Cerca e trova immobili

SRI LANKA / SVIZZERAPrima rapita, ora arrestata

16.12.19 - 15:59
La polizia dello Sri Lanka ha posto in stato di fermo la dipendente dell'ambasciata svizzera che sostenne di essere stata rapita: «Ha falsificato le prove». Il DFAE: «Decisione inaccettabile»
Keystone
L'ambasciata svizzera nello Sri Lanka.
L'ambasciata svizzera nello Sri Lanka.
Prima rapita, ora arrestata
La polizia dello Sri Lanka ha posto in stato di fermo la dipendente dell'ambasciata svizzera che sostenne di essere stata rapita: «Ha falsificato le prove». Il DFAE: «Decisione inaccettabile»

COLOMBO - La polizia dello Sri Lanka oggi ha arrestato la dipendente dell'ambasciata svizzera a Colombo, che a novembre sostenne di essere stata rapita e minacciata da estranei, accusandola di «falsificare prove». Secondo il Daily Mirror online, ora è stata posta in detenzione preventiva fino al 30 dicembre.

Il procuratore generale dello Sri Lanka ha chiesto alla polizia di arrestare l'impiegata «e di portarla davanti alla giustizia per aver suscitato disaffezione nei confronti del governo (dello Sri Lanka, ndr) e aver fabbricato prove false da utilizzare nei procedimenti giudiziari», hanno annunciato le autorità del Paese asiatico.

Secondo la diplomazia svizzera, la dipendente è stata rapita in auto e costretta a rivelare informazioni riservate relative al suo lavoro alla fine di novembre, un giorno dopo che un alto funzionario di polizia dello Sri Lanka aveva chiesto asilo in Svizzera.

In un comunicato diffuso in serata, il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) si dice preoccupato della decisione di arrestare la donna. Berna si aspetta che la giustizia dello Sri Lanka rispetti le proprie leggi e gli standard internazionali di procedura.

Il DFAE esige inoltre che i diritti personali dei suoi dipendenti siano meglio tutelati. In particolare, il ministero degli esteri elvetico critica l'interrogatorio di 30 ore su tre giorni a cui è stata sottoposta la propria impiegata di ambasciata nonostante il suo cattivo stato di salute. Inoltre alti funzionari srilankesi hanno pubblicamente messo in dubbio la versione della donna prima della fine delle indagini.

Per le autorità svizzere la vicenda è «molto grave» e «un attacco inaccettabile». Il DFAE sottolinea che in questo caso esemplare è in gioco la reputazione dello Sri Lanka come Stato di diritto. Oggi l'ambasciatore svizzero a Colombo, in un incontro diretto con il presidente Gotabaya Rajapakse, ha ribadito che sta cercando un modo comune e costruttivo per risolvere il problema, e che continuerà a sostenere il più possibile i propri collaboratori.

La autorità di Colombo mettono invece in discussione la storia della donna, che, affermano, è stata sottoposta a visite mediche conformemente a un'ordinanza di un tribunale.

L'agente di polizia srilankese, fuggito in Svizzera, stava indagando su diversi casi riguardanti il potente clan dei Rajapaksa, che ha ripreso il potere con l'elezione di Gotabaya Rajapaksa a presidente della Repubblica il mese scorso. Suo fratello Mahinda, presidente dal 2005 al 2015, è stato nominato primo ministro. La famiglia dei Rajapaksa, soggetto di molte accuse di corruzione e crimini, ha governato lo Sri Lanka con pugno di ferro.

Il nuovo esecutivo ha ordinato alle autorità aeroportuali per l'immigrazione di bloccare qualsiasi agente di polizia che cerchi di lasciare il paese senza permesso.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE