Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CHIASSO
8 ore
Un corteo contro le frontiere che uccidono
Dal Palapenz fino alla dogana, diversi giovani hanno voluto dire basta a un modello di società «sempre più spietato, disumano e schiavista»
CANTONE
9 ore
Rosso di sera... bel tempo si avvera
Le prossime giornate saranno contraddistinte da cieli generalmente sereni. In montagna ci sarà qualche nuvola in più e non mancherà il vento
CANTONE
11 ore
Per le Comunali nasce "TIResidenti. Il Movimento"
L'obiettivo del fondatore Stefano Introzzi è risolvere all'interno delle istituzioni i problemi «con soluzioni concrete e senza la propaganda che accomuna gli altri partiti politici»
MENDRISIO
12 ore
Processioni storiche, la prossima è la settimana decisiva
In Colombia verranno valutate le candidature per entrare a far parte del Patrimonio immateriale dell'Unesco. Due quelle che provengono dalla Svizzera
LUGANO
12 ore
«Lo stabile ARL passi in mani pubbliche»
A chiederlo è l'Associazione cittadini per il territorio di Viganello: «È un luogo storico, da proteggere»
POSCHIAVO (GR)
14 ore
Rubò orologi, fermato quattro mesi dopo
Il 35enne romeno è stato fermato dalle Guardie di confine a Castasegna
FOTO
MESOCCO (GR)
16 ore
In galleria uno scontro frontale
A causa del violento impatto, un'auto con targhe ticinesi si è rovesciata sul tetto
FOTO
RIVIERA
16 ore
Va a fuoco una ruota dell'auto
Le fiamme sono state spente dai poliziotti con un estintore
MESOCCO (GR)
17 ore
Incidente in galleria, disagi sull'A13
Il tunnel è stato chiuso in entrambe le direzioni. Gli automobilisti sono invitati a seguire la deviazione
LUGANO
19 ore
C’è un nuovo Movimento in città
Due ex Ppd alla base: Domenico Barletta presidente, Giovanni Albertini vice
CANTONE
19.03.2018 - 10:020
Aggiornamento : 14:02

Marchesi risponde a Bertoli sul referendum: «Se lo usa il PS va bene, ma se lo facciamo noi no?»

Il progetto “La scuola che verrà” continua a far discutere. «Bertoli dovrebbe avere rispetto per chi non la pensa come lui»

BELLINZONA - Non si è fatta attendere la reazione del presidente UDC Ticino Piero Marchesi in merito alla presa di posizione sul referendum contro la riforma “La scuola che verrà” del direttore del Decs Manuele Bertoli.

Ieri il consigliere di Stato aveva dichiarato: «Ci vuole una mente ben contorta per sostenere che investire 34.5 milioni all’anno in più nella scuola pubblica a riforma generalizzata significhi smantellarla».

La risposta - «Bertoli dovrebbe conoscere i meccanismi della democrazia diretta, dove un cittadino che non condivide una decisione del Parlamento ha la facoltà d’invocare il referendum e chiamare il popolo al voto» scrive Marchesi, che aggiunge: «Forse questo strumento è legittimo solamente quando ad usarlo è il partito del Consigliere di Stato? Qualche settimana fa proprio il PS, con altre formazioni, ha consegnato circa 7’000 firme contro la riforma fiscale e sociale approvata dal Parlamento. Loro possono, noi no».

I docenti - Lo scontro tra i due riguarda anche i docenti. Secondo Bertoli infatti «tutti i docenti della scuola dell’obbligo hanno potuto discutere della riforma nel corso di decine di incontri», mentre Marchesi sostiene di aver ricevuto «molte telefonate, email e contatti personali proprio da questa categoria così toccata dal progetto», e aggiunge: «Bertoli, si fidi, molti docenti combattono la sua riforma, forse non in prima fila, ma nelle retrovie sono in molti».

