Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
59 min
Voglia di leggere dopo il lockdown
Anche in Ticino la riapertura dei negozi ha portato un aumento della vendita di libri
QUINTO
1 ora
Furia ad Altanca: auto demolita
Vandalismo in Leventina. Scatta la denuncia contro ignoti. E nasce #ripuliamolasvizzera.
LUGANO
7 ore
Il polo sportivo va in rete
Dopo lunghe discussioni il Consiglio comunale ha accettato la richiesta di credito da 14 milioni per il progetto.
FOTO
CANTONE
9 ore
Violenti temporali sopra il Luganese e il Mendrisiotto
Meteo Svizzera ha diramato un'allerta di grado tre di breve durata per oggi, e una più lunga per la serata di domani.
CANTONE
12 ore
Nuovo aumento dei premi: «Che ne pensa Berna?»
Il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri sull'ipotizzato rincaro delle casse malati per il 2021.
LUGANO
13 ore
Prete arrestato: resterà in carcere almeno per le prossime 6 settimane
La decisione del giudice dei provvedimenti coercitivi. Il 50enne è finito in manette sabato scorso per abusi sessuali
MENDRISIO
13 ore
I fiori come simbolo di rinascita
Ri-Fioriamo Mendrisio è un'iniziativa pensata dal Municipio per abbellire le vie e le contrade del borgo.
MONTECENERI
14 ore
Parte l'estate con Splash e Spa
Gli allentamenti voluti dal Consiglio federale danno luce verde alla riapertura del centro acquatico di Rivera.
NOVAZZANO
14 ore
Aziende che ricevono sussidi e poi licenziano. Scatta l'indignazione
Accuse del MPS sui licenziamenti alla Precicast di Novazzano. Fabrizio Sirica presenta un'iniziativa parlamentare
FOTO
ACQUAROSSA
15 ore
Cade in un dirupo, interviene la Rega
L'uomo ha chiesto l'intervento dell'elicottero, dopo essersi infortunato mentre lavorava a Leontica
CANTONE
16 ore
«Usiamo i ristorni dei frontalieri per i ticinesi in difficoltà»
Lo chiede un’interpellanza presentata al Governo da Tiziano Galeazzi e Boris Bignasca
CANTONE
16 ore
«Nessuna quarantena per chi rientra dall'Italia»
Al via la conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline. Norman Gobbi fa il punto della situazione
BIASCA / CHIASSO
17 ore
Stessa mozione, ma a Biasca è irricevibile
Isabella: «Si attaccano a dettagli tecnici al posto di affrontare la discussione». Fonio: «Felice e soddisfatto».
GORDOLA
17 ore
Corinne Suter come James Bond
Abituata all'adrenalina della velocità, la sciatrice svittese ha voluto provare il noto bungee jumping ticinese
CANTONE
18 ore
Si torna a navigare sui laghi ticinesi
Dopo la pausa forzata dovuto al coronavirus, i battelli solcheranno di nuovo Ceresio e Verbano
LUGANO
19 ore
Sportelli su appuntamento a Lugano
A seguito dell'esperienza fatta durante l'emergenza sanitaria, il servizio è confermato
LUGANO
19 ore
Canetta lascia la Rsi
Prepensionamento per il direttore dell'emittente di Comano. Si prepara la successione
CEVIO
20 ore
Niente piscina a Bignasco
Le condizioni post coronavirus sono troppo onerose per aprire alla stagione estiva 2020
VERZASCA
21 ore
Tresa e Verzasca, elezioni differite
LUGANO
21 ore
San Salvatore, di nuovo in vetta con "le rosse"
Da sabato si potrà nuovamente raggiungere il "Pan di zucchero della Svizzera"
CANTONE
09.04.2020 - 15:330

«Una risposta sociale per contrastare le conseguenze del coronavirus»

Oltre all'emergenza sanitaria ed economica, la pandemia manda in crisi anche la socialità.

Il Partito socialista prevede che la povertà possa espandersi nel nostro cantone e molte famiglie debbano rivolgersi all'assistenza. Per questo ha deciso di proporre sei misure in ambito di casse malati, affitti, lavoro e conciliabilità.

BELLINZONA - Oltre all'emergenza sanitaria ed economica, il coronavirus porta con sé gravi conseguenze sociali. Ne è convinto il Partito Socialista secondo cui «c'è il rischio che la povertà si diffonda ancora maggiormente nel nostro Cantone e che molte economie domestiche siano costrette a rivolgersi all'assistenza». Per scongiurare tutto questo, il PS presenta una risposta sociale costituita da sei proposte in ambito di cassa malati, affitti, lavoro e conciliabilità «che si completano a vicenda».

