Depositphotos (3dart)
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
2 ore
8'070 firme per salvare l'aeroporto
CONFINE / CANTONE
3 ore
Ticinese si ribalta a Ponte Chiasso, ferita una 67enne
SAN VITTORE (GR)
4 ore
Un (altro) brunch con Martullo-Blocher e Chiesa
CANTONE
4 ore
Nuovi tagli in vista alla Rsi
COLLINA D'ORO
5 ore
Collina d'Oro riceverà il marchio per la Città dell'energia
CAPRIASCA
5 ore
Tre nuove installazioni arricchiscono Artinbosco
CONFINE / CANTONE
5 ore
Agente di sicurezza in Ticino trovato morto dopo la gara di bodybuilding
ROVEREDO (GR)
6 ore
Galleria di San Fedele chiusa oltre un'ora per un incidente
PARADISO
6 ore
Grandi festeggiamenti per i 25 anni della Residenza Paradiso
CANTONE / SVIZZERA
6 ore
Sicurezza a ridosso del confine: «Il problema è tutt'altro che risolto»
CANTONE
6 ore
«Quante sono le donne nei consigli d’amministrazione?»
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Uffici postali: «Le richieste del Ticino sono già prese in considerazione»
CANTONE
7 ore
Sono tornate le mezze stagioni
CANTONE
8 ore
Giovani ticinesi pronti a trasferirsi oltre San Gottardo: raccontaci la tua esperienza!
LUGANO
8 ore
Dieci faggi verranno sostituiti per «tutelare la pubblica incolumità»
CANTONE
17.02.2019 - 18:440

Truffa dei diamanti, una persona in manette

Un uomo avrebbe finto la scomparsa di una partita di pietre preziose, offerte quale garanzia di un prestito, per estorcere denaro alla sua vittima

LUGANO - È una vicenda iniziata nel 2016 e culminata giovedì con l'arresto di un pensionato italiano, domiciliato in Francia, quella che ha come oggetto una partita di diamanti depositata in una banca di Chiasso, del valore di circa due milioni di euro. L'uomo dovrà rispondere delle accuse di truffa e tentata estorsione.

La vittima del presunto raggiro, come anticipa la Rsi, è un connazionale conosciuto tre anni fa sulla Costa Azzurra, dal quale l’uomo aveva ottenuto dei prestiti per un totale di 700'000 euro, impegnandosi ad offrire quale garanzia le pietre preziose. Quando però i due si recarono, la scorsa estate, nell'istituto della cittadina di confine, l'astuccio risultò vuoto.

Di conseguenza, il presunto truffatore pretese la metà del controvalore in denaro. Tenuto conto dei 700'000 euro già ricevuti come prestito, ne chiese altri 300'000.

L’amico finse di accettare, rivolgendosi poi al Ministero pubblico, che come detto giovedì ha provveduto all'arresto. Secondo gli inquirenti, l'uomo avrebbe tolto i diamanti (peraltro finti) prima di chiudere il cofanetto, con l’intento di poi esigerne il rimborso.

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 22:43:17 | 91.208.130.85