mobile report Segnala alla redazione
CUCINARE CON FOOBY
17.08.2018 - 00:000

Tentazione color viola

In agosto comincia la stagione della superstar della frutta col nocciolo. Le prugne mature sono dolci e succose: perfette per uno spuntino estivo.

 

In tutto il mondo esistono quasi duemila varietà di prugne. In Svizzera tuttavia una specie è particolarmente conosciuta e apprezzata: la prugna Fellenberg. Questa varietà proviene dall’Italia e per questo è detta anche Prugna d’Italia o, in francese, Quetsche d’Italie. Secondo la tradizione, il nome tedesco “Fellenberg” è dovuto a uno scaltro commerciante, uno svizzero di nome Fellenberg, che si dice abbia portato per la prima volta queste prugne oltre le Alpi nella Svizzera tedesca. Oggigiorno questa varietà è diffusa principalmente nei Cantoni di Turgovia, St. Gallo, Vallese, Vaud, Ginevra e Berna.

Le prugne più saporite arrivano dai frutteti della propria regione. La frutta che deve sopportare tempi di trasporto più brevi può essere raccolta più tardi e restare più a lungo a maturare sull’albero. In questo modo, le prugne possono sviluppare interamente il loro aroma che addolcirà le nostre giornate fino ai primi mesi d’autunno. Le prugne mature si riconoscono dal colore inteso e dalla buccia lucida e soda. Se la patina bianca vellutata è intatta, significa che le prugne sono state trattate in modo particolarmente delicato e possono essere conservate più a lungo. La patina scompare quando si lava la frutta.

Il modo perfetto per mangiare le prugne è coglierle direttamente dall’albero e mangiarle a piedi nudi seduti sul prato. Tuttavia, le prugne appena acquistate al supermercato hanno comunque un sapore fantastico: sono perfette a colazione, come spuntino tra i pasti e anche come dessert. Sono inoltre particolarmente adatte per le torte. La polpa contiene poca acqua ed è facile estrarre il nocciolo: le condizioni ideali per la preparazione di crostate o crumble. Preparando composte o marmellate, è possibile gustare le prugne anche in inverno sul pane, con un gelato alla panna acida o per esempio in un soufflé al quark.

La prugna è una sottospecie della susina che appartiene alla famiglia delle Rosacee. Gli alberi sono alti da sei a dieci metri e sui rami più vecchi crescono spine lunghe fino a 5 centimetri: un lascito dei primi pruni. Nonostante prugne e susine si assomiglino per gusto, sono molto facili da distinguere. Le susine sono rotonde e morbide e di colore rossastro. Le prugne al contrario hanno una forma ovale e una buccia liscia senza la scanalatura tipica delle susine.

Qui trovi la ricetta delle crostatine di prugne

Questo contributo è un paid post del nostro cliente. I paid post sono quindi pubblicità e non contenuto redazionale.

Con FOOBY, la piattaforma culinaria di Coop, vogliamo condividere con te il fantastico mondo della cucina, del mangiare e dei piaceri della tavola. Non importa se cucini per passione o se pensi di essere una schiappa tra i fornelli: qui trovi un’infinità di ricette (ben organizzate in categorie), know how sul cibo, istruzioni di cottura, video esplicativi e ispirazioni à gogo. In più, molte storie appassionanti che raccontano di persone che amano il cibo così come lo amiamo noi.
Prenditi il tempo per guardarti attorno e scopri l’appetitoso mondo di FOOBY.

Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-10 21:49:21 | 91.208.130.87