Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
16 min
Covid-19: il Ticino vola sul Cervino
L'iniziativa fa parte del progetto "Hope". E stavolta omaggia la regione elvetica più colpita dalla pandemia
CANTONE
3 ore
Laboratori anche in prima e seconda media
La novità sarà introdotta a partire da settembre. Manuele Bertoli: «La scuola che verrà non c'entra nulla»
CANTONE
3 ore
«La tassa di collegamento non sarà retroattiva»
L’annuncio del Governo che attende comunque di conoscere le motivazioni della sentenza
LOCARNO
4 ore
È morto Gianfranco Cotti
L'ex consigliere nazionale del PPD si è spento a Locarno all'età di 90 anni
FOTO
CANTONE
4 ore
Facciamo le scarpe al coronavirus
All'asta un modello unico di Adidas Stan Smith “Angels”. L'intero ricavato andrà alla Catena della Solidarietà
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
«Divieto di fare la spesa per gli over 65? Manca la base giuridica»
La misura messa in campo in Ticino sarebbe fuorilegge.
CANTONE
4 ore
«La responsabilità salva vite umane, non molliamo»
Dei 132 decessi nel cantone, 43 sono morti in casa anziani.
CANTONE
5 ore
Se #stareacasa è un pericolo, cerca aiuto
Il 117 resta il numero principale per un intervento immediato. Non abbiate paura a telefonare
CANTONE
5 ore
Il virus bloccherà la tassa?
Stangata sui posteggi. Il PPD chiede al governo di "congelarla" con una mozione.
CANTONE
5 ore
Sospesi i lavori alla Galleria del Ceneri
Dopo la foto dell'MpS, la decisione di Alptransit vista la situazione "straordinaria"
CANTONE
6 ore
Tre settimane senza ristoranti: «Siamo stravolti»
Il presidente di GastroTicino Massimo Suter si sfoga, e chiede un nuovo intervento alla politica
MENDRISIO
6 ore
Ladro espulso per vent'anni
La sentenza al termine del dibattimento tenutosi oggi a porte chiuse
CANTONE
6 ore
Il "Ghiro" vuole fare la spesa
L'over 65 Giorgio Ghiringhelli minaccia ricorso al Tram, contro il divieto agli anziani di entrare nei supermercati
CANTONE / BERNA
7 ore
L'amministrazione delle dogane può chiudere altri valichi
Le nuove disposizioni entreranno in vigore domani. Chi infrange le restrizioni rischia una multa
CANTONE
7 ore
Coronavirus: come prendersi cura di sé e degli altri durante la pandemia
Da oggi attive una Hotline e una mail specificamente dedicate al sostegno della popolazione
CANTONE
19.12.2019 - 19:500

Più uva in vigna, meno soldi in tasca. Lo sgradito regalo ai viticoltori

In questi giorni le Cantine stanno pagando le uve della vendemmia. I quantitativi eccessivi hanno ridotto i prezzi. «Ma era stato detto» spiega il direttore dell’Interprofessione della vite

BELLINZONA - «Tanti chili, ma pochi gradi. Per la vendemmia 2019 riceverò circa 3.000 franchi in meno». È l’amara testimonianza di un produttore di uva Merlot che sconta, come altri suoi colleghi, quel “declino dei prezzi” riferito alcuni giorni fa dalla Sezione dell’agricoltura. È lo stesso viticoltore sopracenerino che a settembre si era sfogato con Tio/20Minuti per il “baratto inatteso” giunto dalla sua Cantina di riferimento che voleva retribuirgli una parte dell’uva con bottiglie di vino… A inizio dicembre la stessa Cantina ha deciso di pagare tutto in contanti, per sostenere i suoi viticoltori già penalizzati da una scala dei prezzi indicativi più bassa. 

Il patto estivo - Per il 2019 l’Interprofessione della vite e del vino ticinese (Ivvt) ha fissato infatti un prezzo base di 3.65 franchi per chilo di uva Merlot (con 87,4 gradi Oechsle). Decisamente meno rispetto ai 4.15 indicati dall’accordo di metà luglio tra viticoltori e trasformatori. «Non c’è stata nessuna rottura di quell’intesa - spiega però Andrea Conconi, direttore dell’Ivvt -. Già in estate avevamo detto che ci sarebbero state delle deduzioni a causa del mercato e degli stock in cantina». 

