SVIZZERAUn medicamento per proteggere chi non può vaccinarsi

10.03.22 - 10:11
Se l'è assicurato la Confederazione che tramite l'Ufsp ha stipulato un contratto con AstraZeneca.
Deposit
Un medicamento per proteggere chi non può vaccinarsi
Se l'è assicurato la Confederazione che tramite l'Ufsp ha stipulato un contratto con AstraZeneca.
Si tratta di una terapia anti-corpale combinata a base di tixagevimab e cilgavimab ed è destinata a quelle persone che hanno un sistema immunitario indebolito.

BERNA - L’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) ha concluso con AstraZeneca un contratto per l’approvvigionamento di medicamenti in grado di prevenire il Covid-19. «Si tratta - viene precisato in una nota - di una terapia anti-corpale combinata a base di tixagevimab e cilgavimab» destinata a quelle persone a rischio che hanno un sistema immunitario indebolito e che per questo motivo non possono vaccinarsi.

«Alcuni gruppi a rischio - ricorda l'Ufsp - non rispondono alla vaccinazione contro il coronavirus e di conseguenza, non sono in grado di sviluppare una protezione immunitaria sufficiente». Ciò riguarda per esempio coloro che si sono sottoposti a un trapianto di organi o di cellule staminali, i pazienti affetti da malattie croniche che devono assumere medicamenti che inibiscono il sistema immunitario o anche le persone con difetti immunitari congeniti. «Per loro la Confederazione - conclude l'Ufsp - ha dunque deciso di acquistare questi medicamenti da poter impiegare a scopo preventivo».

Da parte sua Berna ha deciso di assumersi i costi della terapia preventiva finché non sarà rimunerata dall’assicurazione malattie obbligatoria. Il medicamento, che dovrebbe proteggere per almeno sei mesi dall'infezione, sarà disponibile per alcuni pazienti a rischio già a partire dal prossimo mese di maggio. Non essendo ancora stato omologato, potrà però essere prescritto solo «in via eccezionale».

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE