Unsplash / Chris Montgomery
ULTIME NOTIZIE Target
Target
2 gior
Ufficio stampa e PR. A cosa serve? Come si fa? Episodio 1
Ecco cosa ne pensano gli esperti Benedetto Motisi, Veronica Crocitti e Luca Montagner, impegnati tra Svizzera e Italia
Target
3 gior
Che cos’è la Marketing Automation e come può far crescere un’attività locale
Risparmiare tempo e personalizzare al massimo le comunicazioni ai clienti sono azioni conciliabili. Ecco in che modo
Target
1 sett
Consegne a domicilio e asporto direttamente da Google Maps e My Business? Presto si potrà
Ecco le interessanti novità a favore delle attività locali che saranno presto introdotte dal gigante di Mountain View
TARGET
1 sett
I tre pilastri degli e-commerce nel 2021
Ad anno ormai inoltrato, scopriamo che cosa sta determinando maggiormente gli acquisti online degli utenti
Target
1 sett
Vita da cani? Non proprio: ecco come e quanto guadagnano i Pet Influencers
Stimolando le interazioni positive degli utenti, hanno presto attirato l’attenzione (e i soldi) dei brand più importanti
Target
2 sett
Fare il copywriter per i social media? Non basta saper scrivere
Alessia Abrami racconta cosa significhi creare contenuti badando a differenze di canale, tone of voice e obiettivi
Target
3 sett
Comunicare sui social con le immagini: la grafica web secondo gli addetti ai lavori
Deborah Giofrè e Salvatore Di Bella raccontano il backstage delle realizzazioni visive per Facebook e compagnia postante
Target
3 sett
Social Listening: come ascoltare bene per comunicare meglio
Ciò che interessa ai clienti è fondamentale per il successo di un business: ecco come ottenere le informazioni giuste
Target
3 sett
Quanto inquiniamo quando siamo online? C’è da restarne sconvolti. 3 consigli per evitarlo
Il modo in cui usiamo internet ha un impatto negativo sull'ambiente: ecco cosa possiamo fare perché non succeda
Target
4 sett
Ads su Facebook, Instagram e LinkedIn: consigli utili ed errori più comuni
Come possiamo assicurarci che le inserzioni funzionino? Ce lo spiega il nostro Social Ads Specialist, Marco Evangelisti
Target
1 mese
Il rapporto tra Digital Marketing e Sport, secondo l’esperto FIFA
Quanto un ambito sosterrà l’altro e viceversa? Che cosa ci aspetta in futuro? Ne abbiamo parlato con Dario Salvelli
Target
1 mese
Come si fa Instant Marketing e che risultati si ottengono: la parola a Migros Ticino e Unieuro
Perché legare un brand all’attualità? Lo spiegano Piergiorgio Adragna e i responsabili social del gigante arancione
TARGET
1 mese
Marketing e Intelligenza Artificiale: quali opportunità per le attività locali?
Tecnologia e comunicazione crescono a braccetto: ecco come l’AI contribuisce a promuovere prodotti, servizi e vendite
Target
1 mese
Per una comunicazione (online e offline) senza discriminazioni di genere
Elena Ciprietti, Alessia Rotondo e Laura Losito ci spiegano come raccontare un mondo che sta cambiando
Target
1 mese
I contenuti commerciali sui social sono troppi: il solo modo per farsi notare è creare valore
Catturare l’utente in 3 secondi di attenzione si può, se siamo utili, belli e impegnati. Scopriamo il Social Media Value
Target
1 mese
Twitch Marketing: il futuro della tua attività è in streaming?
Tutte le risorse e i segreti che la piattaforma ha da offrire, anche per chi fa business (non solo con i videogiochi)
Target
1 mese
Rendere i clienti protagonisti della propria storia: cos’è, come e quanto funziona lo Storydoing
Dal successo dello Storytelling e dalle generazioni più giovani emerge un nuovo, efficace trend del marketing
Target
1 mese
Telegram Marketing: come usare i canali per promuovere la tua attività locale
Non solo app di messaggistica: l’aeroplanino ha un incredibile potenziale comunicativo per ogni business
TARGET
1 mese
Come scegliere i giusti fornitori e negoziare il miglior prezzo: la parola all’esperto
Appalti e digitale anche per piccole ditte, ma non solo. Per Slav Vasilevski, gestire le spese è la chiave del successo
TARGET
25.01.2021 - 09:460

3 consigli per gestire al meglio le video-call di lavoro

Una checklist per chi si sente insicuro nell’organizzazione delle videochiamate e nell’uso degli strumenti per farle

Che ci piacciano o no, sono diventate parte della quotidianità, anche per chi prima della pandemia era già abituato a dedicarsi allo smart working. L’esigenza di confronto e di contatto in ambito lavorativo, in questo senso, è ancora più presente, in un periodo storico in cui gli spazi “convenzionali” dell’ufficio e della sala riunioni non sono più da dare per scontati.

Le interazioni con cui avevamo familiarità, o che non pensavamo occuparci così tanto tempo, adesso sono condensate in queste videochiamate, occasionali o periodiche, indispensabili per una gestione ottimale del lavoro. Le ragioni possono essere le più disparate, da un banale aggiornamento a una conversazione con i superiori, da un allineamento del team a un confronto diretto con i clienti. Ogni realtà aziendale, peraltro, ha ormai scelto una piattaforma che utilizza in pianta stabile, a dipendenza di cosa le sembri migliore in termini di qualità, caratteristiche o prezzo: Zoom, Google Meet, Skype, Microsoft Teams, i sistemi sono molti, e oggi più che mai hanno consolidato la propria fama e diffusione.