Annata 2019: di più per meno - E deduzione c’è stata: dal prezzo di luglio è stato scalato un 4% a sostegno delle vendite e un ulteriore 8% per gli eccessivi quantitativi prodotti. Risultato finale: si produce di più, circa il 10% rispetto alla media decennale, ma il valore globale della vendemmia 2019 - stimato in 26 milioni di franchi - è sceso del 6% rispetto all’anno prima (e del 3% sulla media degli ultimi dieci anni).

Gli eccessi in vigna - Sono numeri e percentuali di una viticoltura che sta attraversando un momento assai delicato. Intendiamoci, altri sono messi anche peggio: «La più grande cantina svizzera, la Provins - ricorda Conconi - non ha ancora pagato l’ultima rata della vendemmia 2018». Anche in Ticino ci si scontra con quantitativi d’uva difficilmente assorbibili da un mercato «molto stagnante, in cui la gente beve sempre meno». Non tutti sembrano consapevoli: «Ci sono stati produttori che hanno consegnato quantitativi di 1,3 kg al metro quadro quando la Doc indica 1 chilo. È chiaro che tanto vino in cantina crea delle difficoltà di smercio».

Soluzioni allo studio - Le soluzioni per intervenire non mancano e l’Interprofessione ne discuterà già a gennaio. Crescono, ad esempio, le pressioni per aumentare i prezzi dell’uva di collina rispetto a quella di pianura (dove la meccanizzazione spariglia il confronto): «Ma ci sono due scuole di pensiero. Una sostiene che alla stessa resa al m2 l’uva di collina non ha una qualità per forza inferiore, l’altra afferma il contrario. Tuttavia con un prezzo più alto i produttori di collina potrebbero non trovare il trasformatore che compra. Qui da noi non è la denominazione, la zona di produzione, che fa la differenza. Discuteremo sicuramente se abbassare le rese al metro quadro a 800 grammi». 

La proposta eretica - Non tutti i viticoltori di collina auspicano però un aumento dei prezzi delle loro uve, il nostro interlocutore sopracenerino suggerisce invece di abbassarli per la pianura: «Bisognerebbe studiare un pagamento sulla base della declività. Penalizzando, non di colpo ma gradualmente nel tempo, chi effettua quantitativi grandi beneficiando di costi irrisori rispetto ai nostri». La questione, aggiunge, non è solo economica: «Se abbandoniamo i ronchi, coi loro terrazzamenti, perdiamo un pezzo di storia e paesaggio ticinesi».

La battaglia sugli sconti - Di sicuro è arduo soddisfare produttori e cantine, avere cioè la botte piena e la moglie ubriaca: «Abbassando le rese a 800 grammi - riprende Conconi - ci troveremmo con meno vino a un prezzo alto, per cui sarà difficile fare una scontistica». Ma anche in questo campo la concorrenza è agguerrita: «Basti dire che la Spagna ha ricevuto 120 milioni di euro dall’Unione europea per la promozione dei suoi vini nei Paesi extracomunitari». Per chiudere dal direttore dell’Ivvt una nota d’ottimismo e una un po’ più cupa: «Nonostante tutto in diversi mi dicono di star vendendo bene sotto Natale. Non mi spaventa l’ultima vendemmia, ma la prossima».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GI 3 mesi fa su tio
Tutto ed il contrario di tutto: vogliamo un territorio "coltivato" (il bel vedere non fa mai male), vogliamo buoni vini (ma non siamo disposti a pagare un certo prezzo che rimane sul territorio....), ci lamentiamo della nostra situazione economica (ma si fa la spese "in rete" e "oltre frontiera").....Buone Feste a tutti !!
Evry 3 mesi fa su tio
Lamentoni e lagnari cronici..... non va mai bene niente e la colpa è sempre di qualcosa d'altro !!!! Diminuie i vostri mega guadagni ................................
Flavio Zana 3 mesi fa su fb
merlot del ticino a 40 franchi, con 30euro ti prendi un barolo da 90rp.. poi in ticino si beve meno, sisi, vai tra.
Bandito976 3 mesi fa su tio
Tutti a far vino queste sono le conseguenze
Yoebar 3 mesi fa su tio
La prossima vendemmia non mi spaventa perché ho mollato tutto. Mercato e trattamento vergognoso e mi fermo qui. Faccio gli auguri a chi ha il coraggio di continuare a queste condizioni.
pontsort 3 mesi fa su tio
Si é voluto piantare la vigna sul piano per fare facili guadagni e queste sono le conseguenze.
moma 3 mesi fa su tio
La vil globalizzazione non c'entra proprio nulla? Mi chiedo.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-01 20:56:45 | 91.208.130.86