tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
27 min
Feste da brividi: si "scaldi" chi può
Guarda il live. Niente cene aziendali, niente aperitivi sociali, niente veglioni. Che dicembre ci attende?
CANTONE
43 min
"Di più per te", potenziato il trasporto pubblico del Bellinzonese
Il nuovo modello è stato presentato questa mattina. Entrerà in vigore il 13 dicembre.
MASSAGNO
54 min
Il disavanzo cresce, ma il moltiplicatore resta al 77%
L'Esecutivo di Massagno ha presentato il preventivo 2021, condizionato dalla pandemia
CANTONE
1 ora
Emergenza freddo, un aiuto a chi è in difficoltà
Il DSS ricorda il dispositivo attivo in caso di bisogno, sia per residenti che per stranieri.
CANTONE
1 ora
Il San Salvatore è pronto ad accogliere i turisti
Sabato 5 dicembre si potrà riprendere a fare su e giù dal crinale del “Pan di Zucchero” luganese.
CANTONE
2 ore
Un giapponese da quarantena
Lo scarabeo di Newman è diffuso ormai in tutto il Sottoceneri. L'Ufag creerà una "zona rossa" con misure di contenimento
CANTONE
3 ore
«Guido io? Guidi tu? Per la sicurezza di tutti: chi guida non beve»
Il DI torna a sensibilizzare la popolazione sui pericoli di mettersi al volante dopo aver alzato il gomito.
CANTONE
3 ore
Ticinesi sugli scudi agli SwissSkills
Si sono conclusi i campionati svizzeri delle professioni, che quest'anno si sono svolti in modo decentralizzato.
CANTONE
3 ore
Dieci nuove vittime del Covid-19 in Ticino
Nelle ultime 24 ore 27 persone sono state ricoverate in ospedale, mentre 29 lo hanno lasciato.
CHIASSO
4 ore
Pigioni commerciali: «Un colpo mortale da evitare»
Dopo la decisione del Nazionale, una mozione chiede al Municipio di attivarsi rapidamente
FOTO E VIDEO
FAIDO
4 ore
Incendio nel bosco domato nella notte
Le fiamme divampate sopra il paese di Cavagnago in località Deiro, ancora ignote le cause all'origine del rogo
CANTONE / CONFINE
4 ore
"Guerra degli sci", aspre critiche nei confronti di Lorenzo Quadri
Dalle fila del PD l'attacco al consigliere nazionale, definito foriero di «odio e discriminazione».
CANTONE
20.10.2020 - 20:000
Aggiornamento : 22:17

«Sei anni che vivo ad Airolo, ma non mi rinnovano il permesso»

Il racconto di uno dei lavoratori a cui è stato negato il rinnovo del "patentino" LAPIS.

Il sindacalista Gargantini: «Chi non dovrebbe lavorare invece lavora. Ci attendiamo un passo indietro».

BELLINZONA - «Sono 6 anni che vivo ad Airolo, 5 che lavoro per Prosegur, ma nonostante questo hanno deciso di non rinnovarmi il permesso». S.* è tra i lavoratori che rischiano di pagare a caro prezzo la decisione del Dipartimento delle Istituzioni di non rilasciare, o appunto rinnovare, le autorizzazioni ai sensi della Legge sulle attività private d’investigazione e sorveglianza (LAPIS) a lavoratori frontalieri o residenti in Ticino da meno di 5 anni. 

«In Ticino da 6 anni, ma non mi rinnovano il permesso» - Quello di S., a dire il vero, è un caso anomalo. Tecnicamente, infatti, dovrebbe rientrare tra coloro i quali possono usufruire del rinnovo. «Ho tanto di certificato che dimostra la mia continuità lavorativa da più di 5 anni». C'è un però: per i primi quattro, l'agente di sicurezza ha lavorato a tempo parziale e con un permesso L (di dimora temporanea). «In quegli anni oltre al lavoro seguivo i corsi di formazione. Sono uno dei dipendenti più specializzati in azienda. Pago le tasse, l'affitto, la cassa malati. Non ho precedenti penali, né debiti pendenti. Perché devo essere trattato così? E vero, da soli due anni sono in possesso del permesso B, ma ho sempre vissuto in Ticino. Lo dimostrano il mio contratto d'affitto e la continuità scolastica di mio figlio». 

Eppure (per ora solo telefonicamente), all'azienda il rinnovo del suo permesso è stato negato. «Mi mettono in una condizione critica, quella di non poter più mantenere la mia famiglia. Se dovrò cambiare lavoro lo farò, ma quanto sta accadendo non mette in difficoltà soltanto me. Ho colleghi che risiedono in Italia e sono terrorizzati. Parliamo di famiglie che rischiano di trovarsi in serie difficoltà dall'oggi al domani». 

«Decine di famiglie a rischio» - Decine di famiglie, stando a Giangiorgio Gargantini di Unia, che la questione la sta seguendo da vicino. Lo stesso sindacato di cui è segretario regionale, infatti, ha chiesto ieri il ritiro di questa decisione additandola, senza mezzi termini, quale prova di un «uso strumentale della legge da parte del capo del dipartimento Norman Gobbi». 

Per Gargantini, il caso in questione dimostra che «possono essere toccate anche persone con più di 5 anni di esperienza. Che magari hanno iniziato con un permesso G e ora sono residenti. Per questo chiediamo che ritirino questa decisione assurda. Sappiamo che anche le stesse agenzie sono intervenute su questa problematica». 

E se, come conferma il sindacalista, qualche datore di lavoro sta trovando degli escamotage per conservare i dipendenti più fidati, «magari mettendoli a fare altri compiti, ma ovviamente a una retribuzione inferiore e spesso insufficiente», altre realtà potrebbero vedersi costrette a licenziare. «E magari a perdere un lavoratore fidato, valido e formato che soddisferebbe tutti i criteri per poter lavorare».

«Una decisione politica» - Gargantini ribadisce quanto sottolineato da Unia: «Sembra a tutti gli effetti una decisione politica. Sostengono che non ci sia più reciprocità da parte italiana, ma da tutti gli elementi che abbiamo raccolto ciò non corrisponde al vero. Non ci pare che siano state negate informazioni o altro che giustifichi una reazione di questo tipo da parte del DI». 

Che per il momento tace. «Ci aspettiamo una risposta chiara che spieghi quale sia il problema. Se c’è cercheremo di risolverlo. Se invece come crediamo non c’è, è giusto che si faccia un passo indietro e si permette alla gente di lavorare». 

«Chi non dovrebbe lavorare invece lavora» - Gargantini, infine, fa notare quella che ritiene essere un’incoerenza da parte del DI: «Le autorizzazioni, sulla carta, possono essere negate anche alle aziende, se non rispecchiano determinati requisiti. E noi ne abbiamo denunciate già un paio. Abbiamo fatto i nomi di persone che nonostante siano protagoniste di fallimenti seriali continuano a operare come niente fosse. E sono a capo di aziende che ai sensi della legge non potrebbero più lavorare. Quando diciamo che fanno i forti con i deboli e i deboli con i forti, ecco, intendiamo questo».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 13:44:21 | 91.208.130.86