Dunque, visto che queste “call” dovranno continuare a salvarci per un po’, tanto vale avere in tasca qualche consiglio utile per non farsi sopraffare dagli strumenti che utilizziamo, sempre nuovi e aggiornati.

 

  • 1) Giocare d’anticipo

Gli imprevisti che possono sorgere al momento di collegarsi possono essere molteplici. Magari la batteria del dispositivo che usiamo è quasi scarica, o il sistema che usiamo ha bisogno di un aggiornamento obbligatorio, o il microfono non sembra funzionare nel modo giusto, o ancora ci troviamo a dover cambiare location all’interno di casa o dell’ufficio. Per questi e per tanti altri motivi, è bene predisporre il collegamento un po’ prima dell’orario di appuntamento: in questo modo, in caso ci fossero dei problemi, avremo tutto il tempo per risolverli senza farci mettere in difficoltà e sotto stress.

Potrebbe capitarci, inoltre, di essere invitati a una riunione che si tiene su una piattaforma che ancora non conosciamo o non abbiamo sperimentato: un po’ di anticipo ci gioverà sicuramente anche in questo caso. Alcuni strumenti possono essere utilizzati direttamente sul proprio browser, mentre altri permettono una gestione migliore attraverso il download di un’applicazione per desktop. Essere informati su tutto questo ci aiuterà a guadagnare tempo per essere reperibile e puntuale ai nostri incontri. Quando ci capita uno strumento nuovo, inoltre, possiamo portarci avanti anche testando le sue funzionalità. Potrebbero chiederci, ad esempio, di condividere lo schermo, o magari potremmo accorgerci di aver impostato l’uscita audio sbagliata: in quel caso, sapremmo dove recarci per risolvere il problema?

 

  • 2) Prendere tutti gli accorgimenti per essere presentabile

Dall’aspetto, all’audio, alla posizione: per quanto si svolgano spesso da casa propria, le riunioni di lavoro sono un impegno importante, proprio come quando si tengono regolarmente in presenza, in un luogo più formale.

Cominceremmo mai un incontro professionale sdraiato su un divano? Immaginiamo di no. Ecco perché, per affrontare al meglio queste call dobbiamo anche avere il giusto ordine di idee, e il primo imperativo è proprio di prenderle seriamente. Se lo faremo, anche noi saremo visti positivamente come professionisti.

Prima di avviare una videochiamata, proviamo a dare un’occhiata all’anteprima del tuo video: alcuni angoli della nostra casa si potranno sicuramente prestare, come zone più neutrali e ordinate. Se non ne abbiamo a disposizione o nessuna ci convince del tutto, possiamo approfittare di una funzione che ormai tutte le piattaforme concedono, ovvero sfocare leggermente il nostro sfondo per impedire che sia del tutto riconoscibile ciò che sta alle nostre spalle.

Anche l’outfit va tenuto in considerazione - almeno la metà superiore, come sappiamo bene! - poiché pure il modo in cui ci presentiamo è un riflesso del nostro atteggiamento. Ok, siamo in casa nostra ma, anche se è mattina, meglio cambiarsi il pigiama o la felpa termica: dimostriamo di tenerci, e potrebbero esserci ripercussioni positive anche sull’umore con cui ti approcciamo le nostre giornate.

Infine, quando ci inseriamo in una conversazione o quando non stai parlando, ricordiamo di disattivare il microfono: anche se ci troviamo in un ambiente relativamente silenzioso, il nostro dispositivo potrebbe produrre un’eco, oppure gli auricolari potrebbero captare qualche nota di disturbo. Togliamoci il pensiero e, quando non tocca a noi, assicuriamoci che gli altri abbiano un’esperienza di ascolto ottimale.

 

  • 3) Ultima, ma non ultima: controlliamo la connessione

Sembra ovvio, eppure a vedere le condizioni in cui siamo costretti ad ascoltare dei colleghi capiamo che non lo è! Assicurarci che la nostra connessione sia sufficiente è necessario alla buona riuscita di una conversazione, affinché tutti possano sentirci e noi sentire gli altri, senza perdere alcuna informazione.

Dunque, prima di collegarci, spendiamo qualche secondo a ricordare quanti dispositivi sono connessi alla nostra rete in casa. Magari il nostro smartphone sta scaricando degli aggiornamenti, o qualcuno in un’altra stanza si sta godendo un film in HD: piccoli dettagli che potrebbero ridurre notevolmente la funzionalità dello strumento.

Evitiamo, quindi, qualsiasi utilizzo non necessario per la durata della nostra chiamata, utilizziamo un cavo Ethernet, se si può, o assicuriamoci di essere a una distanza conveniente dal nostro router: bastano un paio di muri a pregiudicare severamente la qualità della nostra call.

 

Bene, ora siamo pronti a collegarci senza alcuna preoccupazione. Essere pratici di tutte le novità del momento non è mai semplice, e le videochiamate sono solo un aspetto della grande trasformazione ancora in corso in tutto il mondo professionale. Le realtà lavorative stanno davvero cambiando i propri connotati, prediligendo la comunicazione online, la digitalizzazione delle pratiche, l’utilizzo di database in cloud.

Noi siamo un team che già da anni è abituato a lavorare con queste modalità e che ha fatto della flessibilità il proprio stile di vita: se anche tu devi gestire una squadra professionale anche da remoto e temi di non avere le competenze per farlo, contattaci per una consulenza gratuita. Potremo mettere a disposizione la nostra esperienza per guidarti nel tuo percorso.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-11 15:02:30 | 91.208.130.86