Depositphotos (Vladru)
ULTIME NOTIZIE Economia
SVIZZERA
16 ore
«Niente quarantena per i viaggi di lavoro»
Swissmem afferma che la misura, in questa fase, «è di fatto uno stop all'esportazione»
STATI UNITI
18 ore
Twitter lancia una battaglia per proteggere la privacy nelle foto e nei video
La misura non interesserà i personaggi pubblici, vale a dire gli utenti con una spunta blu
UNIONE EUROPEA
19 ore
Multa da 344 milioni di euro per UBS, Credit Suisse e altre banche
Le ammende arrivano a conclusione dell'indagine sul cartello del settore dei cambi
SVIZZERA
21 ore
Aldi aumenta gli stipendi a tutto il personale
Aumentato anche il congedo maternità, che passa da 16 a 18 settimane
SVIZZERA
1 gior
Stoxx Europe 50, Richemont al posto di Vodafone
L'indice raccoglie le più grandi imprese europee: ci sono già ABB, Nestlé, Novartis, Roche, UBS e Zurich Insurance
AUSTRIA
1 gior
La pandemia non ha risparmiato nemmeno le Palle di Mozart
La Salzburg Schokolade, che produce industrialmente il celebre cioccolatino, ha dichiarato bancarotta
MONDO
1 gior
Non è più Zurigo la città più cara del mondo
Al primo posto della classifica, influenzata anche dalle conseguenze della pandemia, è Tel Aviv
Svezia/Stati Uniti
1 gior
Rivelati i migliori artisti del 2021 secondo gli ascolti di Apple e Spotify
In entrambe le classifiche si è distinta la cantante emergente Olivia Rodrigo. Album di 20 anni fa sono tornati in auge
SVIZZERA
1 gior
Quest’anno sotto l'albero troveremo buoni, Lego e AirPods
Galaxus ha analizzato il comportamento dei clienti online, prevedendo i regali più quotati in Svizzera
STATI UNITI
1 gior
Perché SpaceX è a rischio bancarotta
Tutto dipende dallo sviluppo del motore Raptor che, al momento, è «francamente un disastro»
CANTONE
2 gior
Sia NFT, che rivista: l'idea che arriva da Lugano
Si tratta di un progetto della società con sede a Lugano The Cryptonomist, in collaborazione con l'italiana ArtRights
Canada
2 gior
Zara, Adidas e LVMH sono coinvolte nella deforestazione dell'Amazzonia
Gli alberi vengono abbattuti per fare spazio ai capi di bestiame grazie ai quali si producono borse, scarpe e portafogli
UNIONE EUROPEA
2 gior
Dalla Commissione europea, 300 miliardi per i Paesi in via di sviluppo
Il piano si chiama "Global Gateway" vuole essere «una scelta positiva per lo sviluppo delle infrastrutture»
REGNO UNITO
2 gior
Per l'antitrust britannico, Zuckerberg deve vendere Giphy
La popolare tastiera virtuale per GIF era stata acquistata da Facebook nel 2020 per 400 milioni
STATI UNITI
2 gior
Cyber Monday, l'anno scorso era andata meglio
Gli analisti sono però convinti che si andrà incontro a vendite record durante le vacanze
MONDO
2 gior
L'impatto di Omicron sull'economia: i quattro scenari di Goldman Sachs
Nel caso peggiore potrebbe causare una frenata dello 0,4%, ma si azzarda anche un'ipotesi ottimistica
AUSTRALIA
2 gior
Westpac e quelle spese addebitate ai clienti deceduti
Clienti trattati in malo modo? Il gigante bancario Westpac è finito nei guai, e dovrà sborsare più di 130 milioni
SVIZZERA
01.09.2021 - 08:150

Gli investimenti sostenibili? Non lo sono poi tanto: Greenpeace accusa la piazza finanziaria

Ha dato esito ampiamente negativo il test condotto la scorsa primavera tra banche e gestori patrimoniali

ZURIGO - Greenpeace Svizzera accusa la piazza finanziaria elvetica di non aver fatto i compiti, in tema d'investimenti sostenibili.

Lo afferma dopo aver effettuato un test al riguardo in primavera: un "mystery shopping" tra banche e gestori patrimoniali, con l'aiuto di 33 attivisti. La conclusione: ai tester sono stati consigliati prodotti d'investimento vantati come rispettosi del clima, ma che, secondo l'organizzazione, non sono in alcun modo compatibili con l'accordo sul clima di Parigi. «Nel complesso, la qualità della consulenza sugli investimenti sostenibili è scarsa. Questi risultati sono un'ulteriore prova che la piazza finanziaria svizzera sta facendo greenwashing con la “finanza sostenibile”».

Il test - Gli attivisti hanno finto di essere investitori interessati e hanno accettato di chiedere consiglio all'istituto finanziario di loro scelta. «Il mystery shopping perseguiva due obiettivi: in primo luogo, registrare la qualità della consulenza sugli investimenti di capitale sostenibili e, in particolare, rispettosi del clima presso le banche e, in secondo luogo, valutare se i prodotti d'investimento pubblicizzati come rispettosi del clima promuovono effettivamente un'economia sostenibile». La campagna si è svolta nel contesto di uno studio di Greenpeace Svizzera e Greenpeace Lussemburgo, che ha recentemente dimostrato che i cosiddetti fondi d'investimento sostenibili non sono ancora riusciti a indirizzare significativamente più capitale verso un'economia sostenibile rispetto ai fondi convenzionali.

