Foto lettore
Lo stato disastroso di un vigneto nel Bellinzonese
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 ore
Centinaia di controlli, e qualche lamentela
Una settimana di posti di blocco e interventi nelle aziende. La Polizia: «I ticinesi si stanno comportando bene»
CANTONE
4 ore
«Al personale domestico chi ci pensa?»
L’MPS denuncia la mancanza di lavoro ridotto per chi si occupa di pulire la casa alle coppie anziane
LUGANO
5 ore
La mensa dei poveri fa l'asporto
Fra' Martino Dotta non si ferma con il coronavirus. «Restiamo vicini ai bisognosi»
CANTONE
6 ore
Hanno fornito il loro aiuto, ora possono ripartire
Missione compiuta per i militi della compagnia di trasporto 1/4, i primi impiegati in Ticino nell'emergenza Covid-19.
CANTONE
6 ore
Mon Repos conferma: «Comunali rinviate»
Il Tribunale federale di Losanna non ha concesso l'effetto sospensivo al ricorso effettuato da tre locarnesi
BELLINZONA
6 ore
Covid-19, Cassis arriva in Ticino
Il consigliere federale incontrerà domani il Consiglio di Stato
LUGANO
7 ore
Votazione sull’aeroporto: «Tutto tace»
I Verdi ne chiedono il rinvio. «Quali sono le priorità»
VIDEO
BIASCA
7 ore
Covid-19: il commovente show di Miriam
Un concerto in diretta Facebook, da parte della voce di Doppia Linea e La Nuova Libertà: «Non molliamo»
CANTONE
8 ore
Hai esperienza in ambito sanitario? Fatti avanti
L’appello è rivolto a medici e operatori del settore che ad oggi non sono ancora attivi sul campo contro il coronavirus
CANTONE
8 ore
Ultime fermate: «Chiasso e Stabio»
I treni della rete TILO termineranno la loro corsa all'ultima stazione su suolo ticinese
CONFINE
9 ore
Controsenso-mascherina: a peso d'oro in Ticino, gratis oltreconfine
Indossarle non è obbligatorio ma solo – in certi casi – consigliato.
CANTONE
11 ore
È morto Attilio Bignasca
Il rappresentante leghista era gravemente malato
CONFINE
12 ore
Musica contro il Covid-19, coraggio con il medico-pianista
Esibizione improvvisata nella struttura lombarda, impegnata nella lotta al virus.
CANTONE
13 ore
In Ticino altri 110 casi e 6 decessi
Alle 8 di questa mattina i contagiati hanno raggiunto quota 1'837. Le vittime sono 93.
SONDAGGIO
LUGANO
13 ore
Il sacco nero contro la crisi da coronavirus?
Tre consiglieri comunali PLR propongono la sospensione temporanea della tassa sul sacco
CANTONE
1 gior
«Senza misure niente deroga»
L’OCST controllerà l’applicazione rigorosa delle norme a protezione della salute dei lavoratori
LAVIZZARA
1 gior
Covid-19: la singolare iniziativa di tre preti
L'idea dei sacerdoti delle 18 parrocchie dell'Alta Vallemaggia sta raccogliendo ampi consensi nella regione
CANTONE
1 gior
Disinfettanti prodotti “in casa” e gratis
Paolo Rezzonico utilizza il suo birrificio per produrre etanolo a partire da tre semplici ingredienti
CANTONE
1 gior
I Verdi: «Semi e piantine sono beni di prima necessità»
L'appello degli ambientalisti è in favore dell'autosostentamento e contro lo spreco
CANTONE
1 gior
Le reclute di Losone «pronte per un'eventuale chiamata»
I neoformati del corso di sanitari d'unità «potranno entrare in servizio se necessario» a partire dal prossimo 3 aprile
CANTONE
1 gior
«Bene il Ticino, ora tocca alla Svizzera»
Il sindacato Unia Ticino e Moesa accoglie positivamente l'odierna risoluzione governativa ticinese
CANTONE
1 gior
Un'autocertificazione? «Quest'opzione non esiste»
Il Governo smentisce l'odierna anticipazione del Caffé: le attività restano ferme
CANTONE
1 gior
Tutto chiuso fino al 5 aprile
Il presidente del Consiglio di Stato chiarisce l'ok arrivato da Berna allo stop delle attività commerciali e produttive.
TESSERETE
1 gior
Annullato anche lo Scenic Trail
La manifestazione si sarebbe dovuta svolgere tra il 12 e il 14 giugno
BERNA
1 gior
Limitazioni o cessazione delle attività, arriva l'ok da Berna
L'autorizzazione può essere prorogata fino al 5 aprile
CANTONE
1 gior
La musica dell'OSI passa da Facebook
Un'iniziativa per portare un messaggio di speranza al pubblico dell'orchestra
CANTONE
1 gior
Pronzini: «Aziende che lavorano... grazie agli amici?»
Il deputato Mps solleva ulteriori interrogativi sui trasporti di ghiaia in Val Bavona
CANTONE
1 gior
I contagi aumentano ancora, ma un po' meno: altri 39 casi
Nelle ultime ventiquattro ore i malati sono arrivati a quota 1'727. E i morti complessivi legati al Covid-19 sono 87
CANTONE
21.01.2020 - 19:000
Aggiornamento : 22.01.2020 - 08:01

