Depositphotos (Vladru)
ULTIME NOTIZIE Economia
ITALIA / SVIZZERA
10 ore
Garage Italia ceduta in Lussemburgo, ecco perché Lapo Elkann si è dimesso
Emergono nuovi dettagli sulla decisione dell'imprenditore di lasciare: una cessione ai lussemburghesi
GERMANIA
13 ore
L'aeroporto di Francoforte-Hahn è in insolvenza
È da anni che il numero di passeggeri era in calo, ancor prima della crisi legata al coronavirus
REGNO UNITO
16 ore
Commercio internazionale, Londra non respingerà Pechino
L'apertura del premier Boris Johnson alla Cina in occasione del "Global Investment Summit". Ma «non saremo ingenui»
SVIZZERA/ITALIA
18 ore
Lapo Elkann ha dato le dimissioni dall'ormai "svizzera" Garage Italia
Non sarà più il Presidente del Cda di Garage Italia Customs, di proprietà della basilese Youngtimers
CINA
20 ore
Dopo il terremoto Evergrande, la Cina rallenta e si scopre un po' più fragile
Crescita azzoppata e molte nubi all'orizzonte, la Repubblica Popolare scampa alla recessione Covid ma cede a sé stessa
FOTO
STATI UNITI
1 gior
MacBook Pro 2021: ecco le “macchine bestiali”
In una presentazione a velocità della luce Apple ha presentato i suoi due nuovi MacBook Pro.
REGNO UNITO
1 gior
Dal Principe William un milione di sterline alla Costa Rica, ma non solo
Il Paese centroamericano è tra i vincitori dei riconoscimenti "Earthshot", creati dal Duca di Cambridge
SVIZZERA
1 gior
Skan Holding è pronta a sbarcare in borsa
L'azienda specializzata negli equipaggiamenti per l'industria farmaceutica verrà quotata il 28 ottobre.
MONDO
2 gior
Il bilancio ambientale della carne “in vitro”
Per la produzione è necessaria molta energia. La sostenibilità dipende allora dalla provenienza dell'elettricità
STATI UNITI
2 gior
A Hollywood si è evitato lo sciopero
L'industria del cinema rischiava lo stop a causa del contratto con i tecnici che ogni giorno lavorano a film e serie
VAUD
2 gior
Roche chiude i rubinetti della beneficenza
La famiglia Hoffmann si ritira dalla filantropia "tradizionale". «È sbagliata»
SVIZZERA
2 gior
«La Svizzera non deve temere carenze di approvvigionamento»
Secondo il presidente di Galliker Transport, nel nostro paese la situazione è migliore rispetto al resto d'Europa
GERMANIA
3 gior
«L'Europa è particolarmente esposta ai cambiamenti»
Lo ha detto Christine Lagarde, presidente della Bce, nell'ambito della conferenza "La globalizzazione dopo la pandemia"
MONDO
3 gior
La corsa dei Bitcoin non si arresta
La criptovaluta è salita a oltre 62'000 dollari
SVIZZERA
4 gior
Al lavoro sul curriculum? La novità dagli USA: le "mad skills"
Si tratta di competenze atipiche e curiose, come attività artistiche o sport estremi
Regno Unito
4 gior
Banksy: 25 milioni per l'opera che si è distrutta all'ultima asta
Si tratta della nota "Girl With Balloon", la cui metà inferiore è rimasta "triturata" nel 2018
MONDO
4 gior
Scatto del bitcoin, si riporta a quasi 60'000 dollari
La criptovaluta gode del vento in poppa dell'atteso via libera, negli Stati Uniti, del suo primo ETF sui futures
SVIZZERA
01.09.2021 - 08:150

Gli investimenti sostenibili? Non lo sono poi tanto: Greenpeace accusa la piazza finanziaria

Ha dato esito ampiamente negativo il test condotto la scorsa primavera tra banche e gestori patrimoniali

ZURIGO - Greenpeace Svizzera accusa la piazza finanziaria elvetica di non aver fatto i compiti, in tema d'investimenti sostenibili.

Lo afferma dopo aver effettuato un test al riguardo in primavera: un "mystery shopping" tra banche e gestori patrimoniali, con l'aiuto di 33 attivisti. La conclusione: ai tester sono stati consigliati prodotti d'investimento vantati come rispettosi del clima, ma che, secondo l'organizzazione, non sono in alcun modo compatibili con l'accordo sul clima di Parigi. «Nel complesso, la qualità della consulenza sugli investimenti sostenibili è scarsa. Questi risultati sono un'ulteriore prova che la piazza finanziaria svizzera sta facendo greenwashing con la “finanza sostenibile”».

Il test - Gli attivisti hanno finto di essere investitori interessati e hanno accettato di chiedere consiglio all'istituto finanziario di loro scelta. «Il mystery shopping perseguiva due obiettivi: in primo luogo, registrare la qualità della consulenza sugli investimenti di capitale sostenibili e, in particolare, rispettosi del clima presso le banche e, in secondo luogo, valutare se i prodotti d'investimento pubblicizzati come rispettosi del clima promuovono effettivamente un'economia sostenibile». La campagna si è svolta nel contesto di uno studio di Greenpeace Svizzera e Greenpeace Lussemburgo, che ha recentemente dimostrato che i cosiddetti fondi d'investimento sostenibili non sono ancora riusciti a indirizzare significativamente più capitale verso un'economia sostenibile rispetto ai fondi convenzionali.

