Immobili
Veicoli

LUGANOHo catturato uno Psyduck al Mojito: ecco il gioco che vi rovinerà l’estate

11.07.16 - 10:06
Venerdì Pokémon Go verrà lanciato anche in Svizzera. Lo abbiamo provato per voi nelle vie di Lugano
Ho catturato uno Psyduck al Mojito: ecco il gioco che vi rovinerà l’estate
Venerdì Pokémon Go verrà lanciato anche in Svizzera. Lo abbiamo provato per voi nelle vie di Lugano

LUGANO - Se non sopportate le persone che camminano con gli occhi fissi sullo smartphone, vi conviene emigrare entro venerdì. Quel giorno verrà lanciato Pokémon Go e sarà senza dubbio il gioco tormentone dell’estate 2016. Se pensate che non v’importa vi sbagliate, perché questo non è un videogame a cui si gioca in casa, bensì per strada, nei parchi, finanche negli uffici. Basato su geolocalizzazione e realtà aumentata è semplicissimo: mentre si cammina, il proprio personaggio si muove su una mappa, lo scopo è trovare i Pokémon. Quando uno di questi  animaletti colorati compare, bisogna avvicinarsi e puntando lo smarphone lo si potrà vedere nello schermo. Lo si cattura lanciando con precisione una pokéball.

Caccia grossa a Lugano - In Svizzera sarà scaricabile da venerdì, per iOs e Android. Tramite un account australiano, però, abbiamo già potuto provarlo in Ticino. In un’ora di gioco abbiamo camminato 3,98 chilometri, rischiato un colpo di sole, fatto ripetutamente la figura degli idioti tra la folla, che sul lungo lago si gustava i bolidi di Cars and Coffee, e catturato 24 Pokémon.

Un po’ di cultura - Difficile pensare che un gioco di questo tipo possa migliorare il mondo. Sforzandosi, però, qualche vantaggio lo si può trovare: si fa molta attività fisica, chi non cammina non trova. E si scoprono angoli nascosti della propria città. Per raccogliere le indispensabili Pokéball, infatti, bisogna raggiungere i luoghi di interesse del circondario. A Lugano ci è stato chiesto di andare al Municipio, alla Chiesa delle Grazie, al Lac. Ci è anche capitato di sorprenderci notando qualche scultura o affresco sui quali non ci eravamo mai soffermati prima.

Cosa fa quel pazzo?  - Eh sì, se decidete di giocare a Pokémon Go non pensate di passarla liscia. A voi, calati in un mondo in cui girano impunite le colorate creature partorite nel 1996 da Satoshi Tajiri, sembrerà tutto normale. Molti invece non vi capiranno. Camminare a zig zag tra la gente, incuranti dei piedi calpestati e dei semafori rossi, cercando di acchiappare un Bulbasaur non è ancora un comportamento socialmente accettato. Durante la nostra prova sul campo, togliendo gli occhi dallo schermo ci siamo accorti di molti sguardi curiosi e altrettanti infastiditi dal nostro comportamento originale.

Proprietà privata e traffico - L’app ve lo ricorda ogni volta che la avviate: «Durante il gioco presta sempre attenzione all’ambiente che ti circonda». Seguire le creaturine sullo schermo senza guardare altro non è per niente sicuro: il gioco assorbe completamente e anche la zona incontro di Lugano, con il suo limite a 20 all’ora, può diventare pericolosa. Un appunto anche per le proprietà private: molti palazzi, anche chiusi al pubblico, sono dei Pokéstop, ovvero luoghi dove raccogliere oggetti. Questo potrebbe rappresentare un problema per chi si lascia troppo prendere. Pensate che la Polizia di Darwin, in Australia, ha dovuto pubblicare un annuncio: «Vi preghiamo di notare che non serve entrare effettivamente nella centrale di polizia per prendere le Pokeball. È anche una buona idea di alzare gli occhi dal proprio telefono e guardare a destra e sinistra prima di attraversare la strada. State al sicuro e prendeteli tutti!», hanno scritto. È sufficiente avvicinarsi al luogo deputato per raccoglierne i tesori rimanendo nella legalità.

Allora lo scarico? - Certo che sì. È veramente spassoso. Nella nostra ora di gioco abbiamo catturato uno Psyduck proprio dentro al Mojito. Due Drowzee, uno alla pensilina e uno in via Nassa. I Pokémon, per quanto se ne dica, sono creature adorabili: addirittura un Abra si era addormentato in mezzo a Piazza Dante. Quindi sì, se ne avete voglia divertitevi, cercando solo di non esagerare e ricordando che le altre persone che condividono la strada con voi hanno la precedenza su qualunque Snorlax in fuga.

COMMENTI
 
ZetaCrea 6 anni fa su tio
Da fonti preziosi ho sentito che sulla parete della diga della Verzasca si possono trovare 20 pulciotti importanti. Consiglio: andateci di notte che si vedon meglio, che di giorno c'è troppa gente.
sedelin 6 anni fa su tio
un gioco creato ad arte per rimbecillire ulteriomente, affinché il maggior numero di tali automi sia lobotomizzato e ... innocuo per chi detiene il potere.
Frankeat 6 anni fa su tio
Non è diverso, dal punto di vista del "rimambimento", di qualsiasi altro videogioco degli utlimi 30 anni. Per fortuna ne sono immune adesso, ma qualche anno fa avrei anche potuto cascarci.
elvetico 6 anni fa su tio
Un gioco non propriamente innocuo per adulti e bambini scemi: è davvero incredibile come la sottocultura sia sempre più dilagante !!!
elvetico 6 anni fa su tio
... adulti e bambini scieeemi ....
Cleofe 6 anni fa su tio
da come sono disegnati sti Pokemon mi stanno già sul Kulo
miba 6 anni fa su tio
....e l'imbecillità della razza umana nel 2016 corre sul filo degli smartphone....
sedelin 6 anni fa su tio
di male in peggio :-( poveri assuefatti!
KilBill65 6 anni fa su tio
SI ca....ggia?.....Invece di stare solo sul telefonino, leggete un bel libro....Magari al Lido... A fare il bagno!!....
bobà 6 anni fa su tio
... allo smartphone, ora ce ne sarà ancor più. Occhio automobilisti: se li mettete sotto poi vi toccherà pagarli come nuovi
senz_ch 6 anni fa su tio
probabilmente, a causa dei server spesso down a causa dell'eccessiva affluenza inaspettata, si dovrà aspettare oltre venerdì per scaricarla legalmente sugli smartphone svizzeri ed europei: fintanto che non si avrà maggiore stabilità la Niantic Labs, spinoff di Google e sviluppatrice del gioco ha messo in pausa il roll out del gioco nei paesi che non sono Australia, Nuova Zelanda e USA.. speriamo riescano velocemente
Monello 6 anni fa su tio
....nuove pippette !!
NOTIZIE PIÙ LETTE