Keystone
SVIZZERA / GERMANIA
20.08.2019 - 12:040

«I videogiochi sono un'espressione culturale con grandi potenzialità»

Il Governo intende trattarli come tutte le altre discipline culturali, con iniziative pilota sperimentali e promozione

BERNA - «I videogiochi costituiscono una delle espressioni culturali più caratteristiche del XXI secolo e hanno grandi potenzialità sia sotto il profilo culturale che economico». Così si è espresso il consigliere federale Alain Berset in occasione dell'inaugurazione dello stand svizzero alla Gamescom di Colonia, la più grande fiera europea dedicata ai videogiochi, apertasi oggi.

Per questo motivo, si legge in una nota odierna di Pro Helvetia, nel Messaggio sulla cultura 2021-2024 il Governo intende trattare i videogiochi come tutte le altre discipline culturali, passando dalle iniziative pilota sperimentate finora a un sistema di promozione più sistematico e regolare.

È per la settima volta che la Fondazione svizzera per la cultura organizza la partecipazione di una delegazione di sviluppatori svizzeri di videogame a Colonia. Per il direttore di Pro Helvetia, Philippe Bischof, «i videogiochi svizzeri si distinguono per qualità e carattere innovativo, ed è per questo che sono in grado di affermarsi a livello internazionale».

In totale alla Gamescom sono presenti 18 studi elvetici di videogiochi, fra i quali il "Momo-pi" di Bulle (FR), che si è appena giudicato il Top 10 Award Google Play all'Indie Games Festival 2019 in Giappone, precisa ancora la nota.

L'11esima edizione della fiera europea si concluderà il 24 agosto e sono previste diverse centinaia di migliaia di visitatori.
 
 

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 17:29:05 | 91.208.130.86