Ticino Turismo
Angelo Delea, proprietario della Vini & Distillati Angelo Delea SA, Andrea Conconi, Direttore di Ticinowine e altri partner alberghieri.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
22 min
Gestione dei rifiuti, a settembre un nuovo corso
CANTONE
1 ora
Condannato a 3 anni per violenza carnale
CANTONE
1 ora
Prove di caldo in attesa di quello torrido
MASSAGNO
2 ore
Corsi di lingua italiana, consegnati gli attestati
CANTONE
3 ore
Aumento del prestito obbligatorio, il VPOD è per la bocciatura
MANNO
4 ore
Due nuovi membri nel Consiglio SUPSI
CANTONE
4 ore
Imposta di circolazione: il nuovo calcolo è più leggero, anche per le tasche
BELLINZONA
4 ore
Un video lancia la stagione della Mountain Bike
CANTONE
4 ore
Per un sostegno alla famiglia con parenti gravemente malati
BEDANO
5 ore
Campi estivi alla Scuola la Casa di Irma
CANTONE / URI
5 ore
Interventi nel tunnel del Gottardo, l'unione fa la forza
LUGANO
5 ore
Scuola Media di Lugano Centro 1, premiati i migliori studenti
BELLINZONA
6 ore
Cassa pensioni dei dipendenti comunali: «I nodi vengono al pettine»
BELLINZONA
6 ore
In Italia era ricercato, in Ticino prendeva l’assistenza
CANOBBIO
7 ore
Un anno di lavori per la nuova pista ciclabile
CANTONE
20.05.2019 - 13:530

Il Ticino strizza l'occhio al «turismo d'affari»

Il segmento ha notevoli potenzialità di sviluppo: «Nel 2018 abbiamo ricevuto un centinaio di richieste e per ognuna abbiamo piantato una piantina di vite a Quartino»

BELLINZONA - Dopo la messa in esercizio di AlpTransit, in Ticino si è registrato un aumento degli eventi che rientrano nel segmento del cosiddetto turismo d’affari. Per quanto riguarda il futuro, il 50% degli operatori si aspetta un ulteriore incremento anche in seguito all’apertura del tunnel di base del Ceneri. Sono alcuni dei dati emersi dall’indagine “Il turismo MICE in Ticino” pubblicata in questi giorni dall’Osservatorio del turismo. L’obiettivo era quello di delineare un quadro generale sull’offerta attuale nel nostro Cantone e identificare le potenzialità di sviluppo.

Segmento in espansione - Il segmento MICE – acronimo di Meetings, Incentives, Conventions e Events – garantisce, a livello svizzero, il 18% dei pernottamenti alberghieri. Questi ospiti producono ogni anno un giro di affari pari a 1,8 miliardi di franchi. Pur non essendo una destinazione paragonabile ai grandi centri economici svizzeri ed europei, il Ticino ha parecchie carte a suo favore da giocare e, in prospettiva futura, buone possibilità di crescita. Il completamento di AlpTransit, si legge nell’indagine dell’O-Tur, «permetterà di organizzare eventi in tutto il Cantone e di proporre una più ampia gamma di attività raggiungibili in minor tempo».

Sfida per il futuro - Tra le principali sfide per il futuro vi sono il rinnovamento di alcune strutture, la sensibilizzazione dei vari attori ticinesi sull’importanza del settore e la necessità di dare maggiore identità a questo segmento turistico. «Questo potrebbe avvenire ad esempio tramite la realizzazione di una piattaforma che permetta di collegare online tutte le strutture», si legge nel rapporto. «La nostra strategia per quanto riguarda il settore MICE è focalizzata sugli ospiti svizzeri, che generano il 90% delle richieste – sottolinea Kaspar Weber, direttore ad interim di Ticino Turismo -.  Oltre ad avere strutture ricettive adeguate, è importante poter offrire interessanti proposte di attività da svolgere in gruppo e per il team building. Una nuova sezione del nostro sito è dedicata proprio alle “Ispirazioni” per il segmento MICE: dai tour in mongolfiera alle cene con delitto, dai corsi di cucina fino alle numerose proposte di sport all’aria aperta».

Per ogni richiesta una nuova vite - Sono state un centinaio, nel 2018, le richieste dirette giunte a Ticino Turismo inerenti all’organizzazione di congressi e seminari. Con l’obiettivo di continuare a promuovere il nostro Cantone come destinazione ideale per questo segmento, viene lanciata oggi una campagna promozionale battezzata «Le barbatelle MICE» in collaborazione con le cantine Delea di Losone. «Abbiamo iniziato a piantare 94 barbatelle di vite in un nuovo vigneto a Quartino – spiega Monica Reggiani – responsabile MICE a Ticino Turismo –. Le piantine simboleggiano le richieste ricevute lo scorso anno ed è dunque un modo per ringraziare i nostri clienti d’Oltralpe. È un investimento concreto sul territorio di cui, in futuro, potranno beneficiare loro stessi». Il mondo del vino, infatti, offre molte possibili attività collaterali ai congressi (degustazioni, visite ai vigneti, ecc), così come diverse location che si prestano ad ospitare gli eventi più variegati. 

Ticino Turismo
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
GI 4 sett fa su tio
ottima idea: tra un qualche anno, i "nuovi" arrivati potranno così sorseggiare anche dell'ottimo Merlot (almeno spero...)
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-18 15:43:27 | 91.208.130.86