Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE AvanTI
DANIMARCA
4 gior
Due chip hanno comunicato per la prima volta attraverso il teletrasporto quantistico
Gli scienziati di due università grazie al fenomeno dell’entanglement quantistico hanno teletrasportato un’informazione tra due chip senza alcun tipo di collegamento fisico e senza limiti di distanza
ARABIA SAUDITA
1 sett
L’Arabia Saudita sta progettando di costruire la città del futuro
Sarà estesa quasi quanto il Belgio e si chiamerà Neom, la smart city più grande al mondo con taxi volanti, camerieri robot, pioggia nei periodi di siccità e persino una luna artificiale
STATI UNITI
1 sett
Cosa accadrebbe se esistesse un dispositivo tecnologico in grado di creare qualsiasi cosa?
Il nano-fabbricatore, la macchina teorica che produce qualunque cosa manipolando la materia a livello degli atomi, potrebbe rivoluzionare per sempre il mondo e la società umana così come li conosciamo
KENYA
2 sett
Le monete del futuro: ovvero nuove forme di scambio per nuovi sistemi economici
Grazie alla tecnologia, l'emergere di valute completamente nuove che aprono l'accesso all'imprenditorialità e alla mobilità verso l'alto è già realtà in alcune economie in via di sviluppo
STATI UNITI
2 sett
Le batterie al litio del futuro saranno più leggere, più sicure ed economiche
Uno studio americano ha sviluppato una nuova promettente tecnica per realizzare batterie al litio con materiali più economici, facili da reperire e ugualmente sicuri
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Toybox: la stampante 3D per bambini che consente di realizzare giocattoli
È da poco entrata in commercio la stampante 3D appositamente progettata per i bambini con un’interfaccia user-friendly che ha una vasta gamma di giocattoli tra cui scegliere
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Mini Cheetah, il robot quadrupede del MIT in grado di fare acrobazie
La nuova versione del robot quadrupede Mini Cheetah sviluppata dai ricercatori del Massachusetts Institute of Technology è ora capace di eseguire movimenti davvero straordinari
STATI UNITI
4 sett
Colonizzare Marte in futuro potrebbe essere possibile grazie a un materiale chiamato aerogel
Una sperimentazione effettuata da alcuni ricercatori di Harvard e della NASA con un materiale simile al polistirolo ma composto al 99% di aria potrebbe consentire di “terraformare” il Pianeta Rosso
GERMANIA
1 mese
Gli aerei a guida autonoma diventano realtà e potrebbero decollare già nei prossimi anni
Una tecnologia di visione artificiale insieme a un sistema di guida autonoma hanno permesso a un aereo di trovare la pista di atterraggio e toccare terra senza l’ausilio di un pilota umano
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Un guanto elettronico riesce a far provare ai portatori di protesi sensazioni simili a quelle umane
I ricercatori della Purdue University hanno creato un guanto elettronico da applicare sulle protesi della mano che consente di far percepire a chi lo indossa temperatura,pressione e altre informazioni
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
1 mese
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
SVIZZERA
1 mese
Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe
Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare
AvanTI
11.10.2019 - 08:000

IBM partner di Fraunhofer per promuovere la ricerca sul quantum computing in Europa

La Germania ha stanziato un budget biennale di 650 milioni di euro per finanziare progetti di ricerca nel campo del calcolo quantistico e realizzare il super computer Q System One

