagine e account business, arriva l’attesissimo Instagram Desktop Posting
Target
1 mese
Addio alle pagine dei risultati di Google: arriva lo scorrimento continuo
Quanto servirà adesso posizionarsi al meglio sui motori di ricerca, e come cambieranno le tecniche SEO per riuscirci?
Target
1 mese
Facebook è morto, lunga vita a Facebook! (Seconda parte)
Scandali politici, un algoritmo penalizzante, aumento dei costi per l’advertising: il social di Zuckerberg è a rischio?
Target
1 mese
Facebook è morto, lunga vita a Facebook! Parte 1 di 2
Reach organica ai minimi, problemi di dati e privacy, fuga dei giovani. Ha ancora senso investire su questo social?
Target
1 mese
Il successo su Instagram? È questione di formato
Ogni tipo di contenuto che possiamo pubblicare sulla piattaforma ha degli scopi precisi: scopriamoli tutti insieme
Target
2 mesi
Bias: pregiudizi della mente che ci inducono in errore. E che i marketer utilizzano
Molte scelte quotidiane, anche d’acquisto, sono legate a scorciatoie mentali rapide, impulsive e spesso illogiche.
Target
2 mesi
Ecco le parole che migliorano le vendite creando emozioni
Alcune espressioni delle campagne pubblicitarie aumentano la percezione di fiducia ed empatia e il desiderio d’acquisto
Target
2 mesi
Pricing psicologico: come determinare sempre il prezzo giusto
Minuscole variazioni incoraggiano i clienti a comprare determinati prodotti piuttosto che altri: scopriamole insieme.
TARGET
19.04.2020 - 11:520

Chi emerge o si salva ha un unico comune denominatore: Internet

I numeri non mentono: cibo e pharma a parte, oggi è l’online che determina successo e sopravvivenza di un business

Nonostante non possa paragonarsi a uno stato di guerra e si inizino a intravedere spiragli verso la normalità, è innegabile che la situazione generata dal Coronavirus condivida con questa due caratteristiche: mettere a repentaglio la salute delle persone e provocare una crisi economica che ha ben pochi precedenti, nella contemporaneità.

In termini di business, sicuramente stanno emergendo dei vincitori e stanno sprofondando dei vinti. Come in una bizzarra partita globale, in cui - al netto di oggettive limitazioni fisiche che possono bloccare del tutto un’attività - chi è più allenato al digitale ha un vantaggio di partenza, e chi non lo è ha tempi più lunghi e difficoltà maggiori.

Come notano Stackline e SEMrush, nostro partner tecnico, in alcune recenti indagini, le curve legate all’economia globale hanno subito variazioni molto interessanti, che potrebbero protrarsi ancora per molto, legandosi ai profondi cambiamenti che la vita quotidiana ha subito e sta subendo in tutto il Mondo.

 

Chi è in vantaggio?

Ci sono ambiti che hanno guadagnato un distacco molto significativo, offrendo servizi diventati diffusissimi e quasi essenziali, mentre erano prima pressoché legati alla nicchia di chi li richiedeva in situazioni specifiche. Altri settori già di successo, invece, hanno visto un’accelerazione compatibile con le nuove esigenze di vita delle persone, sia quanto al lavoro che all’intrattenimento.

Oltre ai prodotti e ai servizi legati agli ambiti medicali o della salute, ha resistito ciò che rispondeva a una percezione di “prima necessità”, alle esperienze o ai passatempi da svolgere in casa, nel tempo ritrovato, ma esclusivamente nel caso di una profonda integrazione con il digitale, chiave della fruibilità nella situazione di lockdown: la riconferma che il web sta assumendo un’accezione sempre più positiva, come strumento di accesso e possibilità, unione e condivisione.

Hanno avuto un incremento oltre il 100% di fatturato rispetto al marzo dello scorso anno, ad esempio, i cibi di ogni tipo, che hanno aumentato le loro vendite dirette al consumatore (sebbene abbiano azzerato quelle nei confronti di locali e ristoranti); le macchine per fare il pane; i prodotti per animali; quelli cosmetici e per la cura del corpo.

Ma alcuni di questi, oltre ad aumentare i propri ricavi, sono entrati prepotentemente nella nostra quotidianità, molto più di quanto già non fossero presenti:

  • 1) I servizi di streaming e i videogiochi

Pensiamo, ad esempio, a Disney+, la nuovissima piattaforma che ospita i franchise Marvel, Star Wars, Pixar, oltre a tutti i classici, le serie tv e i relativi live-action dei cartoni animati storici. Una produzione, arricchita da Simpson e National Geographic, che fa gola a molti, a per cui l’attuale situazione è stata terreno fertile: Disney+ ha infatti superato in pochissimo tempo quota 50 milioni di registrazioni o abbonamenti.
Netflix, celeberrima piattaforma già da tempo imperante nel mercato dell’entertainment, ha visto, invece, un aumento delle ricerche online legate al proprio brand pari al 18%, lo scorso mese, mentre quelle collegate ad HBO, grande network televisivo statunitense (a cui dobbiamo serie come Il Trono di Spade, Westworld, True Detective) sono aumentate del 24%, probabilmente legate all’aggiunta di molte anteprime di spicco al palinsesto.

