Cerca e trova immobili

CUCINARE CON FOOBYTacchino di Natale

15.12.23 - 07:00
Negli Stati Uniti, come in molti altri paesi anglosassoni, è impossibile pensare al Natale senza Santa Claus, o senza... un tacchino farcito
FOOBY
Tacchino di Natale
Negli Stati Uniti, come in molti altri paesi anglosassoni, è impossibile pensare al Natale senza Santa Claus, o senza... un tacchino farcito

TRADIZIONE
Negli USA il tacchino non si prepara soltanto per il giorno del ringraziamento, ma anche un paio di settimane più tardi per festeggiare il Natale. La tradizione è tuttavia ancor più radicata in Inghilterra: il pennuto ha conquistato gli inglesi già nel XVI secolo, quando è stato importato per la prima volta dal Messico. Tuttavia, il pregiato volatile ha spodestato ufficialmente l’oca di Natale soltanto nel 1950.

QUANDO
Se in Inghilterra e in Nuova Zelanda il pasto festivo si consuma il 25 dicembre, in America – così come in Australia – il roast turkey (il tacchino arrosto) si mangia già la vigilia. Ovviamente per i bambini è molto meglio, perché così si riduce l’attesa per l’arrivo di Babbo Natale e dei suoi regali.

FARCIA
Non esiste tacchino arrosto senza ripieno, per il semplice fatto che altrimenti le carni sarebbero troppo asciutte e non proprio appetitose. Sulla falsariga degli inglesi che farciscono il volatile con mele, castagne, pane toast, uova e pancetta; gli americani usano anche sedano e pane a cubetti. Ma è anche vero che quasi ogni famiglia ha la sua ricetta segreta.

CONTORNI
Sulla tavola natalizia statunitense anche i contorni ricordano molto il giorno del ringraziamento. Il roast turkey viene servito con purea di patate, patate dolci, mais e verdure come cavolini di Bruxelles, piselli o fagioli. Il pasto sostanzioso viene completato da salsine fruttate a base di ribes o mirtilli rossi. Buon appetito e… Merry Christmas!

FOOBY


TACCHINO RIPIENO

Preparazione: 45 min. | Tempo totale: 3 ore e 30 min.

PER 8 PERSONE CI VOGLIONO

    • 2 mandarini
    • 200 g pane (ad es. pane alle noci e patate), a cubetti
    • 150 g pancetta paesana, a strisce
    • 1 spicchio d’aglio, spremuto
    • ½ mazzetto salvia, tagliata finemente
    • ¼ di c.no sale
    • ¼ di c.no pepe

    • 1 tacchino (ca. 3,5 kg), pronto per essere cucinato, ordinato dal macellaio
    • 1 c. sale
    • un po’ di pepe
    • ½ dl olio d’oliva
    • 1 c. salvia, tagliata finemente
    • ¼ di c.no noce moscata
    • 1 pacco verdura per minestra (ca. 500 g), a cubi

    • 4 mandarini, sciacquati sotto l’acqua calda, asciugati e dimezzati
    • 5 spicchi d’aglio
    • 1 foglia alloro
    • 2 c. gelatina di mele cotogne, amalgamata

 

ECCO COME FARE

    1. Ripieno: lavare i mandarini con acqua calda e asciugarli bene. Grattugiare la scorza, spremere il succo, unirli in una ciotola con il pane e tutti gli ingredienti fino al pepe incluso e mescolare. Lavorare con le mani fino a ottenere un composto compatto.
    2. Tacchino: sciacquare il tacchino sotto l’acqua fredda e asciugarlo tamponandolo con carta da cucina. Condirlo all’esterno e all’interno e farcirlo con il composto. Chiudere l’apertura con gli stuzzicadenti. Incrociare le cosce e legarle con lo spago da cucina. Sistemare il tacchino su una placca con il petto rivolto verso l’alto. Mescolare l’olio con la salvia e la noce moscata e spennellare metà della salsina sul tacchino.
    3. In forno: cuocere per ca. 30 min. nella parte inferiore del forno preriscaldato a 220°C. Sfornare il tacchino e cospargerlo con l’olio restante. Distribuire accanto al tacchino la verdura, i mandarini, l’aglio e l’alloro. Abbassare la temperatura del forno a 160°C, continuare a cuocere per altre 2 ore e ¼ , irrorando di tanto in tanto il tacchino con liquido di cottura. 20 min. prima della fine della cottura spennellare il tacchino con la gelatina di mele cotogne. Il tacchino è cotto se, infilzandolo, il succo in uscita risulta chiaro. Rimuovere gli stuzzicadenti e lo spago da cucina e affettare il tacchino. Impiattare la carne e il ripieno. Raccogliere il liquido di cottura, filtrarlo e servirlo come salsa.


Servire con: purea di patate

 

Questo contributo è un paid post del nostro cliente. I paid post sono quindi pubblicità e non contenuto redazionale.

Con FOOBY, la piattaforma culinaria di Coop, vogliamo condividere con te il fantastico mondo della cucina, del mangiare e dei piaceri della tavola. Non importa se cucini per passione o se pensi di essere una schiappa tra i fornelli: qui trovi un’infinità di ricette (ben organizzate in categorie), know how sul cibo, istruzioni di cottura, video esplicativi e ispirazioni à gogo. In più, molte storie appassionanti che raccontano di persone che amano il cibo così come lo amiamo noi.
Prenditi il tempo per guardarti attorno e scopri l’appetitoso mondo di FOOBY.

COMMENTI