IBM e Fraunhofer-Gesellschaft,  la principale organizzazione europea per la ricerca applicata, hanno annunciato lo scorso mese un accordo per costituire una partnership che promuoverà la ricerca nel campo dell'informatica quantistica. Lo scopo di questa cooperazione è quello di sviluppare competenze e nuove strategie per l'uso dell'informatica quantistica nell'industria e nei processi applicati. La Germania intende essere la prima in Europa in questo settore e per tale ragione il governo di Angela Merkel spenderà nei prossimi due anni 650 milioni di euro per esplorare nuovi territori del quantum computing.
In questo scenario, l’amministratore delegato di IBM Ginni Rometty e la Cancelliera tedesca si sono incontrati per suggellare un accordo che prevede la nascita di una collaborazione tra Fraunhofer-Gesellschaft e IBM. Tale iniziativa congiunta riunirà importanti partner della ricerca e dell'industria sotto il tetto comune di un nuovo centro di competenza Fraunhofer per il calcolo quantistico. La nuova struttura, chiamata Fraunhofer Center for Quantum Computing, sarà gestita appunto dal Fraunhofer-Gesellschaft, che conduce già ricerche nel campo della tecnologia quantistica in 14 dei suoi istituti.
«La tecnologia quantistica avrà un grande impatto sul futuro della Germania, sia in ambito scientifico che economico», ha dichiarato il ministro federale dell'Istruzione e della ricerca tedesco Anja Karliczek. «L’anno scorso, il governo federale ha quindi lanciato il programma “Tecnologia quantistica: dai principi di base alle applicazioni di mercato”, che fornisce un quadro d'azione chiaramente definito. Fondi federali di 650 milioni di euro saranno investiti nella ricerca e nello sviluppo della tecnologia quantistica nel periodo fino al 2022. La collaborazione di Fraunhofer-Gesellschaft con IBM nel campo dell'informatica quantistica può dare un contributo importante alla realizzazione di questo programma. È fondamentale che ora iniziamo a sviluppare vari campi di applicazione per l'informatica quantistica, non ultimo per le piccole e medie imprese».
L’istituzione del Fraunhofer Center for Quantum Computing rispecchia appieno i programmi del governo federale tedesco e, allo stesso tempo, fornirà a IBM Q Network un importante hub europeo per il calcolo quantistico. Il focus dell’iniziativa sarà il raggiungimento di una
concentrazione unica di abilità quantistiche in Germania e la costruzione di una comunità di ricercatori, sviluppatori, professionisti IT ed esperti del settore.
Nello specifico, secondo i termini dell’accordo un computer quantistico IBM Q System One sarà installato in una località bavarese e sarà la prima struttura di questo tipo in Europa. IBM Q System One è progettato per eseguire operazioni multi-qubit con un livello estremamente elevato di qualità, stabilità, affidabilità e riproducibilità. Questi fattori rendono IBM Q System One una piattaforma ideale per la ricerca all'avanguardia delle concrete applicazioni del calcolo quantistico nella scienza e nell'industria.
«La Baviera otterrà un computer quantistico, ovvero un computer molto più veloce di qualsiasi generazione attuale», ha affermato Hubert Aiwanger, il ministro bavarese per gli affari economici, lo sviluppo regionale e l'energia. «I ricercatori del famoso Fraunhofer-Gesellschaft collaboreranno con IBM. Questo computer all'avanguardia fornirà un importante impulso alla ricerca e all'industria bavarese, ponendoci all'avanguardia nel settore».
L’informatica quantistica, a tal proposito, promette di fornire la potenza necessaria per analizzare i complessi sistemi di business e dell’industria, per padroneggiare i difficili problemi di ottimizzazione e aumentare significativamente le prestazioni dell'intelligenza artificiale. Tali progressi potrebbero aprire le porte a nuove scoperte scientifiche e fornire enormi miglioramenti nella gestione della catena di approvvigionamento, nella logistica e nella modellizzazione dei dati finanziari e quelli relativi ai classici problemi di ingegneria.
La collaborazione tra IBM Q Network e il nuovo centro Fraunhofer contribuirà a sfruttare tutto il potenziale del calcolo quantistico. Le aziende partecipanti avranno accesso ai sistemi quantistici avanzati di IBM tramite IBM Cloud. Al giorno d’oggi, infatti, gli esperti del settore e della ricerca richiedono nuove competenze e know-how per trarre vantaggio dall'informatica quantistica. Come parte di IBM Q Network, le aziende riceveranno quindi supporto e formazione da specialisti leader del settore presso IBM.
Come ha spiegato il professor Reimund Neugebauer, presidente della Fraunhofer-Gesellschaft: «Questa partnership è un'iniziativa pionieristica nel campo dell'informatica quantistica applicata e segna un progresso cruciale per gli istituti di ricerca tedeschi e per le aziende di tutte le dimensioni nel nostro paese. L’installazione di un sistema IBM Q in Europa non ha precedenti e consentirà lo sviluppo di nuove strategie per l'informatica quantistica, nel nuovo centro Fraunhofer, sotto la piena sovranità dei dati secondo la legge europea».

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-18 16:44:21 | 91.208.130.87