Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
GAMBAROGNO
17 min
Eroe per un giorno: salva un 70enne dalle acque
LUGANO
46 min
«Che fine hanno fatto le panchine?»
LUGANO
1 ora
Helsinn, Giorgio Calderari entra nel Consiglio d'Amministrazione
ITALIA / CANTONE
2 ore
Scomparso in Italia, è ricoverato in un ospedale di Berna
LUGANO
3 ore
Advanced Studies Supsi, ecco i diplomati
CANTONE
4 ore
Borse di studio più generose, ma resta il prestito per il master
CAMORINO
4 ore
La torrida giornata degli asilanti: «Non ne possiamo più»
CANTONE
5 ore
Tram-Treno, sì al credito e all'emendamento socialista
CANTONE
5 ore
Chiusure dei negozi, la trattativa s'inceppa
LUGANO
5 ore
Ex Macello: il Molino è pronto a scendere in piazza
CANTONE
5 ore
Conquista il podio "estremo": «Il mio team ha commesso errori, altrimenti...»
MURALTO
6 ore
Morte della 22enne inglese: la polizia torna in hotel
CAMORINO
7 ore
Asilanti in sciopero, il DSS: «Lo facciamo per loro»
CANTONE
7 ore
Ricercato in assistenza in Ticino: «Non ha ricevuto qua il permesso»
ITALIA / CANTONE
7 ore
Scomparso dalla Provincia di Asti, potrebbe essere in Ticino
CANTONE
22.05.2019 - 14:540

Dipendenti pubblici: «Alta guardia sindacale sulle trattative»

Il gruppo paritetico, creato lo scorso 15 maggio, intavolerà i negoziati durante l'estate. Il VPOD: «Se non andranno a buon fine sono da prevedere per l’autunno momenti di mobilitazione»

BELLINZONA - Lo scorso 15 maggio il Consiglio di Stato ha ufficialmente creato il lavoro di gruppo paritetico incaricato dell’analisi dell’impatto finanziario derivante dall’introduzione delle 40 ore settimanali e di una settimana di vacanza supplementare «tenuto conto del contributo dello Stato per il risanamento dell’Istituto di previdenza del Canton Ticino» per i dipendenti dello Stato.

In un comunicato odierno, il VPOD - presente nel gruppo con i delegati Raoul Ghisletta e Adriano Merlini, che opereranno accanto a quattro altri rappresentanti di sindacati e a sei rappresentanti del Governo - promette di mantenere «alta la guardia» nel corso delle trattative, rivendicando in particolare «l’abolizione di tutte le misure di risparmio esistenti e il miglioramento del regolamento del personale ausiliario».

Le trattative sono previste per la prossima estate. E il VPOD ha pochi dubbi in merito: «Se non andranno a buon fine, vista l’importante posta in gioco, sono da prevedere per l’autunno momenti di mobilitazione e astensioni dal lavoro».

Le rivendicazioni del sindacato VPOD

  • Il Sindacato VPOD ribadisce la necessità di migliorare le condizioni di lavoro dei dipendenti dello Stato, che sono state costantemente peggiorate a seguito delle misure di risparmio degli ultimi 25 anni per risanare i conti del Cantone. È ora di reinvestire parte di queste risorse per garantire anche l’attrattiva e la qualità del servizio pubblico.
  • Il Sindacato VPOD ritiene che vadano corrette le perdite subite da una parte dei dipendenti (i giovani in carriera) al momento del passaggio dalla vecchia scala salariale alla nuova scala salariale nel 2018/19.
  • Il Sindacato VPOD chiede di ridurre l’onere lavorativo degli impiegati a 40 ore settimanali, come nelle Città e negli enti sussidiati, e di ridurre l’onere lavorativo dei docenti di un’ora-lezione, riportandolo a quello esistente fino all’anno scolastico 2003/04 (aumentato per risparmiare sul numero di docenti).
  • Il Sindacato VPOD ricorda alle autorità cantonali gli impegni presi con i loro dipendenti nel 2012 per ciò che attiene alle rendite pensionistiche. Il passaggio dal vecchio al nuovo sistema pensionistico ha già causato una perdita del 15% per i dipendenti affiliati all’Istituto di Previdenza del Cantone Ticino (IPCT) a partire dal 1.1.2013, come pure per i dipendenti affiliati alla Cassa pensioni dipendenti dello Stato che non avevano ancora raggiunto i 50 anni in tale data. Ogni ulteriore riduzione delle rendite è un inganno inaccettabile.
  • Infine il Sindacato VPOD rivendica l’abolizione di tutte le misure di risparmio esistenti (come ad esempio la penalizzazione del 20% sul salario dei supplenti nell’Amministrazione cantonale e sul salario dei docenti supplenti) e il miglioramento del regolamento del personale ausiliario, ponendo termine alle disparità di trattamento tra questi ultimi e i nominati.
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-25 22:43:36 | 91.208.130.87