Cerca e trova immobili

AFGHANISTANSempre più bambini costretti a lavorare per sfuggire alla fame

15.08.23 - 08:00
Il bilancio di Save the Children a due anni dal ritorno al potere dei talebani
Shekiba Mohammadi / Save the Children
Sempre più bambini costretti a lavorare per sfuggire alla fame
Il bilancio di Save the Children a due anni dal ritorno al potere dei talebani

KABUL - Due anni dopo la presa del potere dei talebani, più di un terzo (38,4%) dei bambini intervistati da Save the Children in Afghanistan deve lavorare per aiutare a nutrire le proprie famiglie.

Condizioni «miserabili» - «Le condizioni di vita dei bambini e delle loro famiglie sono miserabili. Il conflitto, la povertà, la fame e la malnutrizione, così come le conseguenze della crisi climatica, stanno lasciando profonde cicatrici», afferma Arshad Malik, Country Director di Save the Children in Afghanistan. «Recentemente ci è stato detto che una ragazza è stata investita da un camion mentre contrabbandava merci attraverso un valico di frontiera. Il fatto che i bambini non abbiano altra scelta che esporsi a tali pericoli dovrebbe scioccare il mondo intero».

Tra l'8 luglio e il 2 agosto Save the Children ha intervistato 1207 adulti e 1205 bambini nelle province afghane di Balkh, Faryab, Jawzjan, Kabul, Nangarhar e Sar-e-Pul. Tre quarti dei bambini intervistati (76,1%) hanno dichiarato di avere meno da mangiare rispetto a un anno fa. La causa è la grave siccità, la peggiore che ha colpito l'Afghanistan negli ultimi tre decenni. La distruzione dei raccolti e la morte del bestiame ha interessato in prima persona più della metà della popolazione.

La storia di Sajida - La 31enne Sajida e la sua famiglia vivono nel nord dell'Afghanistan, dove molte famiglie dipendono dall'agricoltura per la loro sopravvivenza. A Jawzjan, casa di Sajida, una famiglia su cinque (20,7%) soffre la fame; nella provincia di Sar-e-Pul si arriva addirittura a oltre una famiglia su tre (34,3%). «Non c'è acqua nel nostro villaggio. Cavalchiamo gli asini per andare a prendere l'acqua negli altri villaggi. Le file ai punti d'approvvigionamento sono lunghe. Tutti i contadini pregano per la pioggia, ma quest'anno hanno poche speranze. Credono che la siccità rovinerà le nostre vite qui», dice Sajida. «I miei figli vengono e dicono: "Mamma, non vogliamo mangiare riso bollito". Sono molto giovani e non sanno cosa significhi essere troppo poveri per comprare le patate». I gemelli di otto mesi di Sajida, Nahida e Nadira, sono gravemente malnutriti. Attualmente stanno ricevendo cure mediche in una clinica sanitaria mobile di Save the Children.

Le richieste - Con milioni rimasti senza aiuti alimentari a causa dei tagli internazionali, questo dovrebbe essere un campanello d'allarme per la comunità internazionale, afferma l'organizzazione non governativa. La fame non solo ha un grave impatto sullo sviluppo fisico dei bambini, ma anche sulla loro salute mentale. «Speriamo che la comunità internazionale riconsideri il suo approccio isolazionista e pensi ai milioni di bambini innocenti le cui vite sono a rischio. I bambini non devono essere puniti per cose che sfuggono al loro controllo», chiede Malik. Save the Children chiede alla comunità internazionale di fornire assistenza umanitaria urgente e assistenza allo sviluppo a lungo termine per soddisfare le crescenti esigenze del popolo afghano. Allo stesso tempo chiede ai governi donatori di non congelare o sospendere i finanziamenti per il lavoro umanitario in Afghanistan, poiché ciò avrebbe un impatto devastante sulle popolazioni civili, in particolare donne e ragazze. I diritti dei bambini, e in particolare il diritto all'istruzione delle ragazze, devono avere la priorità.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Scorpion1065 11 mesi fa su tio
la siccità colpiva meno se coalizione rimaneva?

s1 11 mesi fa su tio
Risposta a Scorpion1065
Se scrivi la diminuzione di produzione alla siccità. Tenta e ripassa. Dopo aver tentato di dire che la produzione è aumentata sotto i talebani in vari rapporti degli organi internazionali, ora i benpensanti devono invece prendere atto che la superficie coltivata a oppio è radicalmente diminuita. Allora i rapporti segnalano ora che i contadini non hanno più mezzi di sostentamento. Ridicoli. Farsa. Però funziona come si evince qui sopra. E la siccità. E il cambiamenti climatico. Mah

s1 11 mesi fa su tio
Intanto i talebano da quando la coalizione portatrice di democrazia e civiltà ha lasciato il paese è riuscita a ridurre del 50% la produzione di papavero ricivertendola a produzione alimentare. Strano. Mentre negli USA c'è un'epidemia di morti per fentanil..

Gemelli57 11 mesi fa su tio
Risposta a s1
Certo allora viva i talebani?! Ma stiamo scherzando?

s1 11 mesi fa su tio
Risposta a Gemelli57
No. Vi va capire come funzionano le cose. Quelli tacciati di essere i peggiori, riescono a fare meglio di quelli autoproclamati portatori di democrazia. Questo è lo scherzo. Poi buttarla in va. cca, fare sfoggio di logica aristotelica nei ragionamenti per far finta di non capire funziona sempre bene.
NOTIZIE PIÙ LETTE