«Il confinante se ne frega e la mia vigna va in malora»

Storie di ordinario menefreghismo che mettono in ginocchio alcuni viticoltori amatoriali della Svizzera italiana. Intanto, le cantine sono sempre più piene e il prezzo dell’uva cola a picco

BELLINZONA – «Mi trovo in grave difficoltà col mio vigneto. Perché il mio confinante ha lasciato andare tutto a gambe all'aria. E così dalla sua vigna arrivano malattie che intaccano le mie viti. Quest'anno non ho praticamente raccolto nulla». È disperato, un viticoltore del Bellinzonese. Il suo cruccio sta nell'incuria manifestata da parte del suo "vicino". Stessa musica in una località del Locarnese. Una signora racconta: «Avevo una persona che mi curava la vigna. L'ho persa. E sapete perché? Perché il nostro vicino se ne è fregato. Ha lasciato andare in rovina il suo vigneto e non si è neanche preoccupato di mantenere curate le recinzioni. Quindi oltre alle malattie, arrivavano pure animali selvatici». 

La legge parla chiaro – Storie di ordinario menefreghismo, che danneggiano, e non poco, chi ha la passione per la vigna e per la terra. Giuliano Maddalena, presidente della Federazione dei viticoltori della Svizzera italiana, non lo nasconde. «I tempi stanno cambiando, ci sono meno appassionati. Ma la legge parla chiaro. Chi decide di non più coltivare la vigna, deve estirpare i ceppi e tenere tutto pulito. In caso contrario, il confinante ha il diritto di segnalare la situazione sia al servizio fitosanitario del Cantone, sia al Comune. Dopo gli ammonimenti, potrebbero scattare sanzioni». 

In collina le maggiori difficoltà – Maddalena pone l'accento anche su altri aspetti importanti. «Diversi vigneti ticinesi si trovano in collina. Questo presuppone ulteriori fatiche e investimenti per mantenere il tutto in ordine. Casi come quelli da voi citati sono isolati, per fortuna. Ma è innegabile che ci sia una tendenza verso l'abbandono dell'attività».

Cantine troppo piene – Anche perché, a livello finanziario, rende sempre di meno. «Molte cantine sono piene – precisa Sem Genini, segretario dell'Unione contadini ticinesi – e spesso fanno fatica a smerciare i loro vini di qualità. La concorrenza dall'estero gioca un ruolo importante. L'uva, dunque, viene pagata sempre di meno, come è capitato in particolare quest'anno. Ed è già bello se un piccolo produttore riesce a coprire i costi. Quindi, o c'è tanta passione, o si finisce purtroppo per mollare». 