La prima, specificano i socialisti in una nota, chiede l'istituzione di un fondo sociale cantonale che vada in aiuto alle persone in difficoltà economiche a causa dell'emergenza coronavirus. «Il fondo - precisa il PS - dovrebbe poter erogare prestiti o contributi a fondo perso secondo le necessità per pagare affitto, cassa malati (la parte non sussidiata), fatture mediche o sanitarie, acquisto di beni necessari. Il finanziamento dovrebbe essere garantito da Cantone e Comuni con un riparto del 75%, rispettivamente del 25% degli oneri, come avviene per l'assistenza».

 La seconda e la terza proposta socialista riguardano i costi sanitari, necessari per garantire l'accessibilità universale al sistema sanitario. «Chiediamo allo Stato di riversare agli assicurati il corrispondente della franchigia per le visite mediche fino all'ammontare della franchigia minima di 300 franchi e di abolire la quota residua di premio a carico degli assicurati che percepiscono i sussidi, portando il coefficiente cantonale di finanziamento al 100% ». Entrambe le proposte - precisano i socialisti - devono valere per tutta la durata della crisi coronavirus, anche retroattivamente, quindi a partire dal momento che è iniziata. 

La quarta proposta interessa il personale domestico a ore, escluso dalla possibilità ricorrere aiuti federali tramite il lavoro ridotto. «Chiediamo d'istituire un aiuto cantonale mirato a chi lavora in questo ambito e al contempo promuovere una sanatoria per combattere il lavoro in nero estremamente diffuso in questo settore professionale». 

La quinta proposta, invece, si basa su quanto già implementato nel Canton Ginevra, dove si è trovato un accordo per esentare le microimprese e gli indipendenti maggiormente in difficoltà dal pagamento dell'affitto. «Siamo convinti dell'efficacia di questo accordo - sottolinea il PS - e chiediamo al Cantone di corrispondere ai proprietari degli immobili la metà dell'onere dovuto per l'affitto (spese non incluse) e invita la Camera ticinese dell'economia fondiaria a incoraggiare i proprietari degli immobili a fare un passo a favore di queste categorie di inquilini, rinunciando a loro volta al versamento della metà dell'affitto dovuto».

