Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
8 min
Imprese responsabili: iniziativa «ad alto rischio»
È l'opinione espressa da un comitato contrario alla modifica costituzionale.
SVIZZERA
21 min
Un utile da 15 miliardi per la Banca nazionale svizzera
L'istituto centrale ha approfittato della relativa quiete estiva per riprendersi dagli effetti del confinamento
BERNA
29 min
Pandemia e anziani: «Scaricate SwissCovid»
L'invito del Consiglio Svizzero degli Anziani: «È essenziale essere registrati»
SVIZZERA
1 ora
La Svizzera primeggia nel 5G
Il tasso d'adozione nel nostro Paese è il più alto al mondo.
SVIZZERA
1 ora
«I numeri peggiorano di giorno in giorno»
Il Consigliere federale promette nuove misure: «Potrebbero restare a lungo, dobbiamo valutarle attentamente».
VALLESE
2 ore
Schianto di un elicottero: trovato vivo dopo sette ore e mezza
L'incidente è avvenuto nelle vicinanze del Breithorn, in Vallese. Una persona è deceduta
BERNA
2 ore
Bambino piccolo travolto e ucciso da un treno
Il bimbo era finito sulle rotaie a Münsingen ed è morto sul posto in seguito alle ferite riportate
SVIZZERA
2 ore
Il tira-e-molla di Berset
Mascherine all'aperto: il governo sta decidendo le misure da annunciare mercoledì. Il ministro della Sanità cede terreno
SVIZZERA
2 ore
Coronavirus: in Svizzera 17'440 casi, 259 ricoveri e 37 decessi nel weekend
Nelle ultime 72 ore sono stati effettuati 82'026 tamponi: il tasso di positività è del 21,3%
SVIZZERA
2 ore
La seconda ondata probabilmente non porterà con sé una crisi del lavoro
Secondo Adecco, potrebbe addirittura portare delle nuove opportunità: «Dimostra che l'home office funziona»
SVIZZERA
3 ore
C'è sete d'informazione, ma gli introiti dei media sono in calo
Con la pandemia crescono i fruitori, che sono però raramente disposti a pagare per i contenuti
VALLESE
3 ore
Escursionista morto
Si tratta di un 64enne lucernese trovato senza vita sulle montagne vallesane
BASILEA CAMPAGNA
3 ore
Un giovane finisce con l'auto nel ruscello
L'incidente si è verificato ieri sera a Gelterkinden. Non si registrano feriti
BERNA
14.03.2018 - 18:160
Aggiornamento : 19:36

I beneficiari di prestazioni complementari «dovranno stringere la cinghia»

Secondo la maggioranza di destra, l'importo destinato al fabbisogno vitale generale dei primi due figli è troppo elevato per i bambini piccoli e le famiglie numerose

BERNA - Non tutti i beneficiari di prestazioni complementari (PC) dovrebbero ricevere più soldi per le loro spese d'affitto. Il Consiglio nazionale ha corretto oggi al ribasso l'aumento previsto nella riforma delle PC e ha tagliato pure negli aiuti per i figli. L'esame particolareggiato di questo voluminoso dossier proseguirà domani.

Dalle decisioni odierne risulta che le famiglie dovranno stringere la cinghia. Secondo la maggioranza di destra, l'importo destinato al fabbisogno vitale generale dei primi due figli, stabilito nel calcolo delle PC a 840 franchi al mese per figlio, è infatti troppo elevato per i bambini piccoli e le famiglie con più figli.

Contro il parere della sinistra, la Camera del popolo ha di conseguenza deciso di appoggiare il seguente modello: per il primo figlio fino agli 11 anni di età sono calcolati 590 franchi al mese, in seguito 840 franchi. Per ogni figlio successivo questi importi si riducono di un sesto, fino a un minimo di 280 franchi.

Sempre secondo la maggioranza borghese, le famiglie beneficiarie delle PC non devono essere avvantaggiate finanziariamente rispetto alle altre con un reddito modesto. Non è colpa dei figli se i genitori hanno una rendita AVS o AI che non basta loro per vivere. Così facendo si ridurranno ancor più le loro chance, ha criticato invano la sinistra.

Il Consiglio federale non si è opposto alla distinzione dell'importo a seconda dell'età dei figli voluto dalla maggioranza borghese. Essa si giustifica secondo uno studio, ma occorre tener conto delle spese per la custodia extra-famigliare dei figli con meno di 11 anni, ha spiegato il ministro della socialità Alain Berset.

Ma alla fine PLR e UDC - seppur di misura - sono riusciti ad eliminare anche questa presa a carico. Se accolte, le misure concernenti i figli consentiranno di risparmiare 24 milioni di franchi.

Spese per l'alloggio

La riforma delle PC comprende anche altri aspetti. Ad esempio gli aiuti per le spese generate dall'affitto, immutati dal 2001, dovranno essere rivisti. A differenza del Consiglio degli Stati, il Nazionale ha tuttavia deciso che solo le persone che abitano in città dovrebbero vedersi aumentato tale aiuto da 13'200 a 14'400.

Gli altri dovrebbero accontentarsi dell'importo attuale e non beneficerebbero quindi di un adeguamento dell'ammontare delle PC alla crescita delle pigioni. Se l'economia domestica è composta da più persone, è previsto un supplemento di al massimo 2'500 franchi per persona.

I "senatori" avevano optato per una differenziazione regionale e per importi più elevati: una persona sola riceverebbe fra 14'520 e 16'440 franchi, a seconda della regione in cui vive. Se il nucleo famigliare è composto da più persone, sarebbe previsto un supplemento di 3000 franchi per il secondo individuo.

La sinistra ha tentato invano di convincere il plenum ad essere più generoso, criticando il fatto che non si tenga sufficientemente conto delle differenze regionali. Ma nulla ha potuto contro il voto compatto di UDC e PLR. Con 102 voti contro 90, la maggioranza di destra ha inoltre deciso che i cantoni potranno ridurre del 10% gli importi su tutta o una parte del loro territorio o per taluni tipi di alloggio.

Prelievi di capitale del secondo pilastro

Un'altra questione controversa è stata quella dei prelievi di capitale della previdenza professionale da parte dei pensionati. Questa misura ha infatti diviso i vari schieramenti già in sede commissionale.

Alla fine il Nazionale ha nettamente respinto l'idea di vietare ai pensionati di prelevare il loro secondo pilastro come capitale per evitare che taluni dilapidino i loro soldi prima di sollecitare le PC. Occorre puntare sulla responsabilità individuale e non creare un'inutile burocrazia, ha giustificato Regine Sauter (PLR/ZH).

L'utilizzazione del secondo pilastro per l'acquisto di un bene immobiliare rimarrà inoltre possibile. I salariati che auspicano di impiegare il loro avere di previdenza per lanciare una propria attività commerciale potranno pure continuare a farlo senza restrizioni. Il Nazionale non ha voluto limitare il prelievo all'importo risparmiato all'età di cinquant'anni.

Durante questa prima parte di dibattito - durato quasi sette ore - la Camera del popolo ha pure ha stabilito che chi beneficia di una rendita AI o per superstiti e, senza un valido motivo, utilizza all'anno oltre il 10% del proprio patrimonio, riceverà prestazioni complementari ridotte. Quanto ai beneficiari di una rendita AVS, è computato un consumo del patrimonio negli ultimi dieci anni prima del pensionamento secondo le stesse regole. In caso di patrimoni inferiori a 100'000 franchi, il limite è posto a 10'000 franchi all'anno.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-26 14:48:00 | 91.208.130.87