CAP/MS/SI/BNAM
ULTIME NOTIZIE Games
GAMES
1 sett
“Holly & Benji” in versione game: il tiro della tigre basta solo a metà
"Captain Tsubasa: Rise of New Champions", da poco disponibile, è bellissimo da vedere ma ha i suoi difettucci
FOTO E VIDEO
GAMES
2 sett
La serie Netflix sui games un po' ci azzecca, un po' no
“High Score”, che racconta la storia dei videogiochi, ha inventiva ma problemi di ritmo. Ai nostalgici però piacerà molto
FOTO
GAMES
1 mese
In “Mortal Shell” morire non è poi la fine del mondo
L'omaggio indipendente a “Dark Souls” di un mini-team di veterani è un mostriciattolo bonsai con qualcosa da dire
FOTO
GAMES
1 mese
“Fall Guys”, la corsa deficiente che (a sorpresa) è diventata un fenomeno
È il titolo dell'estate in grado di rivaleggiare con roba tipo “GTA Online” e altri colossi, e voi ci state giocando?
GAMES
1 mese
Sword Art Online, e il videogame ti imprigiona... in un videogioco
La celebre meta-serie giapponese torna con un colossale nuovo episodio che divertirà parecchio i fan
FOTO
STATI UNITI
1 mese
Né Sekiro, né Tenchu: Ghost of Tsushima è una storia a sé
L'ultima esclusiva per la console Sony, targata Sucker Punch, convince per design e azione. La narrazione però si rivela
FOTO
GAMES
2 mesi
Deadly Premonition 2: così il gioco si fa ancora più strano
Un dei titoli più improbabili della storia dei games ha ottenuto un ancor più improbabile seguito. Ma ne vale la pena?
FOTO
GAMES
2 mesi
“The Last of Us - Part II” porta il videogioco là dove non è mai andato
Il titolo più atteso di questa generazione non delude le attese ma potrebbe non essere per tutti
GAMES
3 mesi
Il ritorno a Skyrim è tutto online, “Greymoor” dolce nostalgia
L'espansione a tema per “The Elder Scrolls Online” è un bel viaggio che però non c'entra (quasi) niente con l'originale
FOTO E VIDEO
GIAPPONE
3 mesi
Dite buongiorno alla nuova Playstation 5
La macchina da gioco di Sony annunciata in pompa magna ieri in serata con un paio di novità molto accattivanti
GAMES
08.01.2020 - 12:000

Sono questi i nostri videogame dell'anno per il 2019

Che è stata un'annata un po' poco incisiva ("colpa" di Fortnite?) ma assolutamente non da buttare, e nel 2020 ci aspettano le nuove console

LUGANO - Sarà l'effetto-Fortnite, sarà la crisi, o il semplice caso ma è difficile ricordarsi un anno videogiocoso meno memorabile e così poco incisivo come l'appena trascorso 2019.

E i motivi sono tanti: siamo alla fine di un ciclo (le nuove Play e Xbox sono alle porte), la concorrenza dei giochi gratuiti, dei social e dello streaming che influiscono anche sui modelli di pagamento e sul valore che diamo al divertimento. Il risultato è una diffusa poca voglia di osare, l'utilizzo di formule collaudate in grado di garantire un rientro economico più o meno sicuro.

Il risultato è un 2019 zeppo di giochi belli, ma non sconvolgenti, spesso derivati da qualcos'altro e non estremamente frizzanti. Intendiamoci, non è che ci siamo annoiati, eh. Ma lo stupore resta altra cosa.

Gioco dell'anno: "Resident Evil 2" (Capcom, multi)

In un panorama come quello del 2019, quindi, non ci sta poi così male che a portarsi a casa il nostro premio di "Gioco dell'anno" sia un remake - con tutti i crismi - di un classicone dell'era Playstation.

Non c'è molto da dire, il lavoro fatto da Capcom è di quelli magistrali e non ha semplicemente trovato pari fra il resto dell'offerta di quest'anno. Dal ringiovanimento del gameplay, alle nuove trovate di design fino alla realizzazione tecnica vera e propria: “RE2” non solo fa (sempre) paura ma diverte come non mai.

E se per un futuro florido, il videogioco dovesse tornare a guardare al passato?

Menzioni d'onore: "Sekiro: Shadows die Twice", "Control", "The Division 2".

Esclusiva dell'anno: "Xbox Game Pass" (Xbox One)

Se per lo streaming è ancora presto (mi dispiace Google Stadia e Playstation Now) non è escluso che il domani dei games (almeno per quanto riguarda i modelli) stia proprio nei sistemi ad abbonamento - in stile Netlix - come quello di Xbox. 

Sì, c'è già da un po', ma solo quest'anno è davvero esploso mostrando il suo potenziale come strumento di lancio di titoli nuovi (come "Gears 5").

E, se Sony già è all'inseguimento, non è detto che questo all-you-can-play non finisca per cambiare anche come i videogiochi vengono realizzati.

Menzioni d'onore: "Gears 5" (sic), "Death Stranding", "Fire Emblem: Three Houses".

Gioco indie dell'anno: "Sayonara Wild Hearts" (Simogo,multi)

Stiloso, onirico e tutto da ascoltare. "Sayonara Wild Hearts" è tutto (e niente): gioco di corse, rhythm game ma anche sparatutto e avventura.

Ed è impossibile non parlare della grandissima cura dedicata al comparto tecnico: tutto al neon, ma bellissimo, e con una colonna sonora pazzesca. Insomma, un gioco d'autore che strizza l'occhio al mobile ma che farà contenti anche i più scafati cacciatori del completamento al 100%.

Menzioni d'onore: "Mutazione", "Untitled Goose Game", "Neo Cab".

Premio della redazione: "Sekiro: Shadows die Twice" (Bandai-Namco, multi)

Sì, il titolo 100% ninja dei papà di “Dark Souls” non sarà roba per tutti ma noi della redazione ci siamo andati parecchio giù di testa. Fra parate al millisecondo, sciabolate e boss arrabbiatissimi il tosto “Sekiro” ha stregato (e schiaffeggiato) diversi di noi diventando uno degli argomenti fissi della pausa caffè: «Oh, ma la scimmia senza testa?», e giù a scambiarsi consigli (alla poi fine lo abbiamo “platinato” in tre).

Menzioni d'onore: "PES 19", "FIFA 19" e il solito e inossidabile "Dragonball FighterZ".

MICROSOFT
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-20 16:40:10 | 91.208.130.86