Mentre l’OMS li promuove come “terapia per la quarantena”, anche i videogames stanno conoscendo un boom senza precedenti: soltanto in Italia, GfK Nielsen stima che le vendite di console, poltrone per giocare (gaming seats) e volanti virtuali (stearing wheels) abbiano registrato, rispettivamente, il +67%, il +478% e il +104% rispetto allo scorso anno.

 

  • 2) Home fitness

In molti contesti, uscire per fare attività fisica è sconsigliato, se non addirittura vietato, ma, al di là delle restrizioni, molti preferiscono evitarla a prescindere, per tutelare al meglio la propria salute, ripiegando sull’home fitness. Le conseguenze di questa situazione consistono principalmente nella colossale impennata di interesse riguardo alle sessioni di allenamento che si possono tenere in casa, che non necessitano di attrezzature complesse, e si basano soprattutto sul proprio corpo e la voglia di tenersi in forma, nonostante la sedentarietà forzata. L’attività fisica, d’altronde, è tra i consigli più popolari per tenere alte le proprie difese immunitarie, nonché rimediare alla noia e all’apatia della quarantena.
Si rilevano, infatti, rispetto allo scorso anno, una crescita del 70% nelle ricerche relative al salto della corda o agli esercizi con i manubri, e del 66% per quelle legate allo yoga, mentre il fatturato online degli attrezzi legati a queste discipline aumenta ben oltre il 100%.

 

  • 3) Food delivery

Ci è già capitato di affrontare ed esaminare la situazione di bar e ristoranti, che, sebbene siano tra le attività messe più a repentaglio da questa e dalle prossime fasi, non sono necessariamente costrette all’immobilità. Una delle soluzioni che in molti hanno adottato è stata proprio quella di dedicarsi unicamente ai servizi di food delivery, per poter raggiungere comunque la propria clientela: insomma, se la montagna non va da Maometto, Maometto va alla montagna.
Le ricerche di servizi che consegnano cibo a domicilio, secondo un rilevamento SEMrush globale, hanno aumentato il proprio volume dell’80%.

 

  • 4) Piattaforme legate allo smart working

Difficile non comprendere questa categoria, in queste settimane: moltissime aziende di ogni dimensione e moltissimi professionisti si sono dovuti adattare al lavoro da remoto, per poter mantenere la produttività e non rimanere del tutto bloccati nel pantano della chiusura collettiva.
Popolarissimo negli Stati Uniti ed esportato in tutto il mondo, l’andamento sul portale Zoom è tra i più distintivi in questo senso: secondo il report di SEMrush, ha visto un incremento del proprio traffico di ben 10.000.000 di visite nel solo mese di febbraio, rispetto a gennaio.
Anche Slack, un servizio di messaggistica molto applicato in ambito lavorativo, ha beneficiato di ricerche cresciute di oltre il 70%, da febbraio a marzo 2020.

 

Chi sta rimanendo indietro?

Valigie, borse, fotocamere e videocamere, costumi da bagno, vestiti da cerimonia, zaini e sacche da ginnastica, equipaggiamento da atletica, da immersioni e da campeggio, pneumatici, orologi, perfino smartphone: tutti settori legati al contatto con l’ambiente esterno, e che, se non si sono fermati (ma solo grazie ed efficienti e-commerce alle proprie spalle), hanno comunque perso tra il 40% e l’80% di fatturato rispetto allo scorso anno.

Le crescite che abbiamo appena visto, infatti, hanno, purtroppo, una controparte complementare, sostenuta, in qualche modo, dalle esperienze digitali.
Altri ambiti che non possono legarsi al web, sono rimasti incredibilmente penalizzati, con statistiche gravose che non accennano alla ripresa nell’immediato futuro.
Parliamo non solo della ristorazione, ma di tutto ciò che è legato al contatto diretto con il cliente e ai trasporti, al turismo e agli eventi.

Per le maggiori compagnie aeree, dati SEMrush alla mano, ad esempio, l’impatto da gennaio a febbraio sulle ricerche ha visto un calo del 17%, con un fardello particolarmente pesante su alcune compagnie orientali: Bangkok Airways (-33%), China Eastern (-33%) e China Southern (-45%).
Le cancellazioni e i rinvii di kermesse musicali o sportive hanno dato vita ad accesi e densi dibattiti su Twitter: Formula 1 e Coachella sono stati oggetto di più di 40.000 tweet mentre le Olimpiadi, dopo la storica decisione di rinvio al 2021, hanno raggiunto la vetta degli oltre 55.000 tweet, intorno al 23-24 marzo.
Sono, inoltre, crollate le ricerche e i valori azionari di hotel, resort e compagnie di crociera, con un trend negativo che, chissà per quanto, non darà ancora segni di ammortizzamento.


---

Se sei un imprenditore o un professionista il cui business è stato interessato dai trend di mercato, contattaci per una consulenza gratuita. Ti aiuteremo a capire come farti riconoscere, a vendere, a usare gli strumenti del web a tuo vantaggio, anche in tempi di crisi.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.

Semrush 2020
Guarda tutte le 5 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 04:01:34 | 91.208.130.87