 La sesta proposta riguarda le strutture di conciliabilità lavoro-famiglie, attualmente aperte solo per i figli delle persone che lavorano in quelle professioni ritenute indispensabili. «In questo ambito chiediamo al Consiglio di Stato - conclude il PS - di emanare direttive in cui si sancisce che le rette delle famiglie che a causa del Coronavirus non ne fanno capo non devono essere fatturate e di garantire a tutto il personale che lavora e alle famiglie diurne il reddito completo, al 100%, per la tutta la durata della crisi Coronavirus. Vista l'importanza strategica della rete di accoglienza per la prima infanzia ed extrascolastica e delle famiglie diurne per la società tutta, sia in questo momento che in previsione di un rilancio dell'economia chiediamo pure di garantire, attraverso un contributo straordinario laddove necessario, sufficienti mezzi alle strutture affinché possano continuare la loro attività anche in futuro».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 mese fa su tio
Ma evitate di incasinare le autorità con queste richieste populiste e banalizzanti.Si fa retorica bella e buona perchè già sanno quali sanno le risposte. Come quelli che vogliono una indagine sulle decisioni del cds, in questo momento di emergenza. O quelli che attivano gli avvocati per andare contro le restrizioni imposte. Ha ragione il consiglio federale: fino alla fine di aprile tutto fermo, poi si vedrà. Già in Ticino la fretta di aprire fa sorgere qualche dubbio: si apre su pressione dell'economia, non su quella degli specialisti che hanno parlato in modo chiaro. Vedremo tra 15 giorni l'evoluzione della pandemia.
F/A-18 1 mese fa su tio
@vulpus Sarei anche d’accordo con te ma vai a spiegarlo ad un indipendente che ha veramente molto da perdere. Forse tu sei uno che la paga arriva comunque e vivi in casa con tutti i confort, facile pontificare in questo caso, forse non è il caso tuo ma tanti miei conoscenti con la paga garantita se la godono allegramente. Tra l’altro ne io ne nessuno dei miei conoscenti conosce gente morta di questo fantomatico virus, gente morta tutti i giorni c’è sempre stata e sempre ce ne sarà, sarà poi tutto vero quello che ci propinano? Non sarà una qualche manovra a livello planetario della solita società segreta che naturalmente ha i propri vertici in tutti i posti che contano? Vedi polizia, ospedali, politica, giornali, televisioni e banche? Mah, dubbione atroce ??
pulp 1 mese fa su tio
@vulpus Quello che vuole l'indagine sull'operato del CDS è il solito Pronzini... Mentre bisognerebbe fare un plauso al lavoro del CDS lui e accoliti fanno propaganda contro... tipico di chi vale zero. Ma il tempo sarà galantuomo con questa gentaglia
Zico 1 mese fa su tio
@F/A-18 io purtroppo ne conosco più di uno e forse più di una decina. Gente che lo ha preso e che ho anche frequentato. (questi guariti per fortuna) va bene la ditta, va bene l'economia ma almeno per rispetto di chi ha avuto morti in famiglia non tirare in ballo le manovre planetarie. come sai io non sono tra quelli che possono beneficirae dell'aiuto dello stato perchè ufficialmente posso tenere aperto..quindi non parlo prodomus
tazmaniac 1 mese fa su tio
@F/A-18 fatti curare da uno bravo, credimi. E taci che fai più bella figura che a scrivere bestiate. Jerry Fletcher del Ticino...
vulpus 1 mese fa su tio
@F/A-18 Tanto per specificare, sono a casa,la paga non so se arriverà e in che misura. Non me la stò godendo in mezzo ai confort, e il più triste è che ci sono persone che ho conosciuto e che purtroppo non ci sono più. Persone che sono entrate in ospedale, e le abbiamo viste sulla barella, come ogni tanto mostrano in Tv e quella è stata l'ultima volta. Non vado oltre, ma evita di banalizzare questo disastro: se da una parte chi non ne è toccato personalmente forse pensa ( fortuna sua) che questa malattia non esiste, ma per chi ne è contagiato, per i suoi famigliari , amici e conoscenti è un dramma: oggi vedi e parli con una amico, e 3 giorni dopo ti dicono che non lo vedrai più .
F/A-18 1 mese fa su tio
@vulpus Ma sai, tanto prima o poi le attività andranno riaperte, se le riapriamo subito il disastro rimane immenso ma qualcuno si salva ancora ma se si tira la ancora un mese, voce di tanti impresari/industriali in Italia, sarà un fallimento unico, idem Francia, Spagna ecc... Dopo voglio vedere se a livello di suicidi, violenze e quant’altro quanti morti conteremo e sopratutto per quanto tempo ci porteremo sulle spalle questa catastrofe finanziaria che per ora costa 5000 miliardi ed una marea di disoccupati e poveri. Vedremo, forse i nostri cittadini nati e vissuti nella bambagia non si rendono conto di quanto spaventoso potrebbe riservarci il futuro.
vulpus 1 mese fa su tio
@F/A-18 Un tantino di positività potresti anche riservartela.Parli di una situazione con previsioni che sono un pò conseguenza delle solite fake che stanno girando. dai dei giudizi sull'Italia, sulla Francia, sulla Spagna, tutte nazioni che sono in balia di Germania e Olanda, dove nessuno ha il coraggio di dare un ultimatum, per ottenere il necessario supporto e solidarietà economica. Del resto non bisogna illudersi: nulla sarà più come prima, ma bisogna ugualmente avere fiducia nel futuro
F/A-18 1 mese fa su tio
@tazmaniac Te invece che mi sai tanto di persona che c’è l’ha dolce leggiti se vuoi la risposta che ho dato a vulpus, per il resto ad ognuno la sua opinione e non insultare, è un’avvertimento.
F/A-18 1 mese fa su tio
@F/A-18 Si giusto, sai cosa ti dico, io problemi grossi non ne ho quindi potrei anche fregarmene ma ancora oggi ho sentito su radio 24 un intervista di un’industria le italiano con 200 dipendenti che stufo di tutto il sistema ed ora con questo virus ha deciso di chiudere tutto, come lui tanti altri o chiuderanno o falliranno. Non è che se i paesi a noi confinanti andranno nel fango noi come Svizzera potremmo essere molto positivi. Comunque vedremo, chiudendo entrambi gli occhi possiamo anche lasciarci ammantare da un velo di positività.
Roki 1 mese fa su tio
Sempre facile avere al bocca larga con i soldi degli altri. Perché non si rivolgono ai loro amici sindacalisti, loro si cha hanno riserve milionarie.
gigipippa 1 mese fa su tio
E vissero tutti felici e contenti.
GIGETTO 1 mese fa su tio
Care cittadine e cari cittadini recatevi direttamente presso una sede del partito $ocialista che vi danno direttamente loro i soldi CHF.....avanti loro sono fantastici nel fare i conti con i soldi degli altri (collettività)....
Nmemo 1 mese fa su tio
Questa è demagogia della politica "pro sacocia”. Non si ha nemmeno il pudore e il rispetto di chi si trova nell’indigenza! Le istituzioni già si danno da fare anche a livello di sostegno sociale.
seo56 1 mese fa su tio
Solita e ipocrita propaganda socialista!
Zarco 1 mese fa su tio
Mio padre ha lavorato come un fabbro e ora la casa x anziani gli mangia fuori tutto! Socialisti , pensare a chi lavora a voi ve ne frega !!!!!aiutare chi lo Merita va bene, ma per voi anche i mantenuti a vita, lazzaroni pure ????e pensare che da giovane ero dei vostri , poi mi sono svegliato!!!!!!!!!!!!!!!!!schifato
miba 1 mese fa su tio
...ma i socialisti hanno dimenticato volutamente di precisare la cosa più importante e cioè da DOVE dovrebbero secondo loro saltar fuori tutti questi soldi... Magari qualche socialista può darmi qualche delucidazione in merito?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-03 07:35:00 | 91.208.130.87