Cerca e trova immobili

URUGUAYL'Uruguay riconosce i crimini commessi dalla dittatura

16.06.23 - 11:20
L'atto ufficiale è stato realizzato dietro esplicita richiesta della Corte interamericana dei diritti umanI
Reuters
Fonte ATS ANS
L'Uruguay riconosce i crimini commessi dalla dittatura
L'atto ufficiale è stato realizzato dietro esplicita richiesta della Corte interamericana dei diritti umanI

MONTEVIDEO - In una cerimonia realizzata in Parlamento, il governo dell'Uruguay ha formalmente riconosciuto le responsabilità dello Stato per le violazioni dei diritti umani commessi durante la dittatura (1973-1985).

In particolare, riferisce il Portal Montevideo, in una dichiarazione ufficiale si è fatto riferimento a due casi, quello della morte violenta delle "Muchachas de Abril" (Silvia Reyes, Laura Raggio e Diana Maidanik) e della sparizione forzata di Luis Eduardo González e Oscar Tassino.

Tutti i media uruguaiani hanno sottolineato che la cerimonia è stata presieduta dalla vicepresidente della Repubblica Beatriz Armigón, e non dal presidente Luis Lacalle Pou, capo anche delle Forze armate, che pure era tornato da un viaggio negli Stati Uniti dove aveva incontrato Joe Biden.

L'atto ufficiale è stato realizzato dietro esplicita richiesta della Corte interamericana dei diritti umani che, in una sentenza, aveva indicato che a essa avrebbero dovuto partecipare «alte autorità del governo e dei poteri, legislativo e giudiziario», oltre ai militari, rappresentanti della Procura specializzata, dell'organismo nazionale di tutela dei diritti umani e dell'Ufficio del difensore civico.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Nikko 1 anno fa su tio
L’assenza del presidente Luis Lacalle Pou mi sembra molto significativa…
NOTIZIE PIÙ LETTE