keystone-sda.ch/STF (JAMES ROSS)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ISRAELE
5 ore
Netanyahu senza maggioranza, Gantz avanti d'un soffio
ITALIA
6 ore
Renzi lancia "Italia viva"
SPAGNA
6 ore
La Spagna torna al voto
STATI UNITI
6 ore
Gli Usa fanno causa a Snowden per il libro
INDIA
8 ore
Scappa con l'elefante perché vogliono separarli, trovato dai giornalisti
STATI UNITI
8 ore
75 miliardi di dollari dalla Fed
CITTÀ DEL VATICANO
8 ore
Abusi sessuali, due preti rinviati a giudizio
STATI UNITI
9 ore
Ubriaca, va a prendere il fidanzato fermato per guida in stato di ebrezza: arrestata
ALBANIA
10 ore
Tusk: «L'Albania merita l'avvio dei negoziati per l'adesione all'Ue»
STATI UNITI
11 ore
Per 1 americana su 16 il primo rapporto sessuale è stato uno stupro
STATI UNITI
11 ore
Sigarette elettroniche: negli Stati Uniti la settima vittima
ITALIA
11 ore
Autobus va fuori strada e finisce contro un albero: 30 feriti
STATI UNITI
12 ore
Manifestazioni per il clima: a New York 1 milione di scolari potranno saltare la scuola
BRASILE
13 ore
Amazzonia: il capo indigeno Raoni proposto per il Nobel per la Pace
ARGENTINA
13 ore
Allarme femminicidio, uccise quattro donne nel fine settimana
VATICANO
21.08.2019 - 10:020
Aggiornamento : 11:21

Pedofilia, «la S. Sede rispetta la condanna di Pell»

Lo ha dichiarato il direttore della Sala stampa della Santa Sede, Matteo Bruni

CITTÀ DEL VATICANO - «Ribadendo il proprio rispetto per le autorità giudiziarie australiane, come dichiarato il 26 febbraio in occasione del giudizio in primo grado, la Santa Sede prende atto della decisione di respingere l'appello del Cardinale George Pell», ha dichiarato stamane il direttore della Sala stampa della Santa Sede, Matteo Bruni.

«In attesa di conoscere gli eventuali ulteriori sviluppi del procedimento giudiziario, ricorda che il Cardinale ha sempre ribadito la sua innocenza e che è suo diritto ricorrere all'Alta Corte», ha proseguito il portavoce vaticano.

Nell'occasione, ha aggiunto Bruni, «insieme alla Chiesa di Australia, la Santa Sede conferma la vicinanza alle vittime di abusi sessuali e l'impegno, attraverso le competenti autorità ecclesiastiche, a perseguire i membri del clero che ne siano responsabili».

«Il cardinale Pell è ovviamente deluso dalla decisione odierna. Tuttavia, il suo team legale esaminerà a fondo il giudizio al fine di determinare uno speciale ricorso all'Alta Corte». Lo ha dichiarato oggi la portavoce del card. George Pell, Katrina Lee.

«Mentre nota la decisione divisa di due giudici a uno, il cardinale Pell ribadisce la propria innocenza - ha aggiunto -. Ringraziamo i suoi numerosi sostenitori».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 03:51:52 | 91.208.130.86