Gli ungulati preoccupano sempre – A volte con conseguenze nefaste per i confinanti. «Il pericolo più grosso è quello dei focolai delle malattie – riprende Genini –. Per quanto riguarda le bestie selvatiche, in particolare gli ungulati, rappresentano un grandissimo, irrisolto, problema. Malgrado gli sforzi che si fanno per ridurne il numero. In generale dovrebbe esserci sempre una recinzione tra un terreno e l'altro. Anche se a volte, purtroppo, questo resta pura teoria. Perché, come detto, i costi di gestione del vigneto sono elevatissimi e il santo spesso non vale la candela». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
BEA_EBE 2 mesi fa su tio
Se ho capito bene che la vigna è quella di via Bonasco davanti alle scuole medie di Giubiasco... Sicuramente Ingegneri Agronomi che lavorano ad alti livelli in AC non ne abitano in quella zona e se vi abitano non hanno visto sicuro nulla.... penso che a un corso di Agronomia insegnino cosa sia una vigna coltivata e cosa no... ma non c'è peggior cieco di chi fa finta di non vedere... (mettete in local alcuni nomi di spessore della Lodevole Sezione dell'Agricoltura e vedrete vi è chi a 100/150 metri di distanza.... non faccio nomi ma commento così Scandaloso!)
Luigi Albanese 2 mesi fa su fb
Abbassate i prezzi del vino giacente così riuscite a svuotare le cantine
Le Le 2 mesi fa su fb
Se le sanzioni fossero rimborsare la perdita del viticoltore che si impegna, magari questi vicini ci penseranno un po' su invece di fregarsene...
tazmaniac 2 mesi fa su tio
abbassate i prezzi di parecchio e tranquilli che le cantine ve le svuotiamo in un attimo... certo che, se devo pagare un merlot, buono sicuro, premiato, sicuro, ma se la bottiglia, dicevo, mi costa 38 franchi, ovvio che la gran parte di ticinesi guarderà altrove...figuriamoci se pensate di venderla all'estero...
pontsort 2 mesi fa su tio
@tazmaniac Prova a colorare la vigna e magari anche guadagnarci qualcosa e poi dimmi quanto fai pagare la bottiglia
tazmaniac 2 mesi fa su tio
@pontsort e cosa devo dirti, continuate a tenere le bottiglie in cantina.
BEA_EBE 2 mesi fa su tio
@tazmaniac Il problema è che il guadagno lo vogliono avere le cantine... quindi cosa fanno per non abbassare i prezzi.... pressiobe sui produttori d'uva.... scandaloso
Maury Bernasconi 2 mesi fa su fb
Forse andrebbe migliorato il marketing, svuotando le cantine!
Fulvio Finardi 2 mesi fa su fb
Se le cantine sono piene è perchè i produttori sono in pieno letargo m: italiani,francesi, spagnoli continuano a fare AZIONI e OFFERTE interessanti : dal Ticino silenzio assordante sia al dettaglio che nei ristoranti: solo lamentele e zero idee !
Evry 2 mesi fa su tio
il NON rispetto e l'arroganza purtroppo sono diventati moda e certi funzionari se ne fregano altamente perchè altrimenti devono lavorare.....
Alessandro Milani 2 mesi fa su fb
Passa.un bel bidone di rondup nel suo terreno..gli bruci tutto
Gianluca Febo 2 mesi fa su fb
Innanzitutto si dice vicino e non confinante, e poi che ci stesse attento lui alla sua vigna!
Jeanpierre Feinen 2 mesi fa su fb
Gianluca Febo innanzitutto confinante si dice eccome, l'italiano e un opzione vedo. E no, non e lui che deve stare attento, se leggessi l'articolo c'è scritto che per legge chi non coltiva piu deve togliere completamente i ceppi ecc per evitare di creare casini ad altri come e successo...quindi se tu fossi un pochino meno egoista in più avessi letto l'articolo, un commento così stupido non l'avresti mai messo 😉
