Immobili
Veicoli

LUCERNAPablo Picasso: «Venite, ho qualcosa per voi!»

07.06.22 - 07:00
La Collezione Rosengart di Lucerna, risultato di una lunga amicizia con l’artista
CR
Pablo Picasso: «Venite, ho qualcosa per voi!»
La Collezione Rosengart di Lucerna, risultato di una lunga amicizia con l’artista

LUCERNA - La Collezione Rosengart di Lucerna deve la sua importanza mondiale ai suoi due punti focali, Paul Klee e Pablo Picasso, verso i quali i collezionisti e mercanti d'arte padre Siegfried Rosengart e figlia Angela Rosengart avevano una predilezione. Mentre la collezione di Klee, che comprende 125 acquerelli, disegni e dipinti, include opere di qualità eccezionale provenienti da tutti i periodi creativi dell'artista, la collezione di dipinti di Picasso si concentra sul lavoro di Picasso dal 1938 in poi, integrato da disegni e acquerelli eccezionali di periodi precedenti. Siegfried e Angela Rosengart hanno riconosciuto subito l'importanza dell'ultima opera fondamentale di Picasso, quando era ancora poco accettata.

«L’amicizia con l'artista, documentata anche da cinque ritratti di Angela Rosengart, sono riusciti ad assicurarsi opere chiave - mi spiega la guida Dolores Gonzales -. Angela Rosengart racconta che le visite da Picasso le procuravano un emozione incredibile». Sono stati probabilmente i momenti più fruttuosi per l'ex galleria e l'attuale Rosengart Collection. Tra il 1956 e il 1971, otto mostre documentarono il legame con il grande amico Picasso, che disegnò anche la copertina di ogni catalogo della mostra. Oggi tutti i modelli sono esposti nel museo. Una volta Picasso espresse il suo apprezzamento per il senso della qualità della famiglia Rosengart con il seguente commento: «I Rosengart prendono sempre le più belle!».

Non era sempre facile raggiungere un obiettivo con Picasso, osservava Angela Rosengart durante un tour personale alla sua collezione, ma se percepiva qualcosa di costruttivo dietro una richiesta, si lasciava convincere. Nella primavera del 1970, chiese a un falegname di applicare delle cornici ai quadri dipinti su compensato. Quando siamo andati a trovarli, erano ancora tutti allineati sulle pareti dello studio. Per la maggior parte si trattava di teste femminili astratte con cappello a larghe tese, per lo più nei toni del grigio, risalenti al 1961. Picasso, che conosceva la passione dei Rosengart per le sue grisaglie, era solito salutare con le parole: «Venez, j'ai quelque chose pour vous!».

«Angela Rosengart è in grado di raccontare una storia su quasi tutti gli oggetti esposti. Questi aneddoti, che l'autrice ha pubblicato in vari libri e che sono quindi accessibili anche ai visitatori, rendono la visita a questa collezione una vera e propria esperienza», conclude la guida.

Ci sono state foto che ci sono rimaste così nel cuore che non potevamo decidere di passarle. L'attenzione a Picasso e Klee è affiancata da altre opere del modernismo classico, dell'impressionismo e della fine del XIX secolo in una selezione soggettiva. La selezione riflette la preferenza dei collezionisti per la qualità dei dipinti: tra cui, ad esempio, il dipinto più importante e più grande, unico al mondo, della serie "Contraste de formes" di Fernand Léger del 1913, due grandi opere cubiste di Georges Braque, l'incantevole "Ballerina II" di Joan Miró, l'intensamente colorato "Limoni e sassifraga" di Matisse, un'importante opera di Edouard Vuillard del suo primo periodo, meravigliosi paesaggi di Monet e Pissarro o eccezionali dipinti di Soutine, Utrillo e Rouault. Tutti i dipinti sono stati scelti "con il cuore" e con un senso di massima qualità.

La Collezione Rosengart di Lucerna riunisce oltre 300 opere del modernismo classico e dell'impressionismo. Il percorso porta il visitatore attraverso tre piani. L'intero piano terra è riservato alla presentazione di opere di Pablo Picasso. Il tutto è concepito in ordine cronologico, questo ti permette di seguire lo sviluppo dell'artista del secolo nei dipinti dal 1938 al 1969. Il complesso mondo dei disegni e delle stampe di Picasso è rappresentato al piano superiore insieme ai cinque ritratti di Angela Rosengart. Inoltre, sono presenti diverse opere di oltre 20 altri artisti di fama mondiale. Nel seminterrato si trovano invece 125 meravigliosi acquerelli, disegni e dipinti di Paul Klee. Documentano tutti i periodi creativi e testimoniano l'inesauribile ricchezza pittorica e narrativa della sua arte.

Nel marzo 2002, la collezione di alta classe ha trovato una casa meravigliosamente armoniosa nell'ex filiale della Banca Nazionale Svizzera. In precedenza, l'edificio neoclassico del 1924 era stato acquistato dalla Fondazione Rosengart e trasformato con cura dal famoso architetto basilese Roger Diener. I visitatori del museo rimangono incantati dalla perfetta simbiosi tra la collezione e le sale. «L'edificio è stato un colpo di fortuna, si potrebbe quasi pensare che la Banca Nazionale sapesse, quando è stato costruito, che un giorno sarebbe diventato un museo», ama ricordare Angela Rosengart

Il mio ‘tour’ a Lucerna non termina qui, tornerò a parlarvi di questa città d’arte raccontandovi la visita del simbolo architettonico di Lucerna, centro culturale e tempio della musica: il KKL. Seguitemi!

I precedenti articoli di questa serie sulla città di Lucerna sono stati pubblicati il 19 marzo, il 4 aprile e 20 maggio.

Testo a cura di Claudio Rossetti

ULTIME NOTIZIE VIAGGI & TURISMO