Ti Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
18 min
Giovani UDC denunciano Simonetta Sommaruga
La presidente della Confederazione è accusata di aver intrapreso una trattativa segreta con governi stranieri
SVIZZERA/LIBANO
1 ora
Catena della Solidarietà chiede donazioni per il popolo libanese
«In un Paese già stremato, le gente è stata colpita da un disastro senza precedenti»
SVIZZERA
1 ora
Vietato l'ingresso in Svizzera anche ai cittadini dell'Algeria
Il Dipartimento Federale di Giustizia e Polizia (DFGP) ha aggiunto l'Algeria alla lista degli Stati coinvolti
SVIZZERA
1 ora
Swiss deve ridurre i costi «del 20-25%»
Tra le misure a lungo termine figurano il possibile blocco delle assunzioni e una revisione del portafoglio progetti
SVIZZERA / ISRAELE
2 ore
Drone destinato ad armasuisse si schianta in Israele
Stava effettuando un volo di prova. Il danno è a carico dell'azienda israeliana
SVIZZERA
3 ore
Congedo paternità di due settimane? «Un primo passo verso la parità di genere»
Il comitato a favore ha presentato oggi le proprie argomentazioni in vista della votazione del 27 settembre.
SVIZZERA
4 ore
Ulteriori 181 casi, 3 decessi e 5 ospedalizzazioni
Da inizio pandemia i contagi sono 36'108, i decessi 1'709 e i ricoveri 4'359
SVIZZERA
4 ore
«Il rischio di contagio in aereo è bassissimo»
Il settore dell'aviazione fatica a riprendersi, anche per il timore di contrarre il coronavirus durante il volo
SVIZZERA
4 ore
Fisco-Neymar 1:0
L'AFC aveva domandato documentazione riguardante la Procter & Gamble per la quale il calciatore aveva fatto pubblicità
SVIZZERA
07.07.2020 - 16:170

Pericoli per l'ambiente, gli uomini e le donne non sono uguali

Divergenze significative, ad esempio, per quanto riguarda le centrali nucleari e le antenne della telefonia.

NEUCHÂTEL - Gli uomini e le donne sono uguali, cantava Cesare Cremonini qualche anno fa. E invece no. Malgrado valutino la qualità ambientale in maniera molto simile, uomini e donne non ne hanno la stessa percezione: i primi ritengono ad esempio che l'inquinamento sia meno grave, mentre le seconde tendono ad essere più rispettose dell'ambiente e sono più preoccupate per le radiazioni della telefonia mobile.

Sono alcuni dati emersi dalla terza indagine "Qualità dell'ambiente e comportamento ambientale" dell'Ufficio federale di statistica (UST), pubblicata oggi.

Rispetto alle rilevazioni del 2011 e 2015, i risultati del 2019 mostrano che la popolazione svizzera è chiaramente più consapevole delle questioni ambientali e che ritiene la situazione attuale nettamente peggiore rispetto ai sondaggi precedenti, sottolinea l'UST.

La qualità dell'ambiente nei dintorni di casa è valutata come molto buona o abbastanza buona dall'89% degli interpellati, mentre nel 2015 e nel 2011 questa opinione era diffusa nel 95% della popolazione. Per tutto il territorio della Svizzera il tasso delle valutazioni positive è sceso dal 92% all'84%. E a livello globale nel 2019 solo il 13% della popolazione svizzera considera la situazione molto buona o abbastanza buona, contro il 20% nel 2015 e il 23% nel 2011. Questa evoluzione nella percezione della qualità dell'ambiente è uguale sia per le donne che per gli uomini.

Per contro, vi è una differenza tra i sessi sulla questione se l'inquinamento costituisca un problema per la Svizzera: il 65% delle donne, contro il 56% degli uomini, ritengono sia problema molto o abbastanza grande.

Considerando i singoli potenziali pericoli si evidenzia lo stesso scenario. Le donne ritengono più spesso che i cambiamenti ambientali e le tecnologie siano pericolosi per l'essere umano e la natura. Le divergenze più significative sono relative alle centrali nucleari (pericolose per l'81% delle donne contro il 67% degli uomini) e alle antenne per la telefonia mobile (69% per le donne e 52% per gli uomini).

Non vi è invece differenza di vedute sulla questione di quali siano i pericoli più grandi: con percentuali attorno al 90% vengono citati l'uso di pesticidi, l'impoverimento della biodiversità e i cambiamenti climatici. Tutti gli altri fattori sono considerati meno perniciosi. E non vi è praticamente differenza di valutazione tra chi vive in zone rurali o in città.

Nel 2019 il 58% della popolazione ha affermato di informarsi su temi ambientali almeno una volta alla settimana, per esempio tramite giornali, televisione o Internet. Anche in questo caso tra donne e uomini non sono state rilevate differenze significative.

Le affermazioni sul proprio comportamento suggeriscono invece che le donne siano tendenzialmente più rispettose dell'ambiente in confronto agli uomini. Il 76% di esse ha sempre o quasi sempre tenuto conto del consumo energetico nel comperare piccoli apparecchi elettrici o lampadine, mentre solo il 69% degli uomini lo ha fatto. Nell'acquisto di alimenti le donne scelgono inoltre più spesso prodotti bio rispetto agli uomini: 46% contro 40%.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-06 16:34:32 | 91.208.130.89