Gianluca Febo 2 mesi fa su fb
Jeanpierre Feinen ascolta, confinante si dice per Paesi limitrofi e non per vicini di casa. Comunque scrivi quello che vuoi, io la lingua italiana la conosco fin troppo bene e non perdo tempo neanche a rispondere al resto di quello che scrivi
Paolo Longoni 2 mesi fa su fb
“Io la lingua italiana la conosco fin tropppo bene” (cit.) http://www.treccani.it/vocabolario/confinante/ Spoiler: . “Proprietario di terreni attigui”
Jeanpierre Feinen 2 mesi fa su fb
Paolo Longoni Grazie non potevo mettere la foto, non mi è venuto in mente di metterci il link.
Simo Hcore 2 mesi fa su fb
Gianluca Febo Se non sai come funzionano i vigneti e le leggi che ci girano intono non commentare...Chi ha un vigneto ha diritti e doveri verso il CONFINANTE
Thomas Robbiani 2 mesi fa su fb
Paolo Longoni E non dimentichiamo il "che ci stesse attento"! Orrore.
Acenes 2 mesi fa su tio
Dopo aver invitato più volte il mio vicino a far pulizia, senza esito, ho preso falce e forbici e ci ho pensato io!
Nadia Peverelli 2 mesi fa su fb
Al giorno d’oggi menefreghismo è la parola d’ordine. Mi chiedo se le autorità proposte non possano intervenire a dovere.
Luca Gilardi 2 mesi fa su fb
Cola a picco???
Mec Bassetti 2 mesi fa su fb
Sono più di sei anni che ho problemi con il mio confinante che non fa nessuna protezione fitosanitaria. Ho avvisato servizio cantonale fitosanitario,cantone,comune,sono venuti a fare un sopralluogo ma nessuno fa niente é una vergogna
Gionata Walker 2 mesi fa su fb
Mec Bassetti la protezione fitosanitaria non è obbligatoria, è necessaria ma non obbligatoria.
palagione 2 mesi fa su tio
Una tanica di benzina?
Mauro Islup 2 mesi fa su fb
Io personalmente ho strappato tutte le mie piante decennali perché purtroppo nessuno mi comperava più il Merlot. Ora converto tutto con americana almeno faccio la grappa.
Maurizio Icardi 2 mesi fa su fb
Mauro Islup beh, dipende se il prezzo richiesto era congruo col mercato. Forse non tutti hanno presente che è il mercato a fare il prezzo. Infatti vedo di quelle sparate nei supermercati ticinesi... I ristoranti sono un discorso totalmente diverso.
tip75 2 mesi fa su tio
e’ solo un problema di educazione..e oggi è uno dei problemi più importanti per chi invece ne ha
Zarco 2 mesi fa su tio
@tip75 Verissimo
Zarco 2 mesi fa su tio
@tip75 Essere educati sbagliato nella società attuale! Alle mie figlie ho deciso di insegnare altro ....
Evry 2 mesi fa su tio
@tip75 Vero, mancanza di rispetto quale regola fondamentale, ma purtropo ci sonosempre gli arroganti e prepotenti, virtù... che derivano dall'ignoranza.
Luana Jelmolini 2 mesi fa su fb
😏 un bagno di diserbante alla vigna del vicino 🤷🏻‍♀️
Simo Hcore 2 mesi fa su fb
Luana Jelmolini Così da inquinare anche la tua terra ? 😅
bananasplit 2 mesi fa su tio
... non avete mai sentito parlare di biodiversità ... ecco che chi lo applica .... subito messo alla ghigliottina ... non siete mai contenti ... verrà la Greta a mettere a posto il problema :- ))
Peve Debby 2 mesi fa su fb
Ranza tu e si arrangia! Che gente senza rispetto!!! Fai su un muro 😂
Charly Ognigiorno 2 mesi fa su fb
Normalità del giorno d oggi .. con la lingua fanno tutto coi fatti 0
Giordano Puricelli 2 mesi fa su fb
Motoseghe e il problema è risolto
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 23:56:26 | 91.208.130.85