TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
COLLINA D'ORO
5 min
Macchinario in fiamme in una cava di Montagnola
L'incendio, divampato ieri sera in via Civra, è stato domato dai pompieri del centro di soccorso di Lugano.
CANTONE
46 min
«Con lo “psicologo free” avremmo meno costi sociali»
Lo specialista Nicholas Sacchi, dopo il caso del paziente espulso dalla cassa malati: «Noi, nel pacchetto base».
CANTONE
1 ora
Otto locali erotici chiedono al Tram di riaprire
Inoltrato al Tribunale un ricorso contro la decisione del Governo, definita una «deliberata distorsione del mercato»
CANTONE
10 ore
Suter: «Decisioni incongruenti che non aiutano. Ma siamo pronti»
Il vice presidente di GastroSuisse sulle misure ticinesi anti covid: «Stanno strette, ma meglio di un lockdown».
CANTONE
11 ore
L'appello: «La stampa ci aiuti a correggere la disinformazione»
In Italia si è parlato di Svizzera che nega la rianimazione agli anziani. L’intervento del dr. Paolo Merlani
FOTO
LUGANO
11 ore
Incendio alla cava di Noranco
Sul posto i Pompieri di Lugano. Non sono note al momento le cause del rogo.
CANTONE
12 ore
Gli studenti invocano la chiusura delle scuole
Una petizione in questo senso è stata lanciata da alcuni ragazzi del CPS di Lugano.
AGNO
12 ore
Veicolo in fiamme, disagi al traffico in zona Vallone
La circolazione stradale è difficoltosa in entrambe le direzioni.
CANTONE
13 ore
Il coronavirus fa breccia in altre due strutture
Nuovi casi alla Santa Lucia di Arzo e alla Casa Don Orione di Lopagno
CANTONE
14 ore
Il settore turistico ticinese si prepara al 2021
L'incertezza legata all'emergenza sanitaria implicherà più attenzione verso i Paesi europei e il mercato interno.
CANTONE / SVIZZERA
14 ore
«Edili costretti a pagare il prezzo di una cattiva gestione»
Il duro attacco di Syna contro Implenia: «Vogliono solo assicurare agli azionisti un rendimento dei titoli superiore».
CANTONE
29.09.2020 - 15:230
Aggiornamento : 19:52

«Voleva sopprimerla per fare la "bella vita"»

Processo in Appello, ma la richiesta di pena non cambia: carcere a vita per assassinio

L’accusa lo ribadisce: la 41enne russa è la mente del delitto di Monte Carasso.

BELLINZONA - «Se fossimo in Russia, troveremmo un sicario». È su questo SMS dell’imputata 41enne accusata di assassinio per il delitto di Monte Carasso del 2016 che stamani era stato sospeso il processo in Appello. Ed è da qui che nel primo pomeriggio è ricominciata la requisitoria della procuratrice pubblica Chiara Borelli: «Il marito della donna è sempre stato costante su un punto: l’idea di uccidere la ex moglie era dell’imputata».

Per l’accusa - come già sostenuto nel processo di primo grado andato in scena nell’aprile 2019 - la 41enne russa va quindi considerata la mente del delitto consumatosi il 19 luglio 2016 in un’abitazione di Monte Carasso. E alla Corte, presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will, Borelli ha chiesto anche stavolta la condanna al carcere a vita per assassinio.

Le bugie dettate dalla paura - La procuratrice ammette che durante la fase d’inchiesta su determinate questioni il marito ha fornito delle versioni «traballanti». E che nell’ambito dell’intera vicenda non sono mancate le bugie. Bugie che, secondo l’accusa, vanno però inserite e comprese nel contesto in cui sono state pronunciate: «Erano dettate dalla volontà di far rimanere la donna in Svizzera, senza di lei non avrebbe potuto vivere».

Nella sua requisitoria, Borelli ricorda inoltre il profilo del marito rilevato dalla perita giudiziaria: si parla di una personalità dipendente, che autorizza o incoraggia gli altri a prendere la maggior parte delle decisioni importanti e assumerne la responsabilità.

La donna avrebbe quindi spinto l’uomo a uccidere la ex moglie. Sarebbe stato quello il suo piano per uscire dalle difficoltà finanziarie. Non la ricerca di un lavoro, perché - lo ribadisce la procuratrice - lei non aveva intenzione di trovare un impiego. E l’idea di togliere la vita alla vittima, la sera prima del delitto «non era più soltanto un’idea».

Uccisa per fare la “bella vita” - Tutti gli elementi mostrano che è stata lei a voler sopprimere «quella cagna» (così l’imputata aveva definito, in un messaggio, la ex moglie del marito): dalla versione fornita dall’uomo ai messaggi tra di loro, dai ricatti su un suo rientro in Russia alla consapevolezza che lui non l’avrebbe mai abbandonata. «E lei voleva sopprimerla per una passeggiata in montagna o una crociera».

L’imputata in aula - Per quanto riguarda il comportamento processuale dell’imputata in Appello, l’accusa osserva che la 41enne ha tentato di aggiungere particolari o giustificazioni. E nel momento in cui non trovava «un salvagente» in una dichiarazione o un SMS, ha cominciato ad accusare altre persone: «Per esempio affermando che l’interprete l’ha spinta a confessare».

Il risarcimento - L’avvocato Deborah Gobbi - rappresentante legale degli accusatori privati - chiede la conferma della sentenza di primo grado anche per la pretesa di risarcimento per torto morale di complessivi 95’000 franchi a favore dei figli e del padre della vittima. «Certo, l’imputata ha lasciato il lavoro sporco al marito. Ma sapeva che quel 19 luglio del 2016 lui non sarebbe mai rientrato a casa senza aver eliminato la ex moglie» afferma, ribadendo che la 41enne russa «ha raccontato soltanto menzogne». Questo a differenza del marito ticinese che «timidamente è riuscito a liberarsi del macigno che portava dentro di sé».

L’intervento difensivo dell’avvocato Yasar Ravi è previsto per domani, a partire dalle 9.30.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-28 07:46:27 | 91.208.130.86