La sostenibilità non è un argomento standard - I tester hanno condotto 43 interviste con un totale di 19 istituti diversi: le banche cantonali di Argovia, Basilea Campagna, Basilea, Berna, Grigioni, Turgovia, Uri e Zurigo, Banca Alternativa Svizzera, Banca Avera, Banca BSU, Banca Cler, Credit Suisse, Banca Migros, PostFinance, Raiffeisen, UBS, Valiant Bank e VZ Vermögenszentrum. «La qualità delle consultazioni sugli investimenti sostenibili è scarsa nella maggior parte degli istituti finanziari», afferma Larissa Marti, esperta di finanza presso Greenpeace Svizzera. In solo metà delle discussioni, i consulenti hanno chiesto all'inizio se la sostenibilità fosse importante negli investimenti di capitale. Negli altri casi, i tester hanno dovuto indicare attivamente la loro preferenza: tutti volevano esplicitamente una soluzione d'investimento che fosse rispettosa del clima, cioè compatibile con l'accordo sul clima di Parigi. Ai tester sono stati offerti un totale di dieci prodotti che avrebbero dovuto soddisfare questo requisito.

«Il mystery shopping chiarisce anche che i consulenti sanno troppo poco sugli investimenti di capitale sostenibili» sottolinea Greenpeace. «In alcuni casi non erano nemmeno a conoscenza dell'accordo sul clima di Parigi, sebbene si rivolga esplicitamente al settore finanziario. Non sorprende quindi che dopo meno di un terzo delle discussioni, i tester abbiano ritenuto di poter investire denaro in base alle proprie preferenze di sostenibilità, nonostante i consigli. Inoltre, la qualità della consulenza in circa due terzi delle discussioni è stata insufficiente per consentire ai tester di capire perché i prodotti consigliati dovrebbero essere sostenibili o rispettosi del clima».

I cosiddetti fondi ecologici non sono compatibili con Parigi - Male anche i cosiddetti prodotti d'investimento rispettosi del clima suggeriti dalle banche ai tester. Lo dimostra l'analisi approfondita dei dieci prodotti, sulla base dei documenti distribuiti e le informazioni liberamente accessibili sui siti web delle istituzioni finanziarie. Nessuno dei prodotti d'investimento raccomandati come rispettosi del clima definisce effettivamente il rispetto degli obiettivi climatici di Parigi come punto di riferimento. «È spaventoso», dice Marti. «La compatibilità climatica implica la compatibilità con l'Accordo sul clima di Parigi. Quindi i prodotti raccomandati come ecologici devono essere compatibili con Parigi. In caso contrario, le istituzioni finanziarie operano il greenwashing».

I prodotti finanziari rispettosi del clima offerti sono solo marginalmente più rispettosi del clima rispetto agli investimenti convenzionali. «Inoltre, c'è una grande mancanza di trasparenza su come i gestori di portafoglio applicano le strategie d'investimento al fine di garantire la sostenibilità dei prodotti. È anche molto problematico che in quasi il 60% dei fondi analizzati come ecologici, i criteri di sostenibilità vengano applicati solo a una parte del portafoglio del fondo. Il rischio è quindi alto che questi fondi investano anche in società dannose per il clima. Inoltre, alcune pubblicità di prodotti devono essere descritte come fuorvianti, come ha dimostrato l'indagine su due prodotti di UBS e Credit Suisse. Questi promettono un impatto climatico che non possono avere efficacemente».

Economia non rispettosa del clima - Investimenti compatibili con gli obiettivi di Parigi sono difficilmente possibili oggi, osserva l'organizzazione. «Questa consapevolezza è in netto contrasto con l'obiettivo della piazza finanziaria svizzera di voler essere leader nel campo della finanza sostenibile», afferma Peter Haberstich, project manager per il clima e la finanza presso Greenpeace Svizzera. «Con i loro cosiddetti investimenti di capitale sostenibili, le istituzioni finanziarie attualmente non contribuiscono quasi mai a rendere l'economia reale rispettosa del clima, sebbene l'accordo di Parigi chieda da tempo che tutti i flussi finanziari siano rispettosi del clima». Alle banche spetta il compito di formare i propri consulenti «in modo che possano parlare ai propri clienti della sostenibilità dei loro investimenti e garantire che sempre più denaro confluisca in un'economia compatibile con Parigi», aggiunge.

Greenpeace chiede inoltre al Consiglio federale e al Parlamento di definire requisiti minimi per i cosiddetti investimenti di capitale sostenibili: i fondi d'investimento designati come sostenibili devono essere investiti in attività economiche il cui percorso di riduzione delle emissioni sia compatibile con gli obiettivi climatici di Parigi e un riscaldamento globale massimo di 1,5 gradi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 05:41:15 | 91.208.130.89