Cerca e trova immobili

CUCINARE CON FOOBYSimbologia pasquale

06.04.23 - 12:00
Capretto, agnello, coniglio e uova: perché proprio questi simboli?
Fooby
Simbologia pasquale
Capretto, agnello, coniglio e uova: perché proprio questi simboli?
Per saperlo bisogna fare un lungo salto a ritroso nel tempo, addirittura all’epoca in cui la Pasqua... neppure esisteva.

Il viaggio nel passato ci porta tra le lande dell’Europa del Nord: sino ai tempi dei Celti. Popolo molto credente e legato alla natura e ai suoi cicli, a cui dedicava varie cerimonie religiose e festività. Tra queste, il ritorno della Primavera, stagione da loro identificata con la dea Eostre (da qui la denominazione anglosassone della Pasqua: Easter in inglese e Ostern in tedesco). Il nome Eostre deriva da aus o aes, che significa Est. Dunque, un’antica divinità legata al sole nascente e al suo calore che in primavera torna a scaldare la terra, dopo il freddo invernale, rendendola fertile.

La dea della rinascita e della fertilità veniva talvolta raffigurata con la testa di lepre o di coniglio e la si venerava scambiandosi uova “sacre” sotto l’albero “magico”. Ecco da dove saltano fuori le uova e il coniglio di Pasqua. Pure la presenza dell’agnello o del capretto è riconducibile all’antico culto eostriano. Gli ovini sono soliti rosicchiare le cortecce degli alberi e siccome, secondo i Celti, solo un dio della vegetazione poteva nutrirsi della sua creazione, l’animale che compiva questo gesto doveva avere la sua benedizione e dunque era anch’esso sacro. Così, mangiandone la carne credevano di acquistare e assorbire una parte di divinità. Agnello e capretto rappresentavano la purezza e l’innocenza, per cui il simbolo di sacrificio per eccellenza.

Coniglio
Figura non scelta casualmente ma per 2 ragioni: per le famose doti riproduttive dell’animale e perché, secondo la tradizione celtica, le aree nere della luna rappresenterebbero proprio una lepre o un coniglio, sancendo così la sua sacralità. Con il tempo si preferì sacrificare il coniglio per la più facile reperibilità.

Uova
In primavera gli uccelli depongono le uova, un prezioso sostentamento dopo l’austerità dell’inverno. L’uovo divenne simbolo di fertilità e di vita: un alimento con cui celebrare il ritorno del sole e la rinascita della vegetazione.

Capretto
Le capre da sempre vengono allevate principalmente per il loro latte. Per molti contadini, la primavera era il periodo ideale per ridurre il numero di capretti mentre le madri continuavano a produrre latte. Inoltre, sono anche le particolarità regionali a rendere il capretto il re del banchetto pasquale.

Agnello
Cibarsi di animali sacri era un sacramento solenne. Un riturale diffusosi poi in molti altri popoli. Tra cui quello ebraico: mangiare l’agnello fa parte della Pesach (Pasqua ebraica), che commemora la liberazione degli ebrei dalla schiavitù in Egitto. Mentre per i cristiani la Pasqua è la celebrazione della resurrezione di Gesù, che viene definito come «Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo».

 

Fooby

 

LITTLE FOOBY: CORONE DI PASQUA

Preparazione: 35 min. | Tempo totale: 2 ore e 30 min.

PER 4 PEZZI CI VOGLIONO

    • 250 g quark magro

    • 1 vasetto farina di spelta integrale (200 g)
    • 1 vasetto farina di spelta bianca (200 g)
    • ½ c.no sale
    • ½ dado lievito (ca.20 g)
    • ½ vasetto acqua (½ dl)
    • 2 c. miele liquido
    • 4 uova fresche
    • 1 uovo sbattuto

 

ECCO COME FARE

I bambini possono aiutare nei  passaggi colorati 

    1. Unità di misura:  mettere il quark magro in una ciotolina e tenerlo da parte. Lavare e asciugare bene il vasetto e utilizzarlo come unità di misura. 
    2. Impasto:  mescolare le farine e il sale in una ciotola. Sbriciolare il lievito e incorporarlo. Unire alla farina l’acqua, il miele e il quark messo da parte, quindi mescolare il tutto per ca. 5 min. e lavorare fino a ottenere un impasto liscio. Coprire l’impasto e lasciarlo lievitare a temperatura ambiente per ca. 1 ora fino al raddoppio del volume.
    3. Formare le corone: dividere l’impasto in 4 parti, dimezzarle e ottenere da ciascuna un filone lungo ca. 30 cm. Avvicinare una coppia di filoni, attorcigliarli e su una placca foderata con carta da forno dar loro la forma di una corona. Posizionare un uovo al centro di ciascuna corona. Coprire le corone e lasciarle lievitare per 30 min. circa.  Spennellare con l’uovo. 
    4. In forno: cuocere per ca. 25 min. nella parte centrale del forno preriscaldato a 200°C. Sfornare e mettere a raffreddare su una griglia. 

Suggerimento: prima di cuocerle, cospargere le corone con 1 c. di granelli di zucchero oppure stemperare 2 c. di zucchero a velo con 1 c.no di acqua e, una volta cotte e raffreddate, spennellare le corone con la glassa ottenuta e guarnirle con 2 c. di perline di zucchero.

 


Questo contributo è un paid post del nostro cliente. I paid post sono quindi pubblicità e non contenuto redazionale.
Con FOOBY, la piattaforma culinaria di Coop, vogliamo condividere con te il fantastico mondo della cucina, del mangiare e dei piaceri della tavola. Non importa se cucini per passione o se pensi di essere una schiappa tra i fornelli: qui trovi un’infinità di ricette (ben organizzate in categorie), know how sul cibo, istruzioni di cottura, video esplicativi e ispirazioni à gogo. In più, molte storie appassionanti che raccontano di persone che amano il cibo così come lo amiamo noi.
Prenditi il tempo per guardarti attorno e scopri l’appetitoso mondo di FOOBY.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

ZioG. 1 anno fa su tio
Quanta ignoranza riguardo la morte di Gesú 🤦‍♂️