La sostenibilità non è un argomento standard - I tester hanno condotto 43 interviste con un totale di 19 istituti diversi: le banche cantonali di Argovia, Basilea Campagna, Basilea, Berna, Grigioni, Turgovia, Uri e Zurigo, Banca Alternativa Svizzera, Banca Avera, Banca BSU, Banca Cler, Credit Suisse, Banca Migros, PostFinance, Raiffeisen, UBS, Valiant Bank e VZ Vermögenszentrum. «La qualità delle consultazioni sugli investimenti sostenibili è scarsa nella maggior parte degli istituti finanziari», afferma Larissa Marti, esperta di finanza presso Greenpeace Svizzera. In solo metà delle discussioni, i consulenti hanno chiesto all'inizio se la sostenibilità fosse importante negli investimenti di capitale. Negli altri casi, i tester hanno dovuto indicare attivamente la loro preferenza: tutti volevano esplicitamente una soluzione d'investimento che fosse rispettosa del clima, cioè compatibile con l'accordo sul clima di Parigi. Ai tester sono stati offerti un totale di dieci prodotti che avrebbero dovuto soddisfare questo requisito.

«Il mystery shopping chiarisce anche che i consulenti sanno troppo poco sugli investimenti di capitale sostenibili» sottolinea Greenpeace. «In alcuni casi non erano nemmeno a conoscenza dell'accordo sul clima di Parigi, sebbene si rivolga esplicitamente al settore finanziario. Non sorprende quindi che dopo meno di un terzo delle discussioni, i tester abbiano ritenuto di poter investire denaro in base alle proprie preferenze di sostenibilità, nonostante i consigli. Inoltre, la qualità della consulenza in circa due terzi delle discussioni è stata insufficiente per consentire ai tester di capire perché i prodotti consigliati dovrebbero essere sostenibili o rispettosi del clima».

I cosiddetti fondi ecologici non sono compatibili con Parigi - Male anche i cosiddetti prodotti d'investimento rispettosi del clima suggeriti dalle banche ai tester. Lo dimostra l'analisi approfondita dei dieci prodotti, sulla base dei documenti distribuiti e le informazioni liberamente accessibili sui siti web delle istituzioni finanziarie. Nessuno dei prodotti d'investimento raccomandati come rispettosi del clima definisce effettivamente il rispetto degli obiettivi climatici di Parigi come punto di riferimento. «È spaventoso», dice Marti. «La compatibilità climatica implica la compatibilità con l'Accordo sul clima di Parigi. Quindi i prodotti raccomandati come ecologici devono essere compatibili con Parigi. In caso contrario, le istituzioni finanziarie operano il greenwashing».

I prodotti finanziari rispettosi del clima offerti sono solo marginalmente più rispettosi del clima rispetto agli investimenti convenzionali. «Inoltre, c'è una grande mancanza di trasparenza su come i gestori di portafoglio applicano le strategie d'investimento al fine di garantire la sostenibilità dei prodotti. È anche molto problematico che in quasi il 60% dei fondi analizzati come ecologici, i criteri di sostenibilità vengano applicati solo a una parte del portafoglio del fondo. Il rischio è quindi alto che questi fondi investano anche in società dannose per il clima. Inoltre, alcune pubblicità di prodotti devono essere descritte come fuorvianti, come ha dimostrato l'indagine su due prodotti di UBS e Credit Suisse. Questi promettono un impatto climatico che non possono avere efficacemente».

Economia non rispettosa del clima - Investimenti compatibili con gli obiettivi di Parigi sono difficilmente possibili oggi, osserva l'organizzazione. «Questa consapevolezza è in netto contrasto con l'obiettivo della piazza finanziaria svizzera di voler essere leader nel campo della finanza sostenibile», afferma Peter Haberstich, project manager per il clima e la finanza presso Greenpeace Svizzera. «Con i loro cosiddetti investimenti di capitale sostenibili, le istituzioni finanziarie attualmente non contribuiscono quasi mai a rendere l'economia reale rispettosa del clima, sebbene l'accordo di Parigi chieda da tempo che tutti i flussi finanziari siano rispettosi del clima». Alle banche spetta il compito di formare i propri consulenti «in modo che possano parlare ai propri clienti della sostenibilità dei loro investimenti e garantire che sempre più denaro confluisca in un'economia compatibile con Parigi», aggiunge.

Greenpeace chiede inoltre al Consiglio federale e al Parlamento di definire requisiti minimi per i cosiddetti investimenti di capitale sostenibili: i fondi d'investimento designati come sostenibili devono essere investiti in attività economiche il cui percorso di riduzione delle emissioni sia compatibile con gli obiettivi climatici di Parigi e un riscaldamento globale massimo di 1,5 gradi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 08:12:44 | 91.208.130.89