“Menti contorte” - Al centro della risposta di Marchesi c’è anche la frase di Bertoli (vedi sopra) in cui si parla di “menti contorte”. «Ora, che lei sia arrabbiato e offeso ci può anche stare, un Consigliere di Stato dovrebbe però essere sempre pronto a mettersi in discussione.  Che poi si accusi chi lancia un referendum, più che legittimo vista la posta in gioco, di avere le “menti contorte”, questo no. Non da una persona che ricopre una delle cariche politiche più importanti del Cantone. Il rispetto, quello che lei ha preteso giustamente in più di un’occasione dovrebbe averlo anche per chi non la pensa come lei».

Infine Marchesi invita Bertoli a «rilassarsi»: le discussioni avverranno una volta raccolte le firme. «È inutile agitarsi ora. Bertoli, stia sereno, le garantisco che metteremo il nostro impegno nella raccolta firme, dopo questa sua infelice uscita anche più di prima».

Commenti
 
matteo2006 1 anno fa su tio
Nell'articolo con la presa di posizione di Bertoli ci sono quasi solo post contro il PS e Bertoli, in questo articolo ci sono più post contro l'UDC e il referendum; ma quando si inizierà a discutere davvero della questione dimenticando per un po di che partito è uno o l'altro? Utopia! buona giornata.
Evry 1 anno fa su tio
Il caro capo dipartimento è nella palta fino al collo !!! ma per colpa sua purtroppo sono i nostri giovani a subire. VERGOGNA !!!!!!
franco1951 1 anno fa su tio
Il referendum era stato inserito nella Costituzione dai padri costituenti per dare spazio ai piccoli partiti che non avevano voce o ne avevano poca. Oggi questo giusto strumento viene abusato dal partito di maggioranza a livello nazionale e anche da altri per puri scopi propagandistici, magari anche per fare delle leggi illegali. In Ticino poi, referendum e ricorsi sono lo sport cantonale per eccellenza. Credo che da noi ci sia bisogno di più serietà, ricerca del consenso e disponibilità al compromesso, due fattori che hanno fatto grande la Svizzera. Oggi è solo muro contro muro, e così non può funzionare.
miba 1 anno fa su tio
Scusate la franchezza ma in questo sfigato cantone si mette SEMPRE ED OVUNQUE la politica davanti ad ogni cosa. A scuola ci vanno i leghisti, i liberali i socialisti e tutti quanti. Questo, come altre problematiche che comportano uscite importanti nell'ambito delle finanze cantonali, non possono essere più tollerate come "slogan politici" e/o idee di partito!! Se come in questo caso vi è un progetto di cambiamento che i Consiglieri di Stato comincino anche loro a fare un bel business plan come avviene quasi in tutti i settori del privato in cui vi è un investimento. Con tutti i lic jur, master's, bachelor's, dottorati ecc ecc ecc all'interno della nostra amministrazione cantonale non dovrebbe esserci nessun problema pratico ed anzi, dimostrerebbero di fare CONCRETAMENTE qualcosa di utile! Buona giornata a tutti
SuperGigio 1 anno fa su tio
Liberissimi di lanciare un referendum, ci mancherebbe, ma basta con sta politica demagogica manipola popolino. E via a lanciare slogan contraddittori a fonfa tipo "no allo smantellamento della scuola!!". Contenuti per il dialogo per favore, basta cagnara.
betha 1 anno fa su tio
a parte il voto in parlamento con 90 voti favorevoli e 19 contrari alla sperimentazione è passato alla grande, un referendum contro la sperimentazione? casomai il referendum andrà fatto dopo le valutazioni dei test e prima dell'implementazione altrimenti è solo fuffa accalappia voti, poi voi che vorreste privatizzare anche i cessi pubblici ideate un titolo come "no allo smantellamento della scuola pubblica" ? poi come al solito argomentazioni zero solo bertoli rilassati, bertoli impara i meccanismi della democrazia, docenti prima kasta e fannulloni (civica) ora perno contro la riforma....
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 04:03:17